Passione Gourmet Casa del Nonno 13 , Mercato San Severino (SA) Fabio Fiorillo - Passione Gourmet

Casa del Nonno 13 , Mercato San Severino (SA) Fabio Fiorillo

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

14/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 05-2024

Img_2736

Recensione ristorante.

Siamo sinceri.
Mai ci era capitato in un ristorante stellato.
Eppure non eravamo al Teatro degli Arcimboldi a Milano o al Brancaccio a Roma a godere delle gesta dei comici di Zelig.
Non sapevamo se ridere…o piangere.
Il personale di sala, involontariamente (speriamo), si è reso protagonista di un servizio sui generis. Pizzicotti sulla guancia, battutine, pacche sulle spalle…

Img_2743

Sebbene non siamo dei bacchettoni ci sentiamo di stigmatizzare tali comportamenti, compiuti, peraltro, sotto l’occhio vigile del patron Raffaele Vitale che, da par suo, seppur non affabile, quantomeno si astiene dal seguire l’esempio dei suoi collaboratori.
Purtroppo tale atteggiamento smaliziato non è esente da evidenti lacune. Non è piacevole vedere cambiare, sistematicamente, il coperto ad alcuni commensali, mentre “i più lenti” devono ancora terminare il loro piatto, o vedersi servire ciò che è stato ordinato da altri.
Non comprensibile è, poi, la scelta di non dare la possibilità di consultare il menu scritto sebbene esista, costringendo i clienti a difficili operazioni mnemoniche per rammentare portate con ingredienti multipli.
Stesso discorso può essere fatto per la carta dei vini. Quella c’è, ma la vostra selezione probabilmente ricadrà su un prodotto non disponibile. La nostra esperienza, comunque, ha confermato quanto avevamo già riscontrato in passato.
Non disperate, però, “Casa del Nonno 13” offre, in compenso, una valida proposta gastronomica.
I prodotti, rigorosamente di stagione, sono selezionati e i risultati incoraggianti. Alcune preparazioni risultano al palato complesse, ma, probabilmente, l’intento della cucina è la ridondanza gustativa.
Stuzzicante il bon bon fritto di baccalà e pomodoro confit su leggera crema di ricotta, un appetizer che ben predispone.

Img_2743

Discreta la variazione di carciofi: marinato con pecorino, fritto ripieno di purea di patate e bollito con “gentile” (formaggio fresco) di bufala. Particolare menzione per il connubio marinatura-pecorino, decisamente indovinato.

Img_2743

Rustico ma saporito il “broccolo e broccoli”, declinazione di broccoli in due consistenze e leggera salsa di provola.

Img_2743

Grevi le candele ripiene di ricotta e broccoli su crema di broccoli e salsiccia. Probabilmente sono la sapidità e la grassezza conferite dalla salsiccia a squilibrare il risultato finale.

Img_2743

Molto buona, invece, la pasta e patate con provola a cui la grattata di bottarga dà senza dubbio una marcia in più. Caldamente consigliato dalla Casa, si è rivelato il piatto migliore della cena.

Img_2743

Anche sui secondi notiamo la tendenza ad arricchire con grassi aggiunti preparazioni di per sè già complete. Ne è esempio la croccante pancia di agnello Laticauda ripiena di frittata con patate, cipolla stufata e pepe rosa.

Img_2743

La sella di maialino con mele annurche e peperoni gratinati è ben cotta, ma prevalgono i toni dolci.

Img_2743

Dessert tradizionali e ben fatti. Il nostro pasticciotto con crema pasticcera ed amarene su salsa di lamponi è goloso, anche se il sentore di uovo è prevaricante.

Img_2743

Una cucina che non cede il passo alle mode minimaliste e “privazioniste”. Tanti ingredienti, sapori forti, presenza di grassi, pochi contrappunti acidi sono le caratteristiche principali.
Una cucina di chiaro stampo territoriale (molti sono i prodotti e le preparazioni riconducibili all’agro nocerino-sarnese) che piace e fa proseliti, e vedere la sala piena di Lunedì sera fa solo bene agli occhi ed al cuore.
Siamo, comunque, convinti che la chiave del successo di questo ristorante sia da ricercare non solo nella continua selezione della migliore materia prima ma anche nei caratteristici interni, di grande coerenza con la proposta gastronomica, rustici ma curati nei dettagli: cucina a vista e poi giù per le scale nella sala principale, una vecchia cantina ristrutturata, con altissimo soffitto a volta e pareti ricolme di vino.

il pregio : L’ambiente.

il difetto : Il servizio eccessivamente confidenziale

Casa del Nonno 13
Via Caracciolo, 13
Località Sant’Eustachio
Mercato San Severino (SA)
Tel. (+39) 089 894399
Prezzi alla carta per 4 piatti: 55 euro
info@casadelnonno13.com

http://www.casadelnonno13.com/

Visitato nel mese di Marzo 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Fabio Fiorillo

51 Commenti.

  • Kriss15 Marzo 2010

    Pizzicotti sulle guance!!??!! Pacche sul culo no? Ma chi sono sti cafoni?

  • Lapo15 Marzo 2010

    ....

  • giovanni gagliardi15 Marzo 2010

    Scusi Lapo, lei ha qualche problema? Ad Majora

  • Lapo15 Marzo 2010

    pagare l'inps

  • Presidente15 Marzo 2010

    Per cortesia, non andrei oltre...

  • velavale15 Marzo 2010

    ma il titolare si è scusato?

  • fabio fiorillo15 Marzo 2010

    il titolare supervisionava in sala, ma quasi mai si è avvicinato al nostro tavolo.

  • velavale15 Marzo 2010

    ha perso una chance!!

  • roberto15 Marzo 2010

    ma a chi lha dato il pizzicotto sulla guancia? <(")

  • Lorenzo16 Marzo 2010

    Come giustifichi la stella Michelin alla luce degli episodi da te citati (menu non portato al tavolo, atteggiamento personale) ?

  • Presidente16 Marzo 2010

    Domanda che giriamo al Direttore Arrighi, che salutiamo, in quanto sappiamo che quando ha tempo viene a curiosare quanto si fa da questa parti.

  • fabio fiorillo16 Marzo 2010

    la Michelin assegna il suo massimo riconoscimento (le stelle) prendendo come unico riferimento la cucina, almeno così è indicato nella legenda della guida. Gli altri aspetti del ristorante (ambiente, servizio etc..) sono valutati in forchette e coltelli. Quindi, teoricamente, la Michelin potrebbe assegnare una o più stelle anche a locali con un servizio indecente. In ogni caso anche noi di Passione Gourmet assegnamo il voto ESCLUSIVAMENTE alla cucina.

  • Vincenzo Pagano16 Marzo 2010

    Mi sembra veramente strano questo comportamento. A Casa del Nonno sono molto gentili ma mai invadenti. Se non aveste messo i piatti avrei detto che eravate andati in un altro ristorante. Non vorrei che questa "incomprensione" comportamentale abbia avuto risvolti negativi anche sul gusto. Qualche giorno addietro è stata dall'ottimo Vitale la nostra Giovanna che è rimasta estasiata dei piatti e dell'ospitalità come potete leggere nella recensione. Veramente strano quanto riportato da Fabio Fiorillo.

  • fabio fiorillo16 Marzo 2010

    gentile Vincenzo Pagano, evidentemente la vostra Giovanna ed io abbiamo due differenti metri di giudizio sulla ospitalità e sulla valutazione dei piatti, che, peraltro, nel caso di specie, ho reputato buoni (14/20 non è una bocciatura per un locale del genere, anzi). Non è la prima volta, in ogni caso, che riscontro l'invadenza del servizio (ma non ai livelli dell'ultima cena), avendo visitato in numerose precedenti occasioni il ristorante in questione. V'è da dire, come ho specificato nella scheda, che, nell'evidenziare quei comportamenti, non mi riferivo al patron Vitale (che con i comuni avventori non brilla, comunque, per simpatia). Nessun risvolto negativo sul gusto delle portate. Riesco per mia fortuna a discernere la piacevolezza complessiva dell'esperienza dalla bontà (o meno) della cucina. L'estasi, ça va sans dire, la riserverei a ben altri locali.

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    l'estasi va per questi piatti ed altri . in una sessione a tre, giovedi' scorso a pranzo, abbiamo goduto ben oltre ,dico ben oltre, il suo 14/20. per non parlare della differenza di parere sul "modo" di ospitare. e ancora per non parlare del menu, rigorosamente sempre disponibile e SEMPRE portato al tavolo e pure lasciato li' su richiesta del sottoscritto. comunque non mi voglio dilungare oltre. se vorrete leggere un'esperienza diversa dalla vostra , sul mio sito di riferimento la troverete a breve. e per, chiudere, si comincia a pensare che una sola stella potrebbe essere considerata già "braccino corto", tanto per essere chiari.

  • franco francese17 Marzo 2010

    Cioè? Questa roba varrebbe due stelle?

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    il solito problema, con voi. difesa corporativa ed a oltranza. " questa roba" è già un voler dire: spostati e lasciaci lavorare. vi regalo, anche se non condividete, la mia frase iniziale del post che si pubblicherà:" basta girovagare. eleggo questo ristorante la mia mensa, non scolastica, del sud italia.". dove sul termine mensa è inutile che facciate battute, perchè l'ho presa a prestito da chi considera robuchon la propria ,di "mensa". non ho detto che vale due stelle, se legge bene. una e mezzo certo si...

  • giovanni gagliardi17 Marzo 2010

    Scusi Maffi, chi è Voi? Ad Majora

  • fabio fiorillo17 Marzo 2010

    Maffi, il sig. Francese è un nostro lettore, proprio come lei, e penso sia libero di esprimere le sue opinioni, proprio come lei. Saluti

  • orson17 Marzo 2010

    In effetti, Maffi, il suo modo di argomentare è un po' singolare. - "Difesa corporativa", quando interviene un lettore - SEMPRE, maiuscolo, relativo al fatto che venga portato il menu al tavolo, cosa che, non ho motivo di credere il contrario, a Fabio non è successa. Spero non prenda la mia per una difesa corporativa, ma sarebbe carino poterci confrontare senza pregiudizi anche sui locali che stimiamo in modo diverso.

  • franco francese17 Marzo 2010

    In realtà non c'è così tanto da dire di un locale che ha già la sua valutazione nell'insegna. Maffi sente il bisogno di confronto, lo va a cercare ma poi non gli piace. Quello che non capisco è la difesa strenua di cose che non ti appartengono, oltre negare un'evidenza altrui. Così facendo perdi credibilità, anche se non sei l'unico .

  • franco francese17 Marzo 2010

    E per chiuderla, caro Maffi, siccome il tuo blog di riferimento è tra i più apprezzati dalla statistica (forse nei primi 200 italiani) , dovresti essere già ben soddisfatto della tua platea senza andare a ficcarti nei gineprai. Io partecipo a questo con questo nick ( "il prima dell'Euro") solo perchè qui si parla nel bene e nel anche di Francia, normalmente irrisa e odiata da altri. E sulle due stelle, vedo che da "voi" ,è parecchio che ci credete: http://www.lucianopignataro.it/a/mercato-san-severino-sa-casa-del-nonno-13/1732/

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    @ orson: gentile sig. bellomo. no, lei risponde in modo gentile e ovviamente trova riscontro. confrontiamoci, senz'altro. attendiamo il mio pezzo, credo sabato, e poi parliamone. ma perchè pregiudizi,scusi? @francese: io NON sento il bisogno di un confronto. trovo scritto cose che non mi piacciono assolutamente e critico. le altre cose che scrive sono di una miseria intellettuale unica, se non le dispiace ed anche se le dispiace. ed uno fa anche altro nella vita e quindi risponde quando puo'. la credibilità la perde chi, come lei francese o costa- sorrentiniano che sia, parla senza provare, pare. quindi ,ripeto, l'affermazione "questa roba ecc." è faziosa, minimo. che ne sa , per esempio ,di quel broccoli e broccoli tanto contestato dal fiorillo e che a noi tre, dico tre, è piaciuto moltissimo. secondo me fiorillo ha toppato la recensione, perdendosi in pizzicotti e buffetti da bagno turco. invece era un ristorante, con i controfiocchi. succede talvolta:-)

  • orson17 Marzo 2010

    "il solito problema, con voi. difesa corporativa ed a oltranza": a questo mi riferivo parlando di pregiudizi, visto che Franco Francese è un lettore. Il ristorante non l'ho provato, sarò felice di dire la mia quando ci sarò stato. Ma Fabio non è uno che si fa distrarre dal contorno che, tuttavia, va raccontato soprattutto quando ci sono delle peculiarità come quelle descritte.

  • Alberto Cauzzi17 Marzo 2010

    Ciao Giancarlo, Nell'ultimo capoverso di Fabio leggo in sintesi che si tratta di un locale che è piaciuto. Ha evidenziato una cucina rustica e piaciona, che non va inteso come aspetto negativo, legata ad una selezione ottima di materia prima. Ha elogiato il successo del locale e le buone preparazioni. Dove avrebbe toppato Fabio ? Posto che il tuo parere e quello dei tuoi commensali assurga a rango di tautologia :-) Qui si esprimono opinioni, degne quanto le tue. Ormai dovremmo tutti quanti (noi e te) aver compreso che i tuoi gusti sono in complemento ad 1 con i nostri. Dove tu ti trovi bene noi ci troviamo così così, dove tu sfiori al tragedia noi mangiamo divinamente ... Ma non per questo mi arrogo la presunzione di additarti come un incompetente. Hai semplicemente gusti e percezioni diverse dalle nostre, mie e dei mie compagni di viaggio. Il che, oltre che lecito, è anche accettabile. O per te esiste il giusto e l'assoluto ?

  • fabio fiorillo17 Marzo 2010

    Maffi, le ripeto che fortunatamente non mi perdo in pizzicotti e buffetti (comunque riprovevoli e degni di menzione in una recensione). La mia ultima visita non fa altro che confermare i miei precedenti giudizi sul locale. Cucina piuttosto rustica, ma saporita, proprio come il broccolo e broccoli che io non ho affatto "tanto contestato" (legga bene). Quindi, non si preoccupi, Maffi, non ho toppato la recensione. Abbiamo semplicemente due metri di giudizio differenti.

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    buongiorno, alberto, sempre un piacere , con te, nonostante anche tu ti faccia prendere la mano ... preciso e poi chiudo lasciando lo spazio alla mia ,se avrai il piacere di leggerla. non è affatto una cucina rustica. detta cosi' è riduttivo e ingeneroso. fiorillo ti informa male. è forse troppo giovane, beato lui, per avere memoria di certi sapori di cui casa del nonno è un godurioso archivio senza precedenti. mi meraviglio delle toccatine e delle palpatine: evidentemente ciascuno di noi è trattato dal prossimo per come si rappresenta. ha toppato nel voto, evidentemente condizionato da particolari che io non ho mai vissuto ma comunque insignificanti, mi pare. io al tristellato francese, ci torni sopra tu, non ho "sfiorato la tragedia" : semplicemente non ho trovato , scritti in carta, i due piatti richiesti. e tu sai, non lo puoi negare per l'onestà intellettuale che ti è riconosciuta, che ciò costituisce non una tragedia ,ma fatto GRAVE si. per ultimo tieni conto che vi leggo e nel 30% dei casi ho frequentato gli stessi ristoranti. quando sono d'accordo con voi, non commento. di complimenti ve ne fanno già molti. e quindi non ritengo di essere molto lontano dai vostri raffinatissimi palati :-))

  • Alberto Cauzzi17 Marzo 2010

    Quindi 30% di 180 significa 60 ristoranti, di cui soltanto un paio o tre distanti dal tuo giudizio. Allora questa volta ho toppato io :-) Maffi in linea con i giudizi di PG, statisticamente parlando ...

  • fabio fiorillo17 Marzo 2010

    @Maffi una volta chiarita la divergenza di giudizi non avrebbe più senso fare un superfluo ping-pong. Purtroppo, però, con dispiacere, leggo malcelati attacchi personali, che restituisco al mittente. "mi meraviglio delle toccatine e delle palpatine: evidentemente ciascuno di noi è trattato dal prossimo per come si rappresenta". Non ci conosciamo Maffi, ma ciò nonostante si avventura in tali ed offensive considerazioni. Come mi sarei "rappresentato" per meritare simili comportamenti? Cosa sa di come "mi rappresento" nei ristoranti che visito? Singolare è che lei, invece di biasimare siffatto servizio, quasi lo giustifica incolpando chi ne è stato vittima di aver attirato simili "attenzioni". Maffi ancora una volta, senza conoscermi, dice "fiorillo ti informa male. è forse troppo giovane, beato lui, per avere memoria di certi sapori di cui casa del nonno è un godurioso archivio senza precedenti." Cosa ne sa della mia memoria gustativa? Un'ultima cosa. Un po' la invidio Maffi e sa perchè? Anche a me piacerebbe estasiarmi dinanzi alla normalità..ma, mio malgrado, proprio non ci riesco.

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    @ cauzzi: non sarei cosi' millimetrico. pero' mi sono preso la briga di guardare il vostro elenco, fatto per voti. 2/6 per i 19/20 6/12 per i 18/20 6/18 per i 17/20 13/30 per i 16/20 fanno 27 ristoranti su 66 , mica una brutta media. poi sui 180 non so. perdo un po' sui francesi nella media perchè ho abitato in costa azzurra fino a 18 mesi fa e quindi ora sono un po' stanco di frequentarla. come vedi sono piu' che in linea con i vostri pareri. ma ripeto, avete già tanti cantori che evito :-)

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    @ fiorillo sig.fabio , anche io invidio la sua capacità di stupirsi di fronte alla "anormalita'" di iannone, di cui lei è godurioso fan.

  • fabio fiorillo17 Marzo 2010

    la ringrazio per l'assist: questa è l'ennesima dimostrazione che riesco a valutare la cucina a prescindere dal resto.

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    se lo considera un assist.... veda lei: alle 19.38 del due febbraio, sul papero giallo, lei scrive: "ebbene al pappacarbone ci sono stato, dopo un anno che mancavo, due volte nell'ultima settimana..... esprimendo un parere lusinghiero su una materia praticamente solo appoggiata nel piatto senza arte nè parte, frutto di un cuoco involuto e rattrappito su sè stesso, a mio parere. pero' non trovo la sua recensione. mi aiuta, gentilmente?

  • Presidente17 Marzo 2010

    La recensione di Pappacarbone, Chef Rocco Iannone, non è stata , e non sarà pubblicata su Passione Gourmet in quanto lo chef non ci ha consentito di scattare alcuna foto.

  • fabio fiorillo17 Marzo 2010

    Non mi meraviglio che chi resti estasiato dalla rusticità, seppur piacevole, di Casa del Nonno 13 non riesca ad apprezzare la finezza e la essenzialità dei piatti di Pappacarbone, lungi dall'essere "materia praticamente solo appoggiata nel piatto senza arte nè parte". Sulla recensione di Iannone risponderà il Presidente se lo riterrà opportuno. p.s. correttezza vuole che le virgolette siano apposte anche al termine di una frase di altrui paternità. In caso contrario si possono ingenerare spiacevoli equivoci.

  • Tino Granata17 Marzo 2010

    Scusate, ma chi è 'sto giancarlo maffi?

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    in buona sostanza, cosi' facciamo prima, foto si o foto no, qual'è il suo voto per iannone? tanto per capirci.

  • Presidente17 Marzo 2010

    Se volete sentitevi in privato, noi non facciamo segnalazioni a chi non le gradisce.

  • Tino Granata17 Marzo 2010

    non ho capito chi è ma ho capito cos'è!

  • giancarlo maffi17 Marzo 2010

    questa è la mia mail: giancarlodb9@gmail.com: cosi' il sig. fabio se mi vuole fare la grazia di dirmi che voto ha dato a pappacarbone..... e se il sig. tino vuole scrivermi che cos'è ho piacere di sentirlo....

  • fabio fiorillo17 Marzo 2010

    non è importante il voto Maffi: le sarà sufficiente sapere che abbiamo, sui ristoranti in questione, giudizi diametralmente opposti: lei valuta Casa del Nonno 13 migliore di Pappacarbone, io il contrario. So che le sembrerà strano, ma non tutti hanno le sue stesse opinioni. Buona serata

  • antonio savarese18 Marzo 2010

    un mesile di vino dedica sempre una rubrica che la chiama"LA GRANDE DELUSIONE" mi sono seduto circa due anni fa il giorno prima che prendeva la stella credetemi per molto tempo ho pensato che Arrighi era impazzito stesso comportamete senza pizzicotti ma molto altro forse ancora peggio, e pensare che quell'anno insiema a casa del nonno 13 ha preso la stella il mosaico ad ischia immmaginate la diffirenza. ho dovuto mangiare un antipasto per forza perche il pseudo cameriere ha pretese che io lo dovevo mangiare per forza, dico pseudo perche girando molto anche in campania ci sono signiori professionisti in sala che possono insegnare accoglienza e servizio ingiro per il mondo. comunque per me la stella si va data alla cucina ma il servizio e l'anima del ristorante. sarei molto lungo per spiegarvi tutto la serata complimeti per la recenzione finalmete qualcuno che e daccordo con me su questo posto.

  • giovanni gagliardi18 Marzo 2010

    Secondo me, comunque, la stella non dovrebbe premiare solo la cucina, ma tutto l'insieme. Ad Majora

  • Kriss18 Marzo 2010

    Stelle stelline, ormai si va verso altri metodi, VG docet! :-) http://www.gamberorosso.it/grforum3/viewtopic.php?f=7&t=84600&sid=b629adddb9c72cfecb36fd271c3824bd

  • giancarlo maffi18 Marzo 2010

    si, come no ,gagliardi. sono anche d'accordo . sento cader stelle per terra insieme a terrificanti bicchieri e piatti non pervenuti, solo per fare un esempio e soprattutto in francia.

  • gino18 Marzo 2010

    come lei francese o costa- sorrentiniano che sia.....? illustre Maffi ci puo' spiegare questo passaggio ,visto che me lo sono perso ???? x il signor Savarese mi piacerebbe chi secondo lui sono i migliori tre addetti al servizio di sala della Campania ..

  • antonio savarese19 Marzo 2010

    guardi sig gino la parola servizio e molto difficile da definire perche per servizio intendiamo tutto: accoglienza, competenza sui prodotti che si servono e sopratutto rapporto umano con il cliente che non deve mai superare il limete e passare alle pacche sulla spalla, il cliente per un ristoratore e sacro quindi il cameriere deve saper fare bene e con passione tutto questo. per accoglieza: il buco di sorrento per competenza sui vini :la torre del saracino vico equense per il servizio professionale: il mosaico casamicciola

  • alberto23 Marzo 2010

    Sensazioni dopo la Sua appassionante recensione ho prenotato subito lunedì ventidue marzo duemiladieci ore ventiequindici megliopapa ambiente per affascinanti memorie accoglienza di cordiale efficienza materia prima eccezionale e curata con maniacale passione tecnica sublime partecipazione condivisa… il patron, tra il timido e il timoroso, ormai non sai cosa pretendono i clienti, mi ha chiesto un giudizio su di un piatto che in giornata era entrato in carta, proprio ad uno che segue le Guide come un buon elenco telefonico tematico, che non ha blog, non è del settore, non scrive su riviste specializzate, non dice “squilibrare il risultato finale, grassi aggiunti e contrappunti acidi” è stato chiesto un parere e questo interessava a chi ha “faticato” per realizzare un piatto, ciò onora e gratifica un ospite visita finale ai seducenti spazi della “salumeria” ancora da completare, per il maniacale architetto cosa desiderare di più? Faber est suae quisque fortunae Auguri Casa del Nonno 13, CONTINUATE COSÌ. alberto p.s.: anch’io ho meritato una pacca sulla spalla. E quello che per Lei è stato un gesto insopportabile e per qualche commentatore propaggine di un cafone, per me è stato segno di convivialità, di condivisione, preoccupazione che all’ospite non manchi nulla, che tutto vada bene, e poi se un atteggiamento dà fastidio basta dirlo, ma forse abbiamo perso anche la capacità della comunicazione diretta, bisogna bloggarla.

  • Lorenzo Romanazzi26 Marzo 2010

    Sono stato ieri giovedì 25 marzo a pranzo, alla Casa del Nonno 13, e sono totalmente d'accordo con Alberto e il suo commento del 23 marzo.

  • barbaggianni6 Giugno 2010

    le stelle sono tante milioni di milioni.........aprite gli occhi gente e meditate bastano buoni amici per prendere la stella.....

  • Giovanni Lagnese13 Maggio 2013

    La trattoria perfetta. Provato e riprovato, non delude mai. Per me un 15.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *