16 Novembre 2017, Parma – Aspettative, rumors, polemiche e picchi di gioia: la presentazione della celebre e famigerata ‘Rossa’, la Guida dei Ristoranti Michelin, rimane comunque uno degli eventi più attesi e discussi dell’universo gastronomico (e non solo). Tanti e diversificati i pronostici azzardati in questi giorni da chef e addetti al settore, ma come ogni anno una delle poche certezze della Michelin è che la Guida rimane capace di riservare sempre, a suo modo, tante inaspettate sorprese (più o meno gradite).
Noi di PG, presenti oggi al lancio dell’edizione 2018 della Guida (presso il monumentale Teatro Regio di Parma), non avanziamo particolari commenti sui punteggi e sui premi assegnati, ma ci limitiamo a riportare l’elenco delle nuove stelle con un rimando alle nostre recensioni che mappano esperienze e riflessioni già maturate nel corso degli anni. Racconti estrapolati sul campo, dal nostro consueto ‘pellegrinaggio passionale’ per le tavole italiane e internazionali.
Le notizie che colpiscono maggiormente al termine della presentazione di oggi, sono comunque la perdita delle 2 stelle da parte del Ristorante di Carlo Cracco e di Sadler, rilanciate dal primo nuovo 3 Stelle Michelin Italiano (che porta lo Stivale a quota 9 Tristellati Totali): Norbert Niederkofler del St. Hubertus del Rosa Alpina Hotel.

Premi – Awards Michelin 2018
-Premio servizio di sala: Ristorante Meo Modo del Borgo Santo Pietro – Chiusdino (SI) – Restaurant Manager Andrea Salvatori, Chef Andrea Mattei
-Qualità nel tempo: Al Gambero – Calvisano (BS) – Chef Maria Paola Geroldi, Patron Antonio Gavazzi
-Giovane chef: Alessio Longhini della Stube Gourmet all’interno dell’Hotel Europa – Asiago (VI)
-Donna chef: verrà svelato e consegnato il 26 Marzo 2018

Nuovo Tre Stelle

St. Hubertus del Rosa Alpina Hotel – Norbert Niederkofler

Gli 8 Tre stelle italiani sono tutti confermati

Piazza Duomo – Alba (CN) – Enrico Crippa
Da Vittorio – Brusaporto (BG) – Enrico e Roberto Cerea
Dal Pescatore – Canneto sull’Oglio (MN) – Nadia e Giovanni Santini
Le Calandre – Rubano (PD) – Massimiliano Alajmo
Francescana – Modena – Massimo Bottura
Enoteca Pinchiorri – Firenze – Riccardo Monco
La Pergola – Roma – Heinz Beck
Reale – Castel di Sangro (AQ) – Niko Romito

Nuovi Due stelle

VUN del Park Hyatt Milano – Andrea Aprea
Magnolia – Cesenatico (FC) – Alberto Faccani
La Siriola del Ciasa Salares Hotel – San Cassiano (BZ) – Matteo Metullio

Nuovi Una stella

Contraste – Milano – Matias Perdomo
Trussardi alla Scala Il Ristorante – Milano – Roberto Conti
Essenza – Milano – Eugenio Boer
Berton al Lago dell’Hotel Il Sereno – Torno (CO) – Andrea Berton, Raffaele Lenzi
Osteria dell’Arborina – La Morra (CN) – Andrea Ribaldone
Larossa – Alba (CN) – Andrea Larossa
Villa Giulia dell’Hotel Villa Giulia – Gargnano (BS) – Maurizio Bufi
Florian Maison – San Paolo d’Argon (BG) – Umberto De Martino
Undicesimo Vineria – Treviso – Francesco Brutto
Stube Gourmet dell’Hotel Europa – Asiago (VI) – Alessio Longhini
Glam del Palazzo Venart – Venezia – Enrico Bartolini, Donato Ascani
Culinaria im Farmerkreuz – Tirolo (BZ) – Manfred Kofler
Cum Quibus – San Gimignano (SI) – Alberto Sparacino
Poggio Rosso di Borgo San Felice – Castelnuovo Berardenga (SI) – Fabrizio Borraccino
Osteria Perillà – Castiglione d’Orcia (SI) – Marcello Corrado
D.One Restaurant – Località Montepagano (TE) – Davide Pezzuto
La Terrazza dell’Hotel Eden – Roma – Fabio Cervo
Tordomatto – Roma – Adriano Baldassarre
All’Oro dell’Hotel The H’All tailor Suite – Roma – Chef Riccardo Di Giacinto
Locanda del Borgo – Telese Terme (AV) – Luciano Villani
Il Refettorio del Monastero Santa Rosa – Conca dei Marini (SA) – Christoph Bob
La Serra – Positano (SA) – Luigi Tramontano

Perdono due stelle
Sadler – Milano – Chef Claudio Sadler
Cracco – Milano – Chef Carlo Cracco

Perdono la stella
Pascia – Invorio (NO)
Pepit Royal – Courmayeur (AO)
All’Acquacotta – Saturnia (GR)
Locanda Severino – Caggiano (SA)