Passione Gourmet Villa Crespi - Passione Gourmet

Villa Crespi

Ristorante
via Fava 18, Orta San Giulio (NO)
Chef Antonino Cannavacciuolo
Recensito da Andrea Solari

Valutazione

18/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

  • Location splendida.
  • Una macchina perfettamente rodata, inappuntabile.
  • Cucina accessibile, elegante, di carattere.

Difetti

  • Perennemente sold out (vale la pena tentare last minute).
  • I tavoli esterni sono appannaggio esclusivo di chi pernotta in struttura.
Visitato il 07-2020

Non si ferma mai, Antonino Cannavacciuolo

I fitti impegni televisivi, l’appagamento di un successo di pubblico e di critica e, soprattutto, un pressoché costante sold-out: fattori che potrebbero indurre in più di una tentazione o, quantomeno, in un rilassamento fisiologico. Lungi dall’essere così: nella sua bomboniera di Orta San Giulio, Antonino Cannavacciuolo spinge, e spinge forte. Spinge sulla location, con novità graditissime quali una terrazza rinnovata con tanto di bar esterno e la possibilità di pranzare/cenare all’esterno (possibilità per ora purtroppo riservata ai soli ospiti delle camere).

Ma soprattutto spinge, ed è questo che a noi interessa ancor di più, sulla cucina. Sempre personalissima pur nella sua indiscutibile neoclassicità, fruibilissima da qualsiasi palato e pur costantemente sorprendente anche per i più avvezzi: una cucina solare, verace, magistralmente calibrata sia sul piano gustativo che texturale (quest’ultimo elemento che si rivelerà importantissimo in più di un’uscita). Un inno alla mediterraneità che non disdegna neppure frequenti incursioni estetiche e concettuali, al di fuori dei confini nazionali. La carta non evolve alla velocità della luce, ma le nuove proposte non mancano, come pure le evoluzioni di piatti già in precedenza incontrati e, in entrambi i casi, i risultati non hanno mancato di entusiasmarci.

Un manuale di alta gastronomia

Le tagliatelle di fagioli, cozze e trippa di baccalà sono un piccolo compendio di alta scuola gastronomica: di come sia possibile rivisitare un grande classico senza che l’interesse venga meno; lo spaghetto allo zafferano, ricci di mare e quinoa croccante è un modello di perfetto equilibrio gustativo e texturale, con acidità e croccantezza a perfetto contrappunto vivacizzante alla prorompenza del riccio. Il sontuoso maialino in porchetta, albicocche, carote e finferli è solarità allo stato puro mentre la quaglia, scampo, veli di ostrica sorprende per l’inattesa armonia e uno sviluppo orizzontale che pare infinito. Il dolce miele, aloe vera e polline evita abilmente il tranello teso da un risultato troppo stucchevole – il quale, considerando la materia di partenza, non è così scontato – raggiungendo una leggiadria davvero inattesa.

Il tutto, sostenuto da una macchina ormai perfettamente collaudata in cui tutto, ma proprio tutto, funziona alla perfezione dall’arrivo alla partenza.

Vale quindi la pena di armarsi della pazienza necessaria per accomodarsi a questa tavola ma, a tal proposito, due consigli: se pernottate, siete in pole position; per gli altri, invece, non sottovalutate le possibilità di prenotare con un last minute!

La Galleria Fotografica:

5 Commenti.

  • AvatarAnnalena12 Ottobre 2020

    Sublime

  • AvatarMario12 Ottobre 2020

    No comment!!!

  • AvatarPierpaolo12 Ottobre 2020

    Perché

  • AvatarLAURA PROLO14 Ottobre 2020

    LA PERFEZIONE ITALIANA 🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹

  • Avataralbert16 Ottobre 2020

    Grande chef ..spero un giorno di conoscerlo!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *