Passione Gourmet Ristorante Otto e mezzo Bombana , Hong Kong, di Davide Bertellini - Passione Gourmet

Ristorante Otto e mezzo Bombana , Hong Kong, di Davide Bertellini

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

16/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 12-2019

Recensione Ristorante

Da Hong Kong all good things!!!

Iniziamo un entusiasmante viaggio alla scoperta di alcuni dei più importanti ristoranti di Hong Kong e lo facciamo a ragion veduta dall’Otto e mezzo di Umberto Bombana, vero ambasciatore del made in Italy che proprio nel 2012 è stato insignito delle tre stelle Michelin, primo chef italiano fuori patria ad ottenere il prestigioso riconoscimento dalla Rossa.

Trascorrere una serata al suo ristorante (sempre pieno con una lista d’attesa di oltre un mese) è stato come vedere un bel film e goderselo tutto d’un fiato, con le immagini (nel nostro caso i piatti) che scorrono veloci una dietro l’altra. La cucina di Bombana è molto equilibrata – mai eccessiva – e si basa essenzialmente su classici della nostra tradizione affiancati da piatti più ambiziosi dove emerge anche un pizzico di personalità. La materia prima, inutile dirlo, è sempre di altissima qualità, le cotture sempre ben eseguite rispettando innanzi tutto il prodotto. Non si resterà delusi scegliendo un risotto, ma neanche un’anatra o una semplice fiorentina.
Umberto Bombana, uomo di spessore ma umilissimo e semplice come pochi, sa come farsi amare dalla propria clientela; come già detto la sua cucina non è mai spigolosa ed i contrasti non sono violenti. Il palato è sempre accarezzato dai suoi piatti, mai violentato. E’ insomma una vera e propria istituzione a Hong Kong (meno in Italia dove purtroppo è sconosciuto ai più) e i cinesi vengono da lui per provare e capire la vera cucina italiana e non esitano a domandarci, quando scoprono che siamo italiani, se in Italia si mangi veramente così. Noi rispondiamo affermativamente ma li avvisiamo anche che questo livello è ottimo anche per l’Italia, per cui non si devono aspettare che nel nostro Paese si mangi così bene ovunque.
Un altro indubbio vantaggio di una cena al Bombana è che non ci si svena al momento del conto, con un menù degustazione che costa poco più di 100 euro, elemento tutt’altro che trascurabile in un tristellato se si pensa che per un pari livello in Italia di norma si spende quasi il doppio. Inoltre a Hong Kong vige un particolare regime fiscale che non prevede tasse o dazi sulle importazioni, quindi potrete bere la vostra bottiglia italiana o francese allo stesso prezzo (a volte persino inferiore) che in Italia.
Il nostro menù degustazione, iniziato in sordina con del polipo con patata, è poi andato in crescendo con del tonno rosso scottato accompagnato da una purea di melanzane, finocchi, capperi e condimento all’arancia. Cottura perfetta, croccante all’esterno e morbido all’interno.
Abbiamo continuato con rombo e seppioline su brodetto di vongole molto concentrato. A seguire le linguine Mancini con granchio e il risotto con asparago bianco e spugnole. Buone anche le linguine ma il risotto aveva veramente una marcia in più, lasciando trasparire le origini lombarde dello chef.
Proseguiamo con una memorabile anatra di Challans, foie gras e composta di mele e melanzane, uno dei piatti migliori in assoluto della serata. A completare il menù degustazione abbiamo assaggiato un controfiletto di manzo Tajima, che è l’eccellente variante “Down Under” di quello di Kobe. Gli animali seguono lo stesso disciplinare del manzo giapponese in termini di alimentazione ed allevamento con una curiosità: le vacche vengono nutrite anche con il cioccolato. Inutile stare ad elogiare la materia prima che era eccellente e che non poteva non essere esaltata da una cottura da manuale.
Per dessert abbiamo assaggiato una panna cotta alla vaniglia con fragoline di bosco e sciroppo d’acero accompagnato da una sfoglia leggerissima e abbiamo concluso con i gran Crù di cioccolato in tre modi: brulé, fondente e gelato. For chocolate-addicted only.
Ad una cucina di livello bisogna aggiungere un servizio adeguato, mai troppo formale e distaccato visto che i clienti vengono qui per provare la buona cucina italiana in maniera rilassata. La sala è così sempre viva e animata, aiutata anche dal bar all’ingresso guidato dal pluripremiato Giancarlo Mancino (campione del mondo di Barman 2002 a Singapore), autentico re della mixologia che saprà farvi divertire con alcune delle sue incredibili creazioni.
Raccontata così sembra facile. Non è detto che esista la ricetta sicura per creare una macchina da guerra come il Bombana. Di certo però, se essa esiste qui ne è passata una copia!

Pane

Polipo e patate

tonno


Rombo e seppioline

Spaghetti e granchio

Risotto

Wagyu Beef


Panna cotta

I 3 cioccolati

Post dessert

Il pregio: il menù degustazione a HK$ 980 + 10% servizio (poco più di 100 euri)
Il difetto: purtroppo è a Hong Kong

Ristorante Otto e mezzo Bombana
Shop 202, Landmark Alexandra, 18 Chater Road, Central, Hong Kong
Tel: +852 2537 8859
Chiuso la domenica
Menù degustazione € 100,00 circa, poco più per una cena à la carte.

www.ottoemezzobombana.com/hong-kong/home/

Visitato nel mese di Maggio 2012


Visualizzazione ingrandita della mappa

Davide Bertellini

7 Commenti.

  • jpjpjp4 Luglio 2012

    più linguine che spaghetti

  • vantito4 Luglio 2012

    Complimenti, i vostri racconti di luoghi lontani e lontanissimi è un lavoro indispensabile per chiunque voglia capire cosa succede nel mondo dell'alta cucina. Grazie ;-) Una capatina in qualche stellato giapponese non sarebbe male...

  • Paolo5 Luglio 2012

    E' abbastanza evidente gia' dalle foto dei piatti, comunque, che se questo ristorante fosse in Italia le tre stelle le vedrebbe solo guardando il cielo in una notte senza nuvole...

  • Fabio Fiorillofabio fiorillo5 Luglio 2012

    in Italia abbiamo il Sorriso.

  • Davide Bertellini5 Luglio 2012

    Avendoli provati ambedue posso dire Bombana tutta la vita. Poi sulle stelle potremmo discutere per ore senza giungere ad un'opinione comune....

  • zapotek8 Luglio 2012

    polpo, si dice polpo....scusate, ma polipo mi fa pensare a una colonscopia :))

  • Marko30 Luglio 2012

    Provate Tosca al Ritz Carlton Hotel il migliore ristorante italiano ad Hong Kong

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *