Passione Gourmet Antica Corona Reale - Passione Gourmet

Antica Corona Reale

Ristorante
via Fossano 1312040 CERVERE
Chef Gian Piero Vivalda
Recensito da Claudio Persichella

Valutazione

17/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

  • Una grande e solida cucina territoriale.

Difetti

  • La location, a dir poco anonima.
Visitato il 02-2019

Solida identità langarola

Che l’essenza più dritta, solida e granitica, per non dire marnosa, delle Langhe alberghi anche in questo mite comune della provincia di Cuneo, è cosa ormai nota.

A contribuire alla costruzione di questa identità, frutto di un impegno individuale che, stratificato negli anni, compone l’immaginario collettivo, c’è senza ombra di dubbio anche Gian Piero Vivalda il quale, con costanza e abnegazione, ha messo a punto una gioiosa macchina da guerra che, sin dall’accoglienza, mette al centro della propria orbita il suo ospite, soggetto e oggetto di un’esperienza umana prima ancora che culinaria. 

Un’esperienza senza tempo

Va detto subito che si tratta di una tavola, la sua, molto divulgativa e talmente eloquente, nel suo mix di classicità e grandezza, da non aver nemmeno bisogno di dichiarare i suoi prodromi, di lapalissiana scuola francese anche nel servizio, in una sala cadenzata alla perfezione e nel cui rapporto si innesca un’armonia tanto perfetta da essere, per appunto, sempiterna come in quegli storici ristoranti francesi di provincia, che difatti ricorda.

Mancavamo da tempo e con piacere abbiamo ritrovato, in un locale pieno, una cucina più accurata, e audace al punto da fare ricorso a risorse provenienti da tutta Italia; una cucina filologicamente ineccepibile e prodiga di quegli accorgimenti che la alleggeriscono, attualizzandola e mantenendola, al contempo, intatta.

Filologia culinaria

Altresì rispettata è la validità di preparazioni scrupolosamente improntate a una rigorosa aderenza territoriale. Preparazioni nitide nei sapori, golose ma non monocordi e stucchevoli, che rendono pienamente omaggio alla storia che rappresentano, una storia sabauda gloriosa e memorabile, che difatti encomia in piatti memorabili come il capretto allo spiedo, l’anguilla alla royale, i ravioli di gorgonzola e pere o il divin tegame di lumache di Cherasco e porri di Cervere, che rappresentano solo alcune delle copiose sollecitazioni palatali, e intellettuali, che qui si ha la fortuna di esperire.

In questo contesto non poteva mancare una lode alla cantina, capace di soddisfare le più disparate esigenze, e un’altra ancora al già citato servizio, degno oggi di una grande maison.

La galleria fotografica:

2 Commenti.

  • Antonio Morbelli18 Marzo 2019

    Mi scuso se prendo le difese dell'Antica Corona Reale ma giudicare la location "a dir poco anomala" mi sembra un pò esagerato. Quando si può pranzare o cenare in giardino (spettacolare creato da uno dei più grandi giardinieri Italiani) sembra di essere in una favola. L'interno è classico; potrebbe essere migliorato come quasi tutto

  • Claudio PersichellaNorbert19 Marzo 2019

    Ciao Antonio Il termine utilizzato è anonima, non anomala. E si riferisce principalmente all’aspetto esterno del ristorante pressoché indistinguibile dagli edifici intorno e dalla statale. Terremo presente per il futuro, magari in primavera o estate, il giardino da te segnalato.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *