Passione Gourmet Malga Panna, Chef , Moena (TN) di Roberto Bentivegna

Malga Panna

Ristorante
Strada de Sort, 64 – Moena (TN)
Chef Paolo Donei
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

  • Cucina di fine eleganza

Difetti

  • Sul menu innovativo si potrebbe anche spingere di più sull’acceleratore
Visitato il 03-2012

Cucina di grande solidità, una linea tradizionale e una di moderata innovazione, occhio attento al mondo: mi sembra una buona formula per riempire una sala.
Infatti, Malga piena in un giovedì sera di un caldo e quanto mai anomalo marzo.
Non si esce delusi da questo indirizzo, sia che abbiate voglia di una ”trattoria di lusso”, sia che vogliate saggiare le notevoli doti di Paolo Donei nel menu che probabilmente più lo rappresenta.
E penso che ai tavoli la suddivisione tra le due fazioni sia abbastanza equa.
E’ a questo che la ristorazione “di mezzo” deve puntare per stare a galla.
Ristorare, appunto, divertire, appagare. Quanti più palati e più gole possibili, cercando di mantenere un’alta qualità in tutte le proposte.
Paolo Donei ci riesce molto bene e non è cosa da poco.
Una grande costanza nel menu più innovativo, che spazia senza dubbio oltre i confini montani ma non dimentica in più di una occasione di ricordarci dove ci troviamo.
Ecco l’utilizzo del pino mugo, del tartufo trentino, del cervo.
Mi ha ricordato in più di un passaggio un Perbellini in salsa montana.
Vedi lo straordinario Wafer alla senape, tartara di cervo e formaggio caprino, che richiama la versione pesciosa di Isola Rizza con ingredienti più adatti alla zona.
Un antipasto latitante di gusto (la seppia) e un dessert più che dimenticabile; per il resto colpi ben assestati, alcuni gourmet (favoloso il carpaccio di scampi e maialino con gelato di mandorle, ben giocato tra il dolce, l’amaro e il croccante), altri gourmand come gli spaghetti di patate, uova e tartufo, lipidici il giusto per appagare qualche istinto primario. Un colpo al cerchio, uno alla botte.
Cucina di contrasti molto leggeri, a volte troppo leggeri, ma di grandissima soddisfazione.
Io ci tornerei.
E la regola del “buon-ritorno” non guarda in faccia a nessuno, cataloga i ristoranti in modo impeccabile e spietato.

Seppia dello Ionio


Carpaccio di scampi, maialino arrosto, cuori di pomodoro e gelato di mandorle

Wafer alla senape, tartara di cervo e formaggio caprino

Ravioli al latte, baccalà e limone candito

Spaghetti di patate, uova di quaglia e tartufo Trentino

Scaloppa di foie gras, nocciole tostate ed essenza di caffè

Lingua di vitello caramellato, sedano e liquirizia selvatica

Pernice rossa all’olio di pino mugo, crema di pinoli e pop corn

Sweet “Caprese”

Anisos 07 di Rosi

Carta dei vini con poca profondità di annate ma molto bella per la scelta di produttori non scontati.
Per noi Anisos 2007 di Rosi, vino dal favoloso q/p che ormai prendo sempre quando adocchiato in carta.

Un déjà-vu tra le tavole d’alta quota…(ho un cognome troppo difficile)

1 Commento.

  • AvatarIl Guardiano del Faro15 Aprile 2012

    Ben-ti-venga ? Non mi lamenterei, ti poteva andar peggio no ? Mostrini Mastini Moschini ecc.. Poi finalmente il genio : Signor Martini? Si, lei ha capito giusto. No Martini? No Mostini

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *