Passione Gourmet Ask - Passione Gourmet

Ask

Ristorante
Vironkatu 8, 00170 Helsinki, Finlandia
Chef Filip Langhoff
Recensito da Leonardo Casaleno

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Una solida cucina che trae ispirazione da ingredienti locali.

Difetti

  • A pranzo la scelta è vincolata ad un menu molto contenuto.
Visitato il 01-2019

L’essenza territoriale di un intimo ristorante di Helsinki

Pochi metri quadri, pochi tavoli, per ventidue coperti. Ask è un ristorante-bomboniera, leggermente defilato dal centro, gestito dalla giovanissima coppia composta da Filip e Linda Langhoff, rispettivamente Chef e Sommelier di questa tavola, il cui canovaccio si fonda sul modello della cosiddetta Nuova Cucina Nordica e focalizza la sua attenzione sul prodotto locale, possibilmente biologico, e sul foraging, attività molto praticata nella cucina professionale contemporanea.

Menu fisso e astrazioni vegetali

Il menu è fisso, come spesso accade in terra nordica, con l’unica differenza che durante il servizio della cena il percorso è più lungo e articolato, anche in termini di prezzo. Durante la nostra visita ci siamo accontentati di un pranzo di qualità, con un grandissimo piatto vegetale a fare da intermezzo tra gli appetizers e i piatti principali: si tratta di Celeriac & backwheat, presentato direttamente dallo chef al tavolo: un piatto vegano che consta di sedano rapa tostato, miso e grano saraceno, croccante e colloso, il tutto inebriato da un brodo aromatizzato espressione di un’interpretazione poetica delle tradizioni tipiche finlandesi in cui l’acidità è l’elemento caratterizzante.

Questo piatto, da solo, ci appare l’istantanea di una solida cucina che trae ispirazione da ingredienti locali, anche poveri, e ostenta una sorta di simbiosi con il produttore stesso e la qualità del lavoro di quest’ultimo.

La valutazione, purtroppo, deve limitarsi all’esperienza del pranzo in cui, come descritto, il menu è molto ridotto rispetto alle 15 portate serali. Visto le potenzialità e l’eleganza di alcuni passaggi è un vero peccato, ma lo prenderemo come pretesto per tornare, qualora fossimo da queste parti in futuro. Voi intanto tenetelo a mente…

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *