Passione Gourmet Antica Osteria Cera, chef Daniele e Lionello Cera, Lughetto di Campagna Lupia (VE), di Roberto Bentivegna - Passione Gourmet

Antica Osteria Cera, chef Daniele e Lionello Cera, Lughetto di Campagna Lupia (VE), di Roberto Bentivegna

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

16/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 01-2020

390

Recensione Ristorante

Alle volte ci sono locali che vengono discriminati per i più svariati motivi. Diciamoci la verità, tra noi gastro-girovaghi ci sono dei razzisti del palato mica da ridere. Una delle discriminazioni più frequenti (e mi metto anche io in pole position) è legata al fatto che il tal ristorante (ma può valere anche per il cinema o la musica) piaccia a tutti. La cosa ci mette indiscutibilmente sul chi va là: vedere nel parcheggio sfilate di Ferrari o Porsche dei cummenda o degli imprenditori di turno ci mette i brividi, non dite di no. E’, non sempre, ma spesso, un errore madornale.
E’ vero, c’è chi va in un determinato ristorante perché fa fico, perché è uno status, e probabilmente l’Antica Osteria Cera è frequentata da molti di questi avventori. Ma a Lughetto di Campagna Lupia ci si può venire anche perché si mangia da Dio.
Mi è piaciuto tantissimo questo ristorante.
Racchiude in pieno quegli ingredienti tanto cari ai nostri amici “gommati” e non mi stupirei infatti di vederlo presto tra i bistellati italici: lunga tradizione familiare, grande lavoro di “svecchiamento” della tradizione, servizio attento. Perso da poco il capostipite Luigi “Rino” Cera in un tragico incidente, la saga continua con i figli Daniele, Lorena, Lionello e sua moglie Simonetta.
Si sta bene a questa tavola e non solo per una qualità del pesce di livello siderale o per una mano leggera che è attenta a non soverchiare tutto questo ben di Dio. Si sta bene perché è una di quelle cucine che si presta a modulazioni di frequenza, che può essere apprezzata tanto dal palato di primo pelo quanto da quello più hard-core. Adoro questi locali e in Veneto ce n’è almeno un altro su questa lunghezza d’onda. Li adoro perché hanno trovato la formula magica per coniugare le esigenze di ristorazione con l’alta cucina, per avvicinare più fasce di clientela alla grande qualità.
Per godere di questa tavola non bisogna per forza accorgersi dell’abile mano nell’uso delle erbe, o degli accostamenti mirati ed eleganti, e questo è per me un grande pregio. E’ la tavola per tutti, che darà soddisfazioni diverse a seconda di quello che si cerca.
Al tavolo vicino al mio si sono fatti portare ostriche, fritto e tiramisu e li ho visti godere come dei caimani. Senza tanta pippe.
Altri tavoli avranno invece goduto del favoloso contrasto tra la morbidezza del pesce crudo e l’aromaticità della salsa di pistacchio. Democraticamente, la tavola non conosce discriminazioni.
Prendiamo il “Colori del Mare, scaletta di dodici crudi”:
390
qui c’è il mercato, ma c’è anche tanto di Cera , in una delle interpretazioni migliori sul crudo che io abbia mai mangiato. Tradizione e innovazione fuse in un sol colpo, in una fotografia bellissima del nostro Paese.
Uno per tutti: Sfoglia di sgombro con pomodoro e burrata.
390
La sfoglia è di polenta e mi ha fatto ritornare indietro di anni, quando da bambini si aspettava con ansia che la polenta rimasta nelle pareti del paiolo si seccasse e diventasse croccante come una patatina. Eccola qui, il prodotto più nordico di tutti a nozze con pomodoro e burrata. Tradizione e modernità, nord e sud insieme, in una unione che credo non dispiacerebbe neanche al Senatùr.
Dall’alto in basso e da sinistra a destra, come se si leggesse un libro, le altre chicche di questo piatto da non perdere…
Nature di “selvaggio” con aneto e caviale Beluga
390
Tartare di tonno con senape in grani
390
Canocchie al sale di Maldon con pappa al pomodoro e Scampi all’olio e limone, erba cipollina
390
Lamine di calamaro ai profumi di Sicilia: che potenza!!!! E’ come ficcare il naso nella Sicilia intera
390
Astice blu con lenticchie nere
Filetto di tonno con olio alla nocciola, rafano e crescione
Lasagnetta di Sanpietro all’acqua di mare
Mazzancolla con erbe aromatiche e frutta
Capelli d’angelo di seppia con battuta di molluschi, succo di capperi
Sfoglia di sgombro con pomodoro e burrata
Pane burro miele e alice salata

Spaghettino freddo con crudo di mazzancolla, triglia, calamaro, alici, salsa di pistacchi di Bronte: voluttuosi
390
Tavolozza del mare…cappasanta, vongole, triglia,scampi, mazzancolle, calamaro e piovra: e che maionese!
390
Mezzi paccheri con frutti di mare, pomodoro, olive taggiasche, origano di Pantelleria:
390
se dovessimo votare un piatto simbolo per i 150 della nostra Amata, questo se la giocherebbe bene.
Tagliolino di grano arso con acquapazza di triglie, scorfano e canocchie
390
Con posata di ordinanza per spazzolare a dovere tutto il condimento (foto in onore del gdf)
390
Sanpietro con salsa di pane, carciofi viola, vongole e prosciutto crudo San Daniele:
390
pesce correttamente non salato vista la presenza del prosciutto. Non sono attenzioni da poco.
Scampi di “coccia” al sale:
390
materia materia materia con questi scampi di 2 etti l’uno.
390
Direttamente dal mercato di Ancona che è, assieme a quello di Chioggia, il pusher di riferimento per i Cera. Ogni tanto bisogna gratificarsi anche con questi piatti “ignoranti”:-)
La posata giusta al momento giusto.
390
Alla voce dessert, quando ti aspetteresti un fisiologico calo, ti arrivano due-tre sberle mica da ridere. Merito del giovane Michael Trolese ( e spero di non sbagliare il nome), pasticcere autoctono che sa il fatto suo.
Crema fredda allo zenzero, granita al miele di castagno, sabbia di cacao, mango e lime
390
Succo di pompelmo rosa con gelato al rosmarino, fragole all’aneto e granita di lime
390
Il giusto modo per finire un pranzo come questo, con due dessert freschi e acidi con i sapori primari ben in evidenza.
Ma visto che noi spesso siamo senza ritegno, non ci siamo voluti tirare indietro davanti al “Tiramisu di Nonna Silvana” con cremolata al cioccolato e caffè:
390
altra iniezione di discreta libidine anche se avrei preferito una dosatura inferiore di caffè.
390
Piccola pasticceria al livello di tutto il pranzo
390
Il macaron al frutto della passione, degno dei nostri miti parigini
390
La carta dei vini è ottima, anche questa modulata sulle diverse esigenze delle variegata clientela, tra grandi nomi e chicche da scovare. Il personale è preparato e simpatico.
Nulla è regalato ma nulla può essere considerato caro.
C’è tutto insomma. Venite e provate.
Anche se non avete la Ferrari, a noi interessa di più la cilindrata gastrica.

Il compagno di molti viaggi, sempre splendido, anche nella versione 2006.

390

il pregio : chiunque voglia fare paragoni tra i ristoranti di pesce italici, deve passare anche da qui.
il difetto : il prezzo è importante, da ristorante iper-blasonato.

Antica Osteria Cera
Via Marghera 24
30010 Lughetto di Campagna Lupia
Tel: +39.041 51 85 009

Chiuso domenica sera e lunedì
Menu degustazione: 130 e 150 euro
Alla carta: 120 euro

http://www.osteriacera.it

Visitato nel mese di Aprile 2011

Visualizzazione ingrandita della mappa

Roberto Bentivegna

22 Commenti.

  • Andrea8 Maggio 2011

    Grande voglia di andarci quanto prima ! Una curiosità, qual è l'altro ristorante a cui si fa riferimento nella recensione ? Grazie.

  • Mario Aprea9 Maggio 2011

    E' di sicuro un posto interessante che andrebbe provato ma forse è un tantino fuori budget per le persone comuni come me...

  • PresidentePresidente9 Maggio 2011

    Inizia con la P., prossimamente sarà di nuovo su questi schermi...:)

  • leo9 Maggio 2011

    Rob, parlavamo proprio di questo ristorante la scorsa settimana di ritorno da un (molto) soddisfacente pranzo in Piemonte. Le controindicazioni che avevo e che spiegavo al mio "driver" erano proprio quelle di un alto costo rispetto alla creatività espressa. In Toscana forse riusciamo a mangiare altrettanto bene con una spesa minore quindi la trasferta veneta ci manda più verso i picchi padovani o vicentini ;-) P.S. ho notato in questo tuo scritto una deriva sararliana: sarà l'aria dei Cera ? :-)

  • Cris9 Maggio 2011

    Perdonate il materialismo, ma ci mancherebbe altro che a questi prezzi non si mangi bene. Come prezzo siamo a livello dei Top italiani. Chi può permettersi senza problemi un bistellato ogni due giorni ok, ma chi deve fare scelte ben precise credo che si orienti prevalentemente su altri lidi.

  • Roberto BentivegnaRob789 Maggio 2011

    Sararlo è il mio indiscusso mastro di penna. Sarà stato l'influsso dell'aria veneta :) Il prezzo è importante ma la qualità del pescato e il modo in cui viene trattato lo sono altrettanto. Siamo di fronte secondo me a uno dei migliori ristoranti tema-pesce, la carta vini è notevole....insomma, inutile che ce lo diciamo noi, certe cose si pagano. Io, comunque, sono uscito con la voglia di tornare, qualcosa vuol sempre dire (e non sono milionario!)

  • Roberto BentivegnaRob789 Maggio 2011

    "ci mancherebbe altro che a questi prezzi non si mangi bene" Purtroppo l'equazione non è così scontata, anzi!!

  • Il Guardiano del Faro9 Maggio 2011

    Grazie per la dedica, fa piacere vedere di tanto in tanto che anche in Italia qualcuno si ricordi di usare il "salsa-cucchiaio" ;-)

  • eleuterio9 Maggio 2011

    Belle foto, piatti intriganti e sicuramente eccellenti, non mi tornano i conti: dal sito un menù siffatto vale 230 EURO da aggiungere i 12 euro l'etto degli scampi vino, acqua ed ammenniccoli vari giusta la definzione prezzo da iper-blasonato che sicuramente vale il pranzo il"loro" fritto vale 34 euro

  • Cris9 Maggio 2011

    Rob, dammi un paio di nomi in Italia, per favore, così li evito :-)

  • Roberto BentivegnaRob789 Maggio 2011

    "non mi tornano i conti" Me lo dice spesso anche il mio commercialista quando gli presento le fatture dei ristoranti :) A parte gli scherzi, ero con mia moglie quindi i piatti erano per due In ogni caso, anche se in preda a un raptus animalesco mi fossi scofanato tutto questo ben di Dio, avrei indicato il prezzo di un pranzo standard (antipsto-primo-secondo-dessert) Vedo che l'argomento prezzo appassiona molto :)

  • Roberto BentivegnaRob789 Maggio 2011

    Non posso, non ho la copertura economica per sopportare querele Troppi soldi spesi in ristoranti :)

  • eleuterio9 Maggio 2011

    Many Thanks, il costo, specie se per due, influisce sulle destinazioni più del navigatore.

  • Cris9 Maggio 2011

    :-)))))

  • Cris9 Maggio 2011

    P....erbellini?

  • Andrea9 Maggio 2011

    Non sarà al Passo a Campalto ?!?

  • Cris9 Maggio 2011

    Forse hai ragione, ma è fuorviante la P.. iniziale di "Al Passo" ;-)

  • andrè9 Maggio 2011

    vediamo se verrà premito con la seconda stella....

  • antoniosteinbologna7 Settembre 2011

    Sono stato dai lombardi dai veneti dai toscani dai napoletani dai siciliani dai romagnoli ,ma prima che arrivino al livello di CERA ne devono far di strada,non fossaltro per il prodotto che usano (incredibile la qualità) ed il rispetto e la mano che hanno nel trasformarla,non hanno bisogno di usare schiume ,arie ,faccio un gioco di consistenze, di contrasti,di ciliege con le cipolle di cozze cotte nel cioccolato o di bisturi di cui accoltellarti in bocca che se ci scagli perdi l'uso della lingua.Loro sono professionisti veri, gente che sul serio sta in cucina e tutto ha l'aspetto di ciò che si è ordinato. La cortesia e la competenza della Simonetta sono uniche,ha tra l'altro sempre una bottiglia che non conosci da farti assaggiare. Stavolta con il punteggio non ci avete preso ,merita di stare lassù in alto......

  • antoniosteinbologna7 Settembre 2011

    .......ed aggiungo CERA dà dipendenza!!!!!!!

  • Elvis24 Febbraio 2012

    Cera è fantastico. Ma per la seconda stella secondo me non ci siamo. Rapporto qualità prezzo - anche se si considera il top delle materie prime, il servizio davvero di livello - un po' sfavorevole.

  • Fabry21 Novembre 2012

    Seconda stella a Cera, meritatissima!!! Congratulazioni, ma penso proprio che verrò a farvele di persona...condivido con chi ha scritto che da' dipendenza!!!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *