Passione Gourmet Nozomi Trattoria Giapponese, Milano, di Alberto Cauzzi

Nozomi

Trattoria
viale Piave 5, Milano
Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

  • Un'interessante prospettiva originale della cucina giapponese

Difetti

  • Pochi coperti.
  • Prezzo tutto sommato alto.
Visitato il 03-2013

Non potrò mai dimenticare quel piatto di spaghetti alla carbonara che mi trovai di fronte, nell’ottobre 1996, a Boston. Era l’era dei Chicago Bulls e seduto nel parterre della Boston Arena vidi schiaffeggiare gli eterni (per me) rivali dei Celtics, terribili “nemici” già dei 76’ers di Julius Erving e in quegli anni del mitico quintetto in cui giocavano Rodman, Pippen e Jordan.

Era anche l’anno della mia prima visita negli Stati Uniti, vissuta in un delirio di Mo’u can eat Burger e Butter Lobster. I miei amici americani, con lodevole innocenza, mi portarono in un anonimo ristorante italiano per farmi gustare una carbonara “come si deve”: peperoni, uovo crudo con panna, bacon e una montagna di cheddar arancione vulcanizzato in salamandra. Che esperienza terrificante. Probabilmente assai simile a quella che le pletore di giapponesi in visita nella nostra terra subiscono nel momento in cui, colti dalla nostalgia di casa, varcano la soglia della miriade di sushi bar gestiti da cinesi che ha invaso l’Italia.

Nozomi è forse una piacevole eccezione a questo quadro desolante. Una trattoria giapponese, aperta da poco tempo, che propone la vera (ci auguriamo…) ed autentica cucina giapponese. Qui sono banditi sushi e sashimi vari, per esaltare altri aspetti della complessa tradizione culinaria giapponese. L’inarrivabile sushi, che è un’arte tutt’altro che banale, è meglio lasciarlo ai maestri di questa scuola, piuttosto che proporlo ottusamente in versioni insignificanti e mai conformi all’originale.

Il Nozomi propone invece l’Osozai, una sorta di tapas in stile nipponico, con assaggi di diversi tipi di piatti tradizionali in formato mignon e a 4 euro l’uno. E poi Ramen, Udon, Shabu Shabu di carne e pesce o misti. Un tripudio di alghe, germogli, riso e grano saraceno.

Con un servizio gentile e cortese si cena ad un prezzo non proprio economico, più da ristorante che da trattoria.

Il giro di Osozai


Calamaro, rapa, miso

Sugarello, puntarelle, aceto di riso

Spinaci, funghi e brodo d’alga

Alghe e pollo saltato

Zucca e miso

Kushiage
fritto di gambero, polpo, carne e daikon, zucca, capasanta con salsa tartara e al chinotto

Shake Chazuke
Riso in brodo d’alga e miso con salmone alla piastra

Soba Tempura

12 Commenti.

  • AvatarMarcobi22 Marzo 2013

    Buongiorno Dr. Cauzzi, complimenti per la recensione. Una sola precisazione, anzi un paio: i Bulls nel 96 giocarono la loro partita a Boston, esattamente il 1° novembre, giorno di inizio della RS, quindi non ad ottobre. Il luogo dove si svolse fu il Fleet Center, ora conosciuto come TD Garden, oppure The Garden, in onore di quello che fu lo storico palazzeto dei Celtics (appunto il Boston Garden) utilizzato fino alla fine della stagione 94-95. Lo ricordo perchè fu l'unica partita giocata dal grande ex Robert Parish in maglia Bulls. Marco (tifoso Bulls)

  • AvatarTommaso22 Marzo 2013

    Com'è strutturato il menù e quali sono i costi?

  • Avatarcarlo22 Marzo 2013

    interessantissimo!!! prezzi quanto alti?

  • AvatarAndrea23 Marzo 2013

    Ma le puntarelle fanno parte della tradizione giapponese ?

  • Avatarbpetronilli23 Marzo 2013

    Non si superano i 45 euro alla carta

  • Avatarandrea25 Marzo 2013

    si insieme ai carciofi...

  • AvatarMassimo25 Marzo 2013

    Incuriosito dalla recensione ci sono stato sabato sera. Confermo tutto l'interesse suscitato sia per la particolarità delle proposte che per la qualità con la quale vengono realizzate. Rapporto qualità prezzo forse migliorabile, soprattutto in merito a certi piatti. Solo per info, eravamo in 6 persone, vari "assaggi", birra Asahi per tutti, 38 euro a testa.

  • PresidentePresidente27 Marzo 2013

    In Giappone è diffusa l’intrigante usanza di adottare la cucina occidentale con lievi modifiche per renderla squisitamente giapponese. Questo stile culinario è detto “yoshoku” e molti piatti così realizzati sono ormai dei classici, in Giappone.

  • PresidentePresidente27 Marzo 2013

    Mi spiace per lei Marco, ma Alberto conferma che l'apertura della stagione c'è stata la sera di Halloween, il 31 ottobre, con la partita Celtics vs Bulls

  • AvatarLeonardo Di Zanni23 Settembre 2013

    Ottimo consiglio Alberto, provato ieri sera dopo un meraviglioso aperitivo nel vicino Notthingam Forest. Provati gli spiedini fritti e il Ramen, a dir poco eccezionali. Ambiente rilassato e informale, personale gentile e professionale. Ottimo...

  • Alberto Cauzzialberto cauzzi24 Settembre 2013

    Ehila Leo! Sono contento che ti sia piaciuto! Quando sei a Milano la prossima volta fai un fischio, un Moscow Mule assieme lo bevo volentieri con te. E magari preceduto da una cena accompagnata da Madame :wink:

  • AvatarLeonardo Di Zanni27 Settembre 2013

    Ottima idea Alberto! Finisco il 30 il contratto al Mistral, mi prendo una settimana di vacanza e poi mi metto in cerca di lavoro anche e soprattutto a Milano, per cui ci sarà sicuramente occasione...

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *