Passione Gourmet L'Osteria di Eataly Bari - Passione Gourmet

L’osteria di Eataly Bari

Trattoria
Fiera del Levante Lungomare Starita 4, Bari
Recensito da Alberto Cauzzi

Valutazione

S.V.

Pregi

  • Un servizio veloce e gentile.
  • Una scelta ampia e variegata.

Difetti

  • La qualità delle cotture e delle preparazioni.
Visitato il 07-2015

Eataly è l’esempio di alta imprenditorialità applicata. Oscar Farinetti, dopo la fortuna e il successo accumulato nella sua precedente esperienza, ha deciso di intraprendere una strada irta e difficoltosa con un obiettivo dichiarato: rendere il commercio del cibo di qualità un vero e proprio affare economico, sostenibile, ma sopratutto alla portata di molti.
E visti i successi collezionati nei punti vendita sino ad ora aperti in tutto il mondo, e la raffica di nuove aperture che lo attende, non possiamo che confermare questa affermazione.

Un grande imprenditore che, anche per passione, ha deciso di cavalcare un settore sicuramente a la pàge in questo momento. Riscuotendo non solo grandi successi economici ma anche curando, cercando di affiancarsi a loro, gli artigiani-produttori di questo incantato mondo fornendogli spesso la spinta propulsiva non solo per sopravvivere ma anche per crescere prosperosi e rigogliosi.

Eataly è il simbolo dell’alta qualità del cibo italiano nel mondo, al punto che il negozio sulla 5th avenue di Manhattan pare sia tra le cinque attrazioni più visitate della grande mela.
E di tutto ciò siamo molto orgogliosi, come italiani e come appassionati gourmet.

Peccato però che non sia tutto oro ciò che luccica: in occasione di una nostra visita nel negozio di Eataly di Bari, ci siamo imbattuti in un’esperienza che, purtroppo, si è ripetuta anche in passato a Milano e a Roma. Luci -molte- su un progetto che però presenta anche qualche ombra.

La nostra esperienza all’Osteria di Eataly Bari è stata esclusiva solo nel conto. 68 euro per i piatti che qui vedete fotografati possono essere molti ma anche pochi. Se però la qualità attesa non è rispettata, se le cotture sono approssimate, se le preparazioni risultano in alcuni casi troppo distanti da quanto è stato promesso in un  luogo che dovrebbe esprimere grande qualità a fianco di numeri e quantità importanti allora è forse giunto il momento di raccontarlo.

Noi abbiamo sfruttato la possibilità di sedersi ai tavoli esterni, e di scegliere alla carta tra alcuni piatti dell’osteria e tra tutti i ristoranti tematici presenti nel complesso. Dal fornello, al ristorante bottega di pesce, all’Osteria appunto.

Abbastanza buoni i prodotti caseari, buone le patatine fritte, non unte, ben cotte e croccanti, appena sufficiente la frittura, che non dava l’impressione di essere stata preparata con materia prima fresca bensì congelata. Bocciate le bombette, troppo cotte e legnose, e il polipo, gommoso e scarico di gusto e sapore. Totalmente scentrato l’hamburger della Granda, con una carne di qualità non eccelsa che non ha sopravvissuto al secondo omicidio: una cottura davvero troppo, troppo lunga.

Siamo certi che sia stato solo un episodio infelice, il nostro. Conoscendo l’estro, la capacità e l’intelligenza del grande capo e la voglia spesso dimostrata di mettersi in discussione, siamo certi che raccoglierà queste nostre osservazioni come uno stimolo ed una serie utile di informazioni utili per migliorare.

Partendo, a dire il vero, da un servizio che invece è stato veloce, impeccabile, gentile e gioviale, seppur costituito in larga parte da giovani e giovanissimi che, con il sorriso sulle labbra, hanno sempre fatto sentire la loro presenza discreta.
Ripartiremmo da qui.

L’ingresso, con i quadri dei presidi di qualità della Puglia.
Osteria, Eataly, Puglia
Un bel biglietto da visita.
Osteria, Eataly, Puglia
Uno scorcio del piano terra.
Osteria, Eataly, Puglia
La stupenda vista dal piano superiore, direttamente sul lungomare di Bari.
Osteria, Eataly, Puglia
Un dettaglio della carta.
carta, Osteria, Eataly, Puglia
Le ottime patatine fritte.
patatine fritte, Osteria, Eataly, Puglia
La frittura, che non ci ha entusiasmato.
frittura, Osteria, Eataly, Puglia
Buone la ricottina, le mozzarelle fiordilatte e la burratina.
ricotta, mozzarella, Osteria, Eataly, Puglia
Primo alt deciso: le bombette.
bombette, Osteria, Eataly, Puglia
Secondo passo falso, il polipo.
polipo, Osteria, Eataly, Puglia
Il colpo di grazia, l’Hamburger.
Hamburger, Osteria, Eataly, Puglia

4 Commenti.

  • PresidentePresidente23 Ottobre 2015

    Leggasi il punto 1 : http://www.treccani.it/vocabolario/polipo/

  • Rosario23 Ottobre 2015

    Il polipo può essere due cose: una malattia o una specie di anemone di mare. Il polpo invece è il mollusco che da Eataly strapazzano. Ad maiora gourmet

  • Gianfranco Romanazzi23 Ottobre 2015

    Ci sono stato un paio di mesi fa. Esperienza imbarazzante.

  • Giovanni Gagliardigiovanni gagliardi23 Ottobre 2015

    Caro Alb, confermo e sottoscrivo. Anche a Milano, a cui giustamente fai riferimento anche tu, da Eataly (a parte la pizza che è buona) si mangia davvero malino. A mio avviso il progetto complessivamente sul fronte della qualità sta lentamente indietreggiando a favore di numeri che si vogliono sempre più "importanti". Il peggioramento ahimè riguarda la ristorazione ma non solo. Vogliamo parlare della qualità dell'hamburger "sottovuoto" Giotto (a parte la cottura.........)??? Ricordo che all'inizio si andava per trovare eccellenza a prezzi ragionevoli. Oggi mi sembra invece che la spesa non valga la qualità. Speriamo che la deriva si arresti :-) Ad Majora

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *