Passione Gourmet Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano - Passione Gourmet

Alice

Ristorante
piazza XXV Aprile 10, Milano
Chef Viviana Varese
Recensito da Davide Bertellini

Valutazione

14/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Il comodo parcheggio a pagamento.

Difetti

  • Difficile la prenotazione, soprattutto nel week-end.
Visitato il 08-2015

Abbiamo atteso un ragionevole lasso di tempo prima di venire a trovare Viviana Varese qui, nella sua nuova sede al terzo piano di Eataly Smeraldo, consci degli sconvolgimenti che un trasloco del genere può comportare.
Una location davvero d’effetto, un grande salto rispetto alla minuscola vetrina affacciata in via Adige, sede storica da dove è partita la favola di Alice.
Alice che ora sembra proprio essere approdata nel paese delle meraviglie, qui all’interno dello store più chiacchierato in città, sicuramente luogo di perdizione per tutti i foodies, milanesi e non.

Nonostante l’ingresso avvenga attraverso il negozio, i due ambienti rimangono totalmente separati. Una volta varcata la porta che li divide, ci si accorge subito che dal punto di vista progettuale proprio nulla è stato lasciato al caso. Splendida la cucina, affacciata maestosamente sulla sala che, grazie all’intera facciata a vetri, a pranzo gode di un’eccezionale luminosità. Notevole anche l’arredamento del locale, così come l’allestimento dei tavoli e l’imponente social-table al centro, senza dimenticare la magnifica vista su piazza XXV aprile, da poco restaurata. Non ultimo la bella cantina a vista, completamente rinnovata e arricchita rispetto al passato.

Aumentando le ambizioni, anche il personale è ovviamente cresciuto nel numero, tanto in cucina quanto in sala, ove fin dai primi momenti si nota un servizio dal livello sensibilmente migliorato.
Per quanto concerne invece la cucina, la Chef ha da sempre la fortuna di disporre di una materia prima di alta qualità, selezionata dall’abile Sandra che, negli anni, è sempre riuscita a mantenere standard elevati. Materia elaborata poi dalla Varese e dal suo imprinting caratteristico, sempre presente in tutti i suoi piatti. Nel tempo ha saputo parametrare e dosare al meglio i gusti e le sapidità degli stessi, riuscendo a trovare un equilibrio più che accettabile. Ulteriore caratteristica della cucina della Chef è l’aspetto cromatico, protagonista assoluto di tutto il menù di Alice: il colore la fa da padrone, grazie anche alle onnipresenti frutta e verdura, in ogni creazione.

Ma, come diceva il grande Marchesi, un piatto oltre che bello deve essere anche buono, e qui purtroppo non riusciamo a trovarci sempre in sintonia con il pensiero della chef, non senza un pizzico di rammarico perché, inizialmente, molti dei piatti in carta paiono interessanti, ma non si riveleranno tali una volta materializzati in tavola.
E ciò è un vero peccato, soprattutto perché una materia prima di tale qualità meriterebbe una maggiore valorizzazione, che non vuol necessariamente dire sovraccaricare un piatto di ingredienti anzi, al contrario, spesso è bene cercare di esaltare l’elemento principale, attraverso l’uso chirurgico di ingredienti accessori, atti a farlo risaltare.
Non solo sovrabbondanza di ingredienti ma anche di porzioni, che spesso ci sono sembrate esagerate, tanto che non sempre siamo riusciti a terminarle.

Se abbiamo trovato interessante, ad esempio, il tributo a Marchesi nel menù, con il raviolo aperto rivisitato, non possiamo dire lo stesso per altri piatti, ispirati anch’essi ad altri grandi maestri della cucina, spesso dall’interpretazione non particolarmente azzeccata o compiuta.

Ci auguriamo che con il tempo Viviana ritrovi quella completezza -di pensiero e gustativa- che ancora, a nostro avviso, le manca. Probabilmente sarà necessario mettere da parte quel pizzico di “voglia di strafare” chiaramente percepibile nei piatti, comprensibilmente causata dall’ambizioso salto e dalla relativa pressione mediatica e sovraesposizione al pubblico, per tornare a cercare in primis di valorizzare la materia, senza compiacimento alcuno.
Siamo certi che, attraverso la medesima determinazione che l’ha portata insieme a Sandra fin qui, non le sarà difficile ottenere dei tangibili miglioramenti nel breve. Attualmente non ci è possibile affermarlo ma, se i passi avanti fatti per ambiente, sala e servizio avverranno anche in cucina, il futuro di Alice non potrà che essere… meraviglioso.

Mise en place e vista globale del locale.
mise en place, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
sala, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Il pane, molto buono.
pane, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
pane, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Amuse-bouche: pacchero fritto con mousse di parmigiano ed erba cipollina, frittelle di pasta cresciuta di salicornia, hummus di semi di sesamo e ceci, bouquet di insalate con crema di pistacchio e granella di pistacchio.
amuse bouche, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
amuse bouche, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Amuse bouche, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Amuse Bouche, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Passion: ostrica con centrifugato di cetriolo, granita di mela verde e sfere di panna acida e frutto della passione ghiacciati.
Apertura niente male, con un bel gioco acidità e di temperature a dare il via alle danze.
Ostrica, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Che-li-amo: astice intero alla catalana con variazione di pomodori, salsa di peperone, spuma di acqua di pomodoro.
Uno dei piatti che ci è piaciuto di più.
astice, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Tonno subito: carpaccio di fassona con tonnata, insalatine aromatiche, verdure all’agro e capperi.
Questo invece è un piatto che non ci ha convinto molto: troppo abbondante la porzione, con le verdure, tagliate grossolanamente, che andavano a coprire completamente la carne, senza trovare un legame.
carpaccio di fassona con tonnata, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Quadro di pasta: insalata di riquadri di pasta con pesce, crostacei, verdure fresche e sottaceti.
Questo è il piatto che ci è piaciuto meno di tutti, che purtroppo proprio non funziona. Gli ingredienti restano completamente slegati fra di loro, rendendo difficile anche solo terminare il piatto.
Quadro di pasta, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Verde brillante: linguine ai ricci di mare con burro di manteca, clorofilla di prezzemolo e peperoncino.
Bello e buono, questa è la Varese che piace a noi. Attenzione solo a non sporcarvi… è un attimo.
linguine ai ricci, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Sotto l’ombra di un ravanello: trancio di ombrina con centrifugato di ravanello, salsa di yogurt, crema di barbabietola, lardo di cinta senese battuto.
Non male anche se forse qui ci sarebbe voluto un piatto con un guizzo in più, ma soprattutto qualche ingrediente in meno.
trancio di ombrina, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
L’albicocca in un campo di mais: gelato al mais, chicchi di mais affumicato, salsa e spugna all’albicocca, albicocca semi candita e pop corn caramellati.
Benché possa sembrare, in prima lettura, un dessert pesante, si rivelerà invece un piatto gradevole e rinfrescante.
gelato ala mais, albicocca, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano
Mela al mirtillo, ananas al lampone e pera al passion fruit.
Non sempre quello che mangi è ciò che sembra: un bel gioco di fine pasto, di chiara ispirazione Alajmo.
mela al mirtillo, Alice Ristorante, Chef Viviana Varese, Eataly Smeraldo, Milano

3 Commenti.

  • AvatarSimone23 Settembre 2015

    Concordo in pieno con quanto letto nella recensione. Luogo e location magnifici (la vista sulla piazza è meravigliosa), piatti spesso ben presentati e armoniosi nei colori ma che sono lacunosi nel gusto, spesso e volentieri sottomesso all'estetica (e ai giochi di parole nei nomi dei piatti). Per quanto mi riguarda, al momento la stella non dovrebbe nemmeno esserci ed è quasi ingannevole. Saluti, Simone

  • AvatarLuca Fontana23 Settembre 2015

    Mi ritrovo praticamente su tutto quanto scritto nella recensione (molto interessante, complimenti). Ne scrissi anche anche io circa un anno fa assegnando addirittura un punto in meno rispetto a questa valutazione, ma a vedere le foto mi sembra in cucina si sia comunque fatto un lavoro nella direzione giusta. Speriamo questo trend continui, che una location del genere ha delle potenzialità davvero enormi.

  • AvatarNomenomen27 Settembre 2015

    Provata questa cucina nella vecchia sede e mai negli anni mi è venuta voglia di tornare, anzi mi ha sorpreso che Eataly abbia puntato su un team discreto e nulla più. Pensare ad un Taglienti senza fissa dimora, fa piangere il cuore, Milano spietata. Sono appena rientrato da Heart Ibiza e mi ritrovo Marchesi che ritorna a fare il risotto con foglia d'oro a Milano, mentre in Spagna si guarda al futuro, a Milano è ritorno al futuro.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *