Passione Gourmet Locanda all'Agnello, Orta San Giulio (NO), Chef Fabrizio Tesse, di Giovanni Gagliardi - Passione Gourmet

Locanda all’Agnello, Orta San Giulio (NO), Chef Fabrizio Tesse, di Giovanni Gagliardi

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

Difetti

Visitato il 08-2019

Recensione Ristorante

Fabrizio Tesse, come i gourmet più informati certamente sapranno ha legato il suo nome, tra l’altro, a due realtà assai diverse ma entrambe di primissimo piano nel panorama recente della ristorazione italiana. E’ stato, infatti, al fianco di Fabio Barbaglini in quell’indimenticabile oasi di buon gusto e ricerca che fu il Caffè Groppi e, più di recente, da numero due di Antonino Cannavacciuolo ha contribuito a rendere Villa Crespi il grande ristorante che oggi è.

Insomma, avrete capito, il ragazzo ha stoffa da vendere e dagli inizi di quest’anno ha deciso di partire con una nuova iniziativa in cui assume in proprio la responsabilità della cucina. Per farlo, non si è allontanato molto da Villa Crespi. La Locanda All’Agnello infatti, che nasce dalla ristrutturazione di uno degli edifici più antichi del paese, è proprio al centro dell’incantevole paesino di Orta San Giulio sulle sponde del suggestivo e romanticissimo Lago di Orta.

Certo, siamo ancora in piena start up e quindi può capitare che l’accoglienza non sia proprio da locale di primissimo livello ma che sinfonia di colori e di sapori la Trota marinata, piatto che da solo merita la sosta.

La Locanda – che per inciso è anche dotata di nove belle stanze – si snoda su tre livelli, al piano terra il wine bar, sulla terrazza con meravigliosa vista lago al terzo piano, va in onda una versione più easy del ristorante gourmet al quale è riservato (pare sia stata una scelta inevitabile in fase di progettazione) il secondo piano, per la verità non il massimo della ariosità – la sala è davvero minuscola, i tavoli piccoli e necessariamente ravvicinati, l’unico sfogo è un piccolo balcone su cui è posizionato un tavolino per due romantico ma abbastanza sacrificato – ma quegli Spaghetti……abbiamo provato per tutta la serata a interrogarli ma niente…..gli mancava davvero la parola.

Certo, si ha proprio l’impressione che in sala ci si limiti a svolgere il compitino senza manifestare particolare partecipazione per non dire passione per quanto accade intorno, ma quell’Ombrina con i finferli è  davvero buona.

Ma, direte voi, quel Risotto non è proprio estivo estivo. E’ vero, ma accidenti provate a trovargli un altro difetto. Solo uno.

Si sa poi come sono certe storie, si restaura l’edificio storico e, insomma, non c’è l’aria condizionata ma poi il refrigerio ti arriva sotto forma di dessert: Cocomero, vaniglia e cocco. Freschissimo, in quel momento non avremmo desiderato altro.

Detto che sulla cantina c’è ancora da lavorare sia per quanto riguarda l’assortimento che per quanto riguarda i prezzi (altini), non ci resta che elogiare il rapporto qualità prezzo del ristorante (Menu di 5 portate a 50 Euro!) che per una cucina di questo livello non può che strappare un sorriso.

Andateci, ma mi raccomando, prenotate. La voce si è già sparsa e il locale è sempre pienissimo!

ad Majora

cialde (nero di seppia, zafferano e paprika)

bruschetta (ovviamente destrutturata – spuma al pomodoro e granita di menta)

trota salmonata marinata, olive ammaccate, yogurt e maracuja

capesante scottate, cipollotti al limone, infuso di mela verde e sedano

spaghetti cav. Cocco, pepe di Sarawak, acciughe del Cantabrico e Castelmagno

risotto Carnaroli “Riserva Fortina”, quaglia, marsala e tartufo nero estivo

costa di vitella piemontese cotta al sale grosso, scalogni confit, composta di patate affumicate e ciccioli di guanciale

trancio di ombrina cotta sulla pelle, finferli, riduzione al vino rosso

cocomero, vaniglia e cocco

spuma di cioccolato, peperoncino e mandorle e tiramisu in accompagnamento al caffè

Il pregio: la cucina di uno chef assai talentuoso a un prezzo assai contenuto
Il difetto: il servizio non è al livello della cucina

Locanda All’Agnello
Via Olina, 18
ORTA SAN GIULIO (NO)
+39.0322.905188
Chiuso il lunedì
Prezzi: 50 Euro v.e.

www.locandaallagnello.com

Visitato nel mese di Luglio 2012


Visualizzazione ingrandita della mappa

Giovanni Gagliardi

5 Commenti.

  • Vitantonio30 Agosto 2012

    Senza dubbio, penso che per ogni chef l'importante è fare il suo percorso per poi creare la sua personalità e senza mai copiare riuscire a costruire la sua etica, ma senza mai dimenticare ciò che ogni GRANDE MAESTRO pouò trasmetterti per dare forza a far crescere quella stupenda cosa che è la Passione per il nostro Magnifico lavoro.

  • Giovanni Gagliardigiovanni gagliardi29 Agosto 2012

    Assolutamente d'accordo Vitantonio. Aggiungerei che probabilmente anche Tesse ha dato qualcosa ai suoi nobili "Maestri". Ad Majora

  • Giovanni Gagliardigiovanni gagliardi29 Agosto 2012

    Un genio non so, ma è davvero bravo Tesse. Gli spaghetti non erano assolutamente afflitti da eccesso di sapidità. Ad Majora

  • Vitantonio29 Agosto 2012

    Ciao Giovanni, complimenti per la recensione e complimenti a Fabrizio Tesse per i suoi piatti ed il suo percorso da Fabio Barbaglini ed Antonio Cannavacciolo che l'uno per l'estro e l'altro per il lavoro fatto sulla tradizione e l'eleganza sicuramente gli hanno dato impronta nella sua filosofia di cucina!!!!!!!

  • markuskoellner29 Agosto 2012

    ma quegli spaghetti pepe, acciughe e castelmagno..come ha controllato l'intorpidimento papillare da sapidità? dev'essere un genio :-)

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *