Passione Gourmet L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata (AG) - Passione Gourmet

L’Oste e il Sacrestano

Ristorante
via S. Andrea 19, Licata (AG)
Chef Peppe Bonsignore
Recensito da Alberto Cauzzi

Valutazione

15/20

Pregi

  • Una cucina concreta a ottimi prezzi.
  • Un'alternativa interessante per una cena d'autore a Licata.

Difetti

  • La possibilità di scegliere solo tra 3 menù degustazione.
  • La presenza del coperto.
Visitato il 08-2015

Licata, città spesso raccontata più per i suoi difetti che per gli altrettanto indiscutibili pregi, merita di essere narrata, non solo dal punto di vista culinario, per quello che può offrire. Un nuovo sindaco si è appena insediato e l’intento è quello di lavorare sul degrado e sulla trascuratezza per far tornare a splendere questa bella perla della Sicilia sud-occidentale.
Abbiamo raccontato qui, qui e qui di altri luoghi di interesse gastronomico, segno che la città non è affatto ferma ed immobile.

Licata è ricca di storia, di monumenti, sopratutto religiosi, spesso non adeguatamente valorizzati.
Molti licatesi hanno voglia di fare, hanno il desiderio di emergere e di far risorgere questa città. Il capofila indiscutibile, dal punto di vista enogastronomico, è Pino Cuttaia, che è riuscito a portare lustro attraverso ambiti riconoscimenti, ricevuti da pressoché tutte le guide gastronomiche dello stivale.

Ma, nel centro della Licata più profonda, un’altra stellina, speriamo presto de facto, brilla nel panorama cittadino. Un cuoco, Peppe Bonsignore, che si impegna ogni giorno nella riscoperta delle antiche tradizioni culinarie, che esplora nuovi terreni e profumi, non solo della tradizione, della terra Licatese.

Un lento ed inesorabile percorso che lo porta continuamente ad affinare, a migliorarsi. Toccando vette interessanti e consistenti sopratutto con i primi -ricordiamo un raviolo ripieno di ricotta e limone, gamberi, brodo di vongole e crema di datterino da sballo, purtroppo non fotografato nella nostra recente visita- ma non disdegnando alcuni passaggi altrettanto intriganti sulle entrate.

Abbiamo però colto anche alcune staticità, non abbiamo visto la solita spinta propulsiva che lo ha contraddistinto sino ad ora. La creatività e la voglia di continuare a crescere pare abbia lasciato spazio ad una saggia tranquillità. Che non ci fa cambiare per ora il giudizio sulla sua cucina e sulle sue capacità, anche se questa volta la nostra visita non è stata all’altezza delle precedenti.

Ma siamo convinti che lo chef ritroverà a breve le dovute motivazioni, ancor più di prima. Perchè se da un lato l’introduzione dei soli menù degustazione e l’abolizione della carta ha semplificato e razionalizzato la sua proposta, rendendola però più complicata per l’avventore, dall’altro questo minus deve essere da stimolo, deve fare da propulsione per un nuovo slancio in avanti della sua cucina, per una nuova giovinezza e freschezza che, ne siamo certi, è in grado di esprimere.

E che non gli farà mancare i giusti riconoscimenti che merita.

Acqua di pomodoro, ricotta, gamberi e pepe.
Acqua di pomodoro, L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata
L’ottimo pane.
ottimo, L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata
Il polpo al profumo di the verde, con carota e bieta.
polpo, L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata
Lo sgombro arrostito con pomodoro cofit, crema di patate, capperi e olive taggiasche.
sgombro, L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata
Bonbon di pappa al pomodoro e spada, forse un pò troppo asciutto, con patata affumicata, salsa di nonna Tina (emulsione di pomodoro e olio in macerazione).
Bon Bon , L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata
Ciliege dell’Etna e limone del mio orto.
Ciliegie dell' Etna, L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata
Il tiramisud.
Tiramisud, L'Oste e il Sacrestano, Chef Peppe Bonsignore, Licata

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *