Passione Gourmet DVOR Osteria-Enoteca - Passione Gourmet

DVOR Osteria-Enoteca

Trattoria
Via Castello, 5 San Floriano del Collio (GO)
Chef Drago Viler
Recensito da Brigitta Gibellini

Valutazione

Pregi

  • Ottimo rapporto qualità-prezzo.
  • L'orario continuato dalle 12.00 alle 22.00.

Difetti

  • Gli antipasti potrebbero avere uno sprint maggiore.
Visitato il 09-2019

Una terrazza sul Collio

Il termine Collio riecheggia, in tutti noi, lui – il succo d’uva – che sicuramente rappresenta l’emblema della zona, e di cui si potrebbe disquisire a oltranza. Questo non deve, però, far passare in secondo piano l’altrettanta meritevole offerta gastronomica che questa terra mette a disposizione. Al di là della ristorazione di zona più conosciuta – sol che si consideri la tavola di Antonia Klugmann con il suo Argine a VencòDvor incarna l’interpretazione della cucina locale a prezzi decisamente competitivi.

Un giardino con un’incantevole vista sul Collio che, quasi come una balconata sui vigneti sottostanti, accoglie in questa Osteria-enoteca. Accanto a un menù di rivisitazione dei piatti della tradizione locale si trova, visto il nome, appunto, una scelta di vini rigorosamente di zona. La sala interna è arredata con quadri raffiguranti le diverse cantine delle aree limitrofe che, quasi didascalicamente, raccontano i vini in carta.

Piatti della tradizione locale

Come osteria comanda, il menù è asciutto, pochi semplici piatti, che rimettono totalmente l’ospite alla volontà dell’oste, senza tralasciare, però, un’attenzione anche alla presentazione delle pietanze, tutte accuratamente servite. Un po’ di antipasti contempla un’immancabile interpretazione friulana della tartare, che si presenta come una crema da spalmare sui crostini caldi: forse – quella offerta da Dvor – un po’ troppo generosa d’aglio. All’appello poi non può difettare il frico come lo facciamo noi servito fritto, in sfiziosi cubotti.

Lo Gnocco – uno, sostanzioso – ripieno di bruscandoli e l’Orzotto mantecato con verdurine di stagione accompagnato da un velo di lardo dei maiali del vicino Gravner sono entrambi ben fatti ed equilibrati. Gustosissimo, poi, il Pollo cotto a bassa temperatura con patate e piselli. Ultima ma non ultima, una Panna cotta con riduzione di ciliegie che, se in altre occasioni avrebbe potuto rovinare l’itinerario percorso, riconferma invece l’idea di una cucina semplice ma dai sapori decisi.

Se si viene dunque colti da un attacco di fame o semplicemente dalla necessità di mettere qualcosa (di buono) nello stomaco tra visite in cantina e degustazioni varie, una pausa da Dvor accontenta sicuramente il palato e, perché no, anche le tasche.

La Galleria Fotografica:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *