Passione Gourmet Casa Ramen, Milano quartiere Isola - Passione Gourmet

Casa Ramen

Trattoria
Via Luigi Porro Lambertenghi, 25, 20159 Milano
Chef Luca Catalfamo
Recensito da Leonardo Casaleno

Valutazione

Pregi

  • Il ramen di grande qualità, a cominciare dalla materia prima.
  • L'ottimo rapporto q/p.

Difetti

  • Non si accettano prenotazioni e la coda è inevitabile.
  • Il locale, piccolissimo e con un sistema di aspirazione non tra i migliori.
Visitato il 12-2016

Da Casa Ramen fanno tutto in casa. Dai noodles ai brodi, dalle salse a quei mini paninetti cinesi cotti al vapore chiamati “bao”.
Fanno anche una settantina di coperti in media ogni sera, con code fisse all’ingresso dalle 19:30 alle 23:30. Tutto ciò avendo a disposizione un risicatissimo spazio di non più di venti metri quadri. Un fenomeno gastro-imprenditoriale e di tendenza.
L’uomo dietro questo gioiellino si chiama Luca Catalfamo e fino a quattro anni fa non sapeva nemmeno cosa fosse un ramen. Poi, dopo un viaggio in Giappone, la folgorazione. Le esperienze tra Londra, New York e l’Australia tra variegate cucine etniche, la sua attitudine alla perfezione da vero giapponese, la voglia di proporre un cibo ancora poco popolare in città ed economicamente alla portata di tutti, hanno compiuto l’opera.
Circa tre anni fa, allora, nel cuore del movimentato quartiere di Isola, ad un centinaio di metri dallo storico Blue Note, è nato un piccolo angolo di cucina asiatica, a metà strada tra un izakaya e un noodle bar newyorkese. Casa Ramen, a differenza di molti ristoranti asiatici sul territorio italiano, offre pochissime cose, ma cucinate con rigore, passione ed utilizzando buoni e ricercati ingredienti.

C’è tantissima confusione dentro e fuori, le particelle di fritto nell’etere impregnano i vestiti dei commensali, gli spazi sono più che angusti e ci si muove a fatica.
Ma quello che possono riservare i piatti ha del sorprendente, a cominciare proprio da quello principale, semplicemente eccezionale, con noodles e brodi tanto buoni quanto quelli che ci è capitato di assaggiare in giro per il mondo.

Sicuramente si sta parlando dei ramen tra i migliori di Milano -dove l’offerta di qualità sul tema non manca- e sappiamo che i giapponesi ne vanno matti. Non a caso lo stesso apprezzatissimo ramen lo si trova all’interno del Museo del Ramen a Yokohama, dove Catalfamo, unico straniero tra altri sette ristoratori nipponici, ha aperto Casa Luca Milano, su invito di una delegazione giapponese che rimase letteralmente folgorata dopo aver assaggiato i noodles in incognito a Milano.
La specialità è il tonkotsu, originario della città di Fukuoka, nel sud del Giappone, e consiste in un brodo ricavato facendo bollire ossa e grasso di maiale per ore. La versione di Casa Ramen è rivisitata in chiave leggerezza. Viene preservata la densità ed il profumo del maiale ma, scremando il grasso quando affiora, il brodo risulta più leggero della ricetta originale. Vengono quindi aggiunti ingredienti come il māyu, ossia un olio nero molto aromatico ricavato da aglio bruciato e semi di sesamo, il chasu e/o il kakuni (maiale stufato o brasato), bamboo, cipollotti, un uovo marinato e le immancabili tagliatelle fatte in casa. Le istruzioni per l’uso sono semplici: si parte dai noodles, da mangiare il prima possibile per evitare la perdita della callosità, e da accompagnare con ciascun ingrediente nel piatto, in alternanza e senza mescolare l’insieme; si chiude godendosi il corroborante ed intenso brodo.
Se ci si fermasse qui, sarebbe tutto molto bello. E invece si va oltre, con alcune chicche gourmet da far ingolosire il più esigente tra i foodies. Il Kim Karage è un pollo disossato e fritto, croccantissimo e senza la minima traccia di unto, ed è servito con coriandolo, basilico e menta (non ci si stanca mai tra un assaggio e l’altro) ed una intensa maionese al tè matcha. I “bao” vengono farciti con maiale arrosto, verdure in agro e arachidi o con una eccellente tartare di manzo, scalogno e spinaci. E poi, durante la settimana, non mancano le specialità del giorno, con tante varianti sul tema. Queste sono solo alcuni delle goloserie che questo piccolo luogo di culto offre. E, scusate se è poco, il tutto ad un prezzo davvero conveniente rispetto all’offerta etnico-fusion di Milano.
A breve ci sarà una nuova apertura non lontano da questa insegna. Per ora, fidatevi, vale la pena mettersi in coda.

Casa Ramen, Milano

Birra nipponica.
birra, Casa Ramen, Milano
I piattini di accompagnamento: bao con tartare di manzo, scalogno e spinaci novelli.

bao, Casa Ramen, Milano

.
Bao con maiale arrosto, verdure in agro, salsa kakuni e arachidi.
bao, Casa Ramen, Milano
Bao del giorno: lingua di manzo, salsa verde orientale e daikon.
bao, Casa Ramen, Milano
Kim pollo karage: pollo marinato e fritto, menta, coriandolo, basilico…
pollo, Casa Ramen, Milano
…servito con una delicata maionese al matcha.
maionese, Casa Ramen, Milano
The King Tonkotsu Ramen: tradizionale brodo tonkotsu, noodles, maiale, cipollotto, bamboo e mayu. Buonissimo sotto tutti gli aspetti.
ramen, Casa Ramen, Milano
Immancabile proposta vegetariana, Veggy Miso: brodo vegetale, noodles, zucca arrosto, cipollotto, funghi shitake, bamboo, spinaci novelli e olio al limone. Ottimo anche questo.
noodles, Casa Ramen, Milano
noodles vegetariani, Casa Ramen, Milano
Per chi lo gradisse, è possibile ordinare un uovo marinato, cotto perfettamente, da mangiare con il brodo.
uovo marinato, Casa Ramen, Milano
Unico dessert del giorno, un tiramisù al tè matcha. Una fusion perfetta tra Italia e Giappone. Buono anche questo.
tiramisù, Casa Ramen, Milano
The man.
Casa Ramen, Milano
Dettagli.
Casa Ramen, Milano
Scorcio del quartiere Isola.
Isola, Casa Ramen, Milano
L’ingresso con la inevitabile coda.
ingresso, Casa Ramen, Milano

2 Commenti.

  • Laura Rosa3 Febbraio 2017

    Merita veramente una visita ,locale piccolo ,ma accogliente ....ramen, ma non solo, eccellente !!!

  • isaac3 Febbraio 2017

    confermo la buona impressione..mai stato in Giappone dunque mi manca un riferimento con standard. Però tra tutti i posti in cui sono stato da Voi commentati questo ha un anima che a me piace molto.....e abitando a Milano è un punto di riferimento. Ci vorrebbero altri 50 locali così in città al posto di squallide pizzerie

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *