IN BREVE
Pregi
  • Una delle migliori risotterie d’Italia
DIFETTI
  • I prezzi un po’ troppo elevati dei dolci
15/20 Valutazione

Si ritorna al Pomiroeu, quasi un’istituzione della provincia brianzola. I cancelli del “pometo” (parola con cui si indicava in passato una particolare zona della città in cui vi erano ricche coltivazioni di mele) sono infatti aperti sin dal 1850, ma solo dai primi anni novanta Giancarlo Morelli ha iniziato la sua avventura rilevando la vecchia struttura e compiendo un percorso evolutivo notevole.

Morelli, bravo ristoratore e maestro di cucina, ha trasformato la sua creatura in un delizioso e moderno angolo gourmetPersona di palato fine, esperto in vini e vivande. Termine combacia attualmente con un'idea creativa e avanguardista applicata al mondo gastronomico.... di rango indubbiamente elevato, un luogo in cui si sta molto bene e in cui si può gustare una doppia linea di cucina (tradizionale e creativa) eseguita con i medesimi risultati e contraddistinta da un unico comune denominatore: la sostanza. Nella nostra visita siamo partiti in quarta, abbiamo raggiunto una vetta molto alta con una portata, per poi rallentare con i secondi fino ai dolci, a tratti stucchevoli (nonchè troppo costosi). In tutta la proposta gastronomica del ristorante tuttavia, meritano un capitolo a parte i risotti. Quelli che si trovano qui rappresentano una tra le massime espressioni che si possano trovare nello stivale, per esecuzione, tecnica ed estro. In particolare, quello in carta scelto da noi con tartareLa bistecca alla tartara (conosciuta anche come carne alla tartara, steak tartare o più comunemente tartare) è un piatto a base di carne bovina o equina macinata o finemente tritata e consumata cruda. La ricetta prevede che dopo essere stata triturata la carne deve o marinare nel vino o in altri alcolici oppure viene aggiunto del succo di limone e... di gamberi, tartufo nero e colatura di aliciÈ una salsa di alici fermentate prodotta a Cetara, sulla Costa Amalfitana. Si pensa che la ricetta derivi dal Garum, condimento con intestini di pesce usato dagli antichi Romani. La preparazione: le alici pescate in primavera e in estate sono disposte a strati all'interno in botti di castagno o rovere alternate a strati di sale marino. La botti vengono quindi... (miglior risotto 2010 nel concorso Riso Gallo), come direbbe qualcuno, vale da solo la deviazione. E’ brillante e bilanciato nel gusto ed è eseguito in maniera millimetrica nella mantecatura e nella consistenza; un piatto in cui il riso ha una connotazione ben precisa che muta a seconda degli elementi (gambero, tartufo, colatura) che la forchetta pesca nel piatto. Da applausi. Qualche piccola delusione invece ci è arrivata dall’assemblaggio dei secondi piatti. Non dalla cottura delle carni, sono infatti palesi le doti e le capacità tecniche di Morelli in questo campo, bensì dalle deludenti proposte dei contorni al piatto e dalla presentazione. Altra pecca invece sui dolci, senza molto mordente nonché tendenzialmente stucchevoli. Inoltre abbiamo notato una certa staticità della carta: Morelli ha uno staff validissimo, pertanto una maggiore prolificità non sarebbe azzardata; le carte per essere ben più alti di valutazione ci sono tutte, c’è grande entusiasmo sia in sala che in cucina, c’è grande esperienza e la ricca clientela della zona aiuta a poter tenere ben in funzione questa macchina che macina sempre un bel numero di coperti. Però, c’è un però, il gourmet si aspetta da un cuoco di così grande capacità che tolga il freno a mano e liberi tutta la sua energia, davvero tanta, che ha a disposizione.

Per la cronaca, dicevamo, tutto di alto livello, a partire dal pane, il cui cestino viene costantemente sostituito alla minima perdita di fragranza.

L’entrata è molto equilibrata con la ricotta di capra su crema di finocchi;

Tra i piatti migliori del pranzo c’è l’Insalata tiepida di verdure con stinco di porcellino, finferli e lardo croccante al limone candito, notevole per freschezza e contrasti. Piatto fortemente stagionale in cui tutti gli elementi, le cui singole cotture sono perfette, sono nettamente distinti. Si rischia di chiedere il bis.

Eccoci dunque al Risotto Carnaroli del “Pavese Gran Riserva” alla ricotta di bufala leggermente affumicata con tartare di gamberi e tartufo nero, colatura di alici di cui abbiamo già detto e che riproponiamo in prospettiva opposta, merito della sua bontà.

Si passa ai secondi con La cotoletta alla milanese nella versione “alta” (al momento dell’ordinazione il maitre chiede se la si gradisce battuta o alta), servita con patate, insalatina e dei golosi pomodorini idratati nell’olio e pompelmo. Qui il piatto ovviamente lo fa la cotoletta, con panatura perfetta e asciutta, carne che conserva una giusta traccia rosata al cuore e resta morbida (operazione perfettamente riuscita), mentre sono deludenti i contorni, ad eccezione dei pomodori. Comunque una “signora cotoletta”.

Meno sorprendente il Pollo ruspante in casseruola con verdure novelle, crema allo yogurt di capra e peperoncino fresco. Qui è tutto l’insieme che delude. Ci aspettavamo una divagazione sul pollo, magari con cotture e preparazioni diverse tra petto-ali-cosce. Invece la preparazione in se è molto ordinaria ed è resa ancora più scarna dalle poco incisive verdurine che si riducono quasi a mero orpello di riempimento decorativo del piatto. Sicuramente da reinterpretare.

Dettaglio della crema di yogurt.

Anche il capitolo dolci ci lascia un filo perplessi per l’eccessivo contenuto zuccherino, non tanto del ParfaitPreparazione dolce di origine francese: si tratta di un gelato del tipo semifreddo, leggero, molto delicato e soffice come una spuma, confezionato con un unico composto di base (frutta secca, cioccolato o anche prodotti salati e vegetali).... alla rosa canina con crema di yogurt al limone e cialda al sesamo e miele, in cui è obbligato il passaggio acidulo della crema di yogurt al limone

quanto per la Tarte tatin di mele con gelato fior di ricotta Seirass del Fieno, che avremmo preferito più neutra o, quantomeno, meno dolce. Anche qui, come nel dolce precedente non manca assolutamente la tecnica bensì l’equilibrio gustativo.

Dalla buona carta dei vini l’ardua scelta di un’unica bottiglia per tutto il pasto è ricaduta sul crucco Riesling Uhnlen Krober 2008.

Piccola pasticceria di buon livello. Gustosissima la crema al mascarpone con lingue di gatto.

Come detto, nel complesso, al Pomiroeu si sta davvero bene, anche se qualche tempo fa avevamo trovato una cucina meno “seduta” sugli allori dei riconoscimenti conquistati.

Visitato il 10-2011

3 Risposte

  1. Alessandro

    Sono anni che manco dal Pomireou (più di tre senz’altro): ricordo ancora il miglior risotto alla milanese mai mangiato (superiore a quello di Cracco), tra l’ altro fuori carta e quindi gentile concessione dello chef, un favoloso piccione arrosto e davvero buona la cotoletta. Leggendo questa bella recensione mi è davvero venuta voglia di tornarci.
    Alessandro

    Rispondi
  2. Alessandro Pellegri

    Come anticipato, provato venerdì a cena al volo con un amico.

    Risotto (ricotta di bufala affumicata, battuto di gamberi, tartufo nero e colatura di alici) stratosferico, davvero una grandissimo risotto, cottura e mantecatura perfette, consistenza degli ingredienti millimetrica, davvero interessante.
    Ok, lo hanno in carta da parecchio tempo… ma avercene!

    Reparto dolci: ho preso il tiramisù croccante, e in questo dessert non ho notato l’eccessiva dolcezza indicata in rece, o quantomeno non più di quella di un “comune” tiramisù… Probabilmente ci fossero state un pò più di gocce di gelatina al caffé (amaro) sarebbe risultato un pò meno “bimbesco”, ma alla fine sempre di tiramisù trattasi, la parte golosa fa gran parte…
    Discorso prezzi, sono d’accordo. 16€ per i dolci è un’assurdità, così come è un pò fastidioso spendere, per un primo, dolce, caffé e una bottiglia assolutamente tranquilla (34€ per la precisione), 70 euro/procapoccia …

    Location e cucina interessanti, ma prezzi a mio avviso da smussare, almeno su antipasti, dessert e “complementi”…

    Note di merito la cantina, davvero affascinante, e lo store adiacente, aperto con gli orari del ristorante, con diverse chicche gastronomiche in vendita…

    Rispondi
    • The Dark Knife
      The Dark Knife

      E’ un ottimo ristorante con un’ottima cucina, ottimo servizio e bella location. Certo è che i prezzi sono praticamente gli stessi di altri ristoranti della zona che a mio avviso propongono una cucina più innovativa. Vedi Bartolini o, più in la’, Vinciguerra. Certo, siamo consapevoli del fatto che un bel servizio costa, così come avere una cantina ben fornita o dell’ottima materia prima. Sul capitolo dolci però i conti non tornano affatto, sono almeno un 5-6 euro troppo cari (se penso ai dolci di Uliassi o dello stesso Bartolini che costano di meno…).

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata