L’hanno concepita prima in vigna, poi coccolata in cantina per almeno 10 anni ed eccola finalmente la nuova bottiglia di Mosnel, un Franciacorta Pas Dosé Riserva 2008, che arriverà sul mercato a settembre 2018 in 5.900 esemplari. “Volevamo un vino che raccontasse la nostra storia, il nostro stile e la nostra identità in modo autentico e crediamo di esserci riusciti”, ci tiene a sottolineare Lucia Barzanò, presentando in anteprima il Metodo Classico al termine di una lunga degustazione con altri cinque Franciacorta rappresentativi della maison fondata dalla madre Emanuela Barboglio. Mentre la scelta dell’annata 2008 è stata quasi obbligata grazie a una vendemmia eccellente, il rilascio 10 anni dopo è stato deciso in seguito a periodici e ripetuti assaggi, fino a quando si è ritenuto che la Riserva avesse raggiunto uno stadio altrettanto eccellente di maturazione e affinamento. E il risultato è un vino di grande eleganza e che promette una notevole longevità. Eppure lo stile del nuovo Franciacorta non si discosta affatto dai tratti propri delle altre etichette di Mosnel, con il Pinot Bianco che conserva sempre un ruolo distintivo negli assemblaggi e con il minimo ricorso all’aggiunta di zuccheri o come nel caso del Pas Dosé con la scelta di rinunciare al dosaggio.

Il battesimo della Riserva è stato quindi celebrato abbinando la nuova creatura ad altre bottiglie rappresentative dell’annata 2008, Ferrari Riserva Lunelli 2008 e Moët & Chandon Grand Vintage 2008. Dunque, un breve ma gustoso viaggio a ricordo di una vendemmia fortunata arricchito dalla cucina dello chef stellato di Cherasco Francesco Oberto.