Passione Gourmet L'inverno e la lepre alla Peca di Lonigo - Passione Gourmet

L’inverno e la lepre alla Peca di Lonigo

di Chiara Agostinelli

Tripudio d’inverno: estratto di un pranzo trimalcionico a La Peca

In una cruda e grigia giornata di inizio febbraio

Seduta al tavolo dell’accogliente e calda sala de La Peca di Lonigo, dopo una sequenza di portate pantagruelica e di alta levatura, mi viene presentato un piatto così declinato: lepre, fegato grasso, nespole al bitter e chips di verza.

La visione d’insieme mi regala immediatamente sensazioni molto piacevoli. Lo sguardo è rapito e attratto da una cromaticità variegata, straordinaria: si va dal rosso rubino della carne alla carrellata di tonalità del verde della verza, passando per l’ ocra – ruggine della composta di nespole al bitter.

Avvicino il viso al piatto per cercare un ritorno olfattivo e un’esplosione di sentori aromatici sale verso di me, esaltandone l’intensità: su tutto, i profumi speziati dati dal bitter di Baldo.

Accosto le mani al piatto e sento che la sua temperatura è calda: il giusto accorgimento per far sprigionare appieno i sapori.

La lepre, a vederla, è soda e compatta; al palato, il sapore è giustamente gustoso, avvolgente, nessuna nota selvatica: ciò che sto assaporando è il frutto di una sapiente frollatura e di una ricercata modalità di cottura, di brevissima durata e a temperatura assai bassa. Adagiata sulla carne, c’è una salsa civet dal timbro sì speziato, ma non invadente e, in bocca, si avverte una consistenza piacevolmente setosa.  Ancora, c’è un gioco serrato tra la componente acida della crema di nespole e quella aromatica del bitter. Di più, ci sono la dolcezza e la grassezza del fegato grasso, resa lieve perchè servito fresco, semplicemente salato, a dare morbidezza al piatto, sposandosi perfettamente alla magrezza della carne.

Su tutto, qua e là, con grande perizia estetica, delle chips di verza, rese croccanti e friabili affinchè pure l’udito abbia la sua felicità, donata dai suoni della masticazione.

Nell’ insieme, il piatto, pur nella sua complessità, presenta un equilibrio di rara fattura e, degustandolo, mi convinco, una volta ancora, che il cibo è gioia, divertimento, allegria, emozione, cultura, storia, soddisfazione. E merito immenso a un ristorante di cui veramente troppo poco si decantano i pregi : La Peca di Lonigo.

10 Commenti.

  • AvatarFiorello3 Marzo 2021

    Un bellissimo racconto grazie!!!

  • AvatarOrnello Baron3 Marzo 2021

    Grande Chiara, una cosi vivida e appassionata descrizione che mi sembra di aver partecipato al banchetto...

  • AvatarMonica3 Marzo 2021

    Complimenti Chiara ! e un viaggio di puro piacere per i cinque sensi !

  • AvatarValeria3 Marzo 2021

    Che buono!!!mi sembrava di sentire i saporii e profumi che descrivevi. Grazie Chiara, per aver condiviso questa esperienza culinaria. Complimenti al cuoco.

  • AvatarCarmen3 Marzo 2021

    Grazie Chiara, sempre eccellente la sua descrizione.

  • AvatarTiziano hair3 Marzo 2021

    Sempre sul pezzo. Il tuo sapere e gusto me lo fai apprezzare sempre grazie

  • AvatarTiziano TIZ3 Marzo 2021

    Che Bella descrizione Chiara! .... ora mi hai fatto venire L ‘acquolina

  • AvatarOrazio4 Marzo 2021

    Colori, profumi, consistenze, temperature, sapori: tutti i sensi sono stimolati da un gran piatto. E insieme alla parte sensoriale emozione, gioia e allegria. Grazie Chiara per questa descrizione magistrale di un piccolo capolavoro culinario.

  • AvatarGiancarlo5 Marzo 2021

    Una descrizione accurata che rende l'idea e la particolarità del piatto. Complimenti Chiara

  • AvatarNicola14 Marzo 2021

    Anche se non fosse il momento per un pranzo o una cena dopo questa precisa e competente descrizione l'acquolina ti viene, grazie Chiara.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *