Passione Gourmet Antica Trattoria dei Mosto - Passione Gourmet

Antica Trattoria dei Mosto

Trattoria
Piazza dei Mosto 15/1, Conscenti di Ne (GE)
Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

  • Cucina tradizionale contadina ai massimi livelli

Difetti

  • La carta dei vini tentatrice...
Visitato il 01-2013

Territorio, dinamica cucina tradizionale, ottime materie prime e prezzi onesti: questa è la ricetta vincente della trattoria moderna. Da circa un anno il grande, in tutti i sensi, Francone Solari, alias Franco il trattore, ci ha lasciati per raggiungere anzitempo il paradiso degli osti, ma la sua creatura, l’Antica Trattoria dei Mosto, continua la sua strada con immutato vigore grazie a Catia e Bianca, rispettivamente in cucina e in sala. Il menù della trattoria è come sempre generoso e straripante, caratterizzato da prodotti quasi esclusivamente locali, con largo spazio all’orto, alle erbe spontanee, alle paste fresche ripiene e non, senza dimenticare i funghi, le castagne da cui si ricava la farina e gli animali da cortile.
La cucina di Catia è quella classica dell’entroterra ligure di Levante, quella delle nonne e delle mamme, materna e rassicurante, fatta di lunghe cotture e sapori genuini. Tradizione quindi, ma che non indulge alla monotonia grazie alle diverse contaminazioni emiliane dovute all’origine Ferrarese dello chef.
Interessante anche la selezione di formaggi, grande passione di Catia e il menù dedicato alle trote del vicino allevamento. Bianca in sala ripercorre le orme del grande papà Franco e accoglie i clienti con calore e simpatia e sempre maggiore professionalità. Vi offre inoltre la splendida carta dei vini, dove si possono pescare chicche da tutto il mondo a ricarichi da enoteca.
I prezzi? Sempre molto convenienti, soprattutto se rapportati alla qualità e alla quantità delle proposte. Un posto da consigliare a occhi chiusi per chiunque voglia avvicinarsi alla cucina ligure di terra.

Il pane

Antipasto Ca’ Mosto: un piccolo pasto, panissa fritta (praticamente polenta di ceci fritta), peperone ripieno, testarolo al pesto, mortadella e crescentine, polenta e funghi porcini, frittella di cipollotti, formaggio fresco e trota affumicata, torta di patate.

Sua maestà il raviolo di “prebuggiun” (erbette di campo) al sugo di carne: il vero piatto della festa di ogni paesino dell’entroterra Ligure, diverso da famiglia a famiglia, rigorosamente fatto con sfoglia senza uova o almeno con poche perché, tradizionalmente, erano un lusso o comunque venivano utilizzate in altro modo, il ripieno con tutte le erbe che si trovano nei campi, uova, formaggio grana o parmigiano, ricotta o prescinseua (cagliata).

Canelloni di farina di mais ripieni di cavolo nero e salsiccia conditi con formaggio della Valgraveglia

Cotechino in crosta di pane e spinaci con lenticchie, ottimo e impressionante per quantità a questo punto si comincia ad avere le visioni di Fantozziana memoria

Gallina ripiena e salsa verde, un piatto della memoria contadina che non si trova quasi più nei ristoranti vuoi per la lunghezza della preparazione vuoi perché trovare una gallina ruspante è diventato quasi impossibile


Torta di mele e cioccolato caldo

Sorbetto di arance nostrane al Campari

I biscotti per i più piccini

Una chicca dalla splendida carta dei vini

1 Commento.

  • AvatarHansen5 Febbraio 2013

    Mi fà molto piacere che il locale prosegua anche se Franco il Trattore non è più tra noi :-( ,da lassù sarà molto contento anche lui di vedere i famigliari che proseguono il lavoro con passione sulla strada da lui tracciata!applausi!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *