Passione Gourmet Café Constant - Chef Christian Constant, Parigi, di Orson - Passione Gourmet

Café Constant – Chef Christian Constant, Parigi, di Orson

Trattoria
Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 05-2022

390

Recensione Ristorante
Avete disperatamente cercato di avere un tavolo nel neobistrot più à la mode del momento e non ci siete riusciti? Oppure siete arrivati a Parigi di domenica e avete capito che c’è poco di aperto a parte le trappole per turisti?
Non disperate, c’è un rifugio sicuro: il Café Constant.

Creato ormai da sette anni dal capostipite della generazione bistro-gastro, Christian Constant, una volta officiante al Crillon e oggi proprietario dello stellato Violon d’Ingres e di altre due interessanti proposte gastronomiche nello stesso isolato del Café, questo posto è una vera istituzione. Un bistrot di quartiere vero, disponibile anche per un bicchiere a metà mattina su bancone di zinco, che propone a pranzo e a cena un menu piuttosto ampio di classici della tradizione francesi eseguiti da manuale. Un passaggio didascalico nella cucina d’oltralpe, da aggiungere d’imperio ai tour organizzati per le scolaresche italiane, viceversa sempre affollanti catene di fast food o improbabili pizzerie dove spendono poco di meno (e si avvelenano).
Il locale è pieno già alle 19.30 (qui non si accettano prenotazioni, l’importante è venire col giusto anticipo), seduto c’è un mix eterogeneo di coppie anziane del quartiere (il borghese ma animato Gros-Caillou) e americani pronti a esultare a ogni portata; tutti pressati in tavolini microscopici che solo a Parigi si è disposti ad accettare (in compenso il servizio è rapido ma molto cortese, dote, si sa, rarissima da queste parti).
La carta è piuttosto ampia e affianca a commoventi piatti di una volta, fieri di essere eseguiti “comme autrefois”, stimolanti suggerimenti del mercato; quanto basterebbe per passarci una volta alla settimana, se si considerano anche i prezzi attraenti.
In un’ora di felicità ci siamo concentrati dapprima sul raviolo di astice aromatizzato allo zenzero con bisque dello stesso astice (foto in apertura)
Pasta perfetta, astice di qualità da tre stelle per freschezza e cottura perfetta a cui lo zenzero apporta una nota aggiuntiva ma non soverchiante, splendida la bisque. Lo lasciamo così…

390
Col solito sorriso inebetito che ci viene da queste parti (ma è così semplice la formula del benessere gourmand?) accogliamo il volatile “patte bleue” arrostito al burro d’erbe con patate novelle al dragoncello

390
Carne di giusta tenacia, saporitissima, pelle croccante e profumata, patate da antologia. Impeccabile e impossibile da rimandare in cucina senza scarpetta
Al dessert, abbiamo da queste parti già provato nel tempo profiteroles, riz au lait e crème caramel da favola, ma non sappiamo cosa aspettarci dalla tarte fine aux pommes, che cosa si potrà fare di meglio di quanto già provato mille volte o delle riletture cesellate di Passard?

390
E’ strepitosa, con le sue caramellizzazioni millimetriche e la sfoglia di scuola, accompagnata da un gelato alla vaniglia buonissimo e servito nella perfetta temperatura e consistenza. Dessert di piacere puro.
Lo so, ho usato una quantità di complimenti che insospettisce, ma davanti a questo tipo di locale popolare credo si debba avere la più grande ammirazione. Successo meritatissimo prolungato negli anni: M. Constant, grazie davvero.
PS Non lontanissimo da qui, di Christian Constant ce n’è un altro, meraviglioso pasticciere, omonimo. Ma questa è un’altra storia…

il pregio: Una certezza … costante

il difetto: Spazi davvero minimi

Café Constant
139, rue Saint-Dominique 75007 Parigi
Tél.:01 47 53 73 34
contact@cafeconstant.com

Numero coperti : 40
Carta: € 34
Menù degustazione: € 16 (2 piatti); € 23 (3 piatti)

www.cafeconstant.com

Visitato nel mese di Ottobre 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Orson

3 Commenti.

  • AvatarPiermario12 Novembre 2010

    Concordo in pieno. Fondamentali ottimi e qualche vero colpo di classe. Una piacevolissima certezza, anche nel contesto di una città che, come dire, per il gourmet non rappresenta esattamente una landa deserta :)

  • AvatarPuccio12 Novembre 2010

    Bello, bello, bello! L'unico appunto che dalle foto posso fare è al raviolo, dove mi sembra troppo affogato nella bisque...

  • Avatarblakongo27 Aprile 2011

    provato pochi giorni fa..concordo sulla qualità ma non ho trovato menù a prezzo fisso. Solo entreè a 11 euro e plat a 16. Vini cari comme d'habitude. grazie del consiglio!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *