Passione Gourmet I Tigli , Simone Padoan. San Bonifacio (VR) Rob78 - Passione Gourmet

I Tigli , Simone Padoan. San Bonifacio (VR) Rob78

Pizzeria
Recensito da Alberto Cauzzi

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 12-2019

Img_2736

Recensione .

Simone Padoan è come il sussidiario delle elementari.
E’ quella enciclopedia che tenevi in bella posizione nella libreria, la tua prima fonte di conoscenza. Io ci tenevo il “Conoscere” in quella posizione, con quella sua bella copertina arancione. Altri tempi, ora c’è Wikipedia.
La definizione da cercare sarà “ alta gastronomia per tutti “ e non pizzeria.
La pizza è un pretesto. Il nome pizzeria all’esterno serve a richiamare i fortunati viandanti, come il canto di una sirena.
Ma è tanto altro quello che li aspetta, è un piccolo pezzetto di cielo.
Il protettore dell’alta cucina sana e di qualità ha in Simone un grande alleato.
Il gusto per tutti, popolare, democratico , proposto sotto forma del prodotto più popolare che c’è.
Sotto mentite spoglie, come faceva Conticini a La Table d’Anvers di Parigi, prendendo un po’ in giro Jacques Chibois e riproponendo un suo classico fatto di scampi, fagiolini verdi e basilico sopra una base croccante e cornicione morbido denominata “Pizza des Langoustines…” Voilà! Forse la prima pizza etoilèe?


A San Bonifacio invece vorrei sapere in quanti hanno trovato la scusa e l’opportunità non immaginata di mangiare il loro primo piccione o il primo foie gras. Piccione migliore, tra l’altro, di una buona fetta dei mono-stellati italiani.

Veniteci in otto. Radunate tutti i vostri amici, anche quelli più riluttanti, anzi soprattutto loro, e portateli a San Bonifacio. Perché qui si parla di “degustazione di pizza”, ognuna viene divisa in otto spicchi (ecco il motivo del suddetto numero, così ne potete provare 8-9 diverse, cilindrata gastrica permettendo).
Altri hanno seguito l’idea nata qui in Veneto e su PG ne abbiamo avuta qualche testimonianza.
Ma la radice, la puntata zero, è questa.
Io dico che è una scuola per palati erranti alle prime armi.
Oltre che divertentissimo, il locale è piacevolissimo , la cucina sforna anche tutti i dessert che sono eccellenti e personali, e anche le scelte di vini e birre non sono lasciate al caso.
Noi godiamo e ringraziamo Simone.

P.S. Non vorrei dare l’idea di sottovalutare l’importantissimo lavoro di ricerca tra farine, lieviti e impasti.
Ma trovo che la “notizia” qui sia legata a qualcos’altro, e le immagini confermano.

La margherita con fior di latte pugliese – 10 euro

Img_2743

Burrata e crudo San Daniele “riserva 18 mesi” – 22,00 euro

Img_2743

Tartare di tonno, panna acida, rucola selvatica e germogli

Img_2743

Crudo di gambero rosso marinato al ginepro con germogli di borragine, polvere di carapace e gin tonic – 29,00 euro

Img_2743

il gin tonic viene servito in provette mono-dose: sta al cliente divertirsi come meglio crede, o spruzzando il gambero o sparandosi direttamente in bocca il cocktail

Petto di Piccione con crema di mango, zucchine all’aneto e olive nere – 27,00 euro

Img_2743

Focaccia in pan brioches con terrina di Foie Gras, pistacchi di Bronte, lardo, asparagina, vinaigrette all’aceto balsamico di Modena e tartufo – 30,00 euro

Img_2743

Img_2743

Img_2743

Frutto della passione, biscotto al cioccolato e caffè – 10 euro

Img_2743

Tiramisu – 5 euro

Img_2743

2 buone birre della provincia trevigiana

Img_2743

Img_2743

il pregio : La pizza gastronomica italiana è nata qui.

il difetto : Nei giorni di pienone i turni di servizio sono due, meglio venire al secondo se non volete avere il “fiato sul collo” di chi aspetta il suo momento di felicità.

I Tigli – Simone Padoan
Via Camporosolo 11, b
San Bonifacio – Verona
Tel. 045 6102606
Chiuso il mercoledì, aperto solo a cena
Prezzo: variabile da pizza a pizza, per una degustazione di 6-8 pizze considerate 30 euro a testa

http://www.pizzeriaitigli.it/

Visitato nel mese di Maggio 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rob78

22 Commenti.

  • petrus 198011 Giugno 2010

    WOW!!!!!

  • franco francese11 Giugno 2010

    Questo è un fine provocatore con tanto senso gastronomico. Non è una pizzeria, non è una trattoria, non è un ristorante, non è non è ma c'è, eccome.

  • chanandler12 Giugno 2010

    singolare...proprio strano...personalmente non spenderei quei soldi per mangiare ottime materie prime sopra una pizza...ma neanche un terzo forse...

  • sararlo12 Giugno 2010

    Pensa, Rob78, come "Conoscere" può far pesare il millesimo anagrafico. Anch'io lo esibivo con orgoglio nella mia iniziale biblioteca ... con la differenza che, per me, la copertina era rossa e la sovracoperta scura con, a memoria, quella folle scultura che Bruxelles esibì al tempo dell' expò. Aniway, se posso integrare il consueto piacevolissimo testo (grazie per le citazioni en passant). Simone Padoan ha ereditato la pizzeria dallo zio Angiolino Maule che, prima di diventare bio.mito baccante, si guadagnava la pagnotta con margherite e capricciose. Al nipote, oltre ai muri, lasciò nel frigo dono prezioso, una pagnotta di lievito madre 69enne o poco più. Il resto è noto. Il locale è molto amato dalla famiglia Alajmo, anche per il fatto che è aperto il lunedì. Comunque, al momento della prenotazione, è sempre meglio specificare che si desidera fare il percorso degustazione. Unica nota negativa, ma spero che il tempo abbia cambiato le cose. La toilette ha un decor da stazione ferroviaria di Portici. Senza dubbio la colpa è dell' avventore un po' lercio, ma la proprietà, forse, dovrebbe, ogni spesso, darci un occhio in più.

  • giancarlo maffi12 Giugno 2010

    io invece lo trovo un esperimento interessante. qualche perplessita' solo sulla mozzarella schiaffata quasi ovunque . pero' per me un bel problema . ovviamente per lavoro giro da solo . 4 per provarle le devo prendere il che fa 120 eurini dessert e birra compresi ,per non parlare dello spreco. potrei incartarle e portarle a casa .pare reggere bene ad un riscaldamento successivo quella pasta. mah .... forse e' meglio se vado da perbellini o alla peca

  • giancarlo maffi12 Giugno 2010

    anche le toilettes della stazione ferroviaria di padova, per dirne una, non scherzano...

  • massisol13 Giugno 2010

    sicchè, deduco che sarebbe meglio un tavolo da otto per poter degustare una sorta di giropizza??? vabbeh vorrà dire che come al solito, unico commensale il sottoscritto, dovrò "sacrificarmi" in una degustazione degna dei migliori locali italiani... ps: solo birre all'appello? :)

  • giancarlo maffi13 Giugno 2010

    vengo anch'io ? :-)

  • piergiovanni13 Giugno 2010

    Gli abbinamenti sono molto interessanti e sicuramente anche buoni, ma la mia impressione è che la base della pizza sia solo un piatto commestibile, non vedo la commistione mistica fra impasto e condimento. Inoltre, dalle foto, l'impasto stesso sembra davvero poco invitante, troppo gonfio al centro, il cornicione pare avere la consistenza di un panino. Per carità sarà tutto buonissimo e non penso che mi dispiacerebbe accomodarmi fra i tavoli, ma la pizza è un altra cosa.

  • Diego13 Giugno 2010

    Bella segnalazione, mi avete fatto venir voglia di andare. Devo però dire che anche a me l'impasto non convince (piergiovanni mi hai rubato le parole dalla tastira!). Sembra una specia di focaccia con sopra ottima materia prima, ma non una pizza...sarà che per me la pizza è solo quella napoletana.

  • rob7813 Giugno 2010

    esatto,perché questa non è pizza e i tigli non è una pizzeria..almeno non nel senso di concezione comune :) P.s. Avercene di impasti in giro come quelli che fa simone padoan

  • rob7813 Giugno 2010

    sì,l'ideale è essere in otto per una degustazione,perché gli spicchi sono 8.ci faremo una cena "sociale"del sito:) Sì può andare anche a vino,sul sito web della pizzeria c'è tutto segnato

  • Puccio13 Giugno 2010

    Come Rob ha sottolineato abbastanza chiaramente, non si stà parlando di pizza bensì di base sulla quale vengonon adagiate leccornie trattate in modo impeccabile con accostamenti originali ma allo stesso tempo perfettamente equilibrati. Per ciò che concerne invece il reparto impasto, si più che base di pizza è una focaccia, ma che focaccia! io ne avrei mangiata un'altra all alone dopo il carosello presentato nella rece, questo per sottolineare la bontà e la leggerezza del suddetto companatico...

  • Stefano23 Giugno 2010

    Cari buongustai, scopro il vostro sito e comincio a contare giorni di ferie e conto corrente programmando qualche incursione in giro per le tavole di mare. Complimenti, il sito è interessantissimo. Mi permetto e mi faccio vanto di segnalarvi un posto imperdibile a Reggio Emilia: la Pizzeria Piccola Piedigrotta. Giovanni O' Pizzaiuolo di Tramonti e Shoei il suo vice giapponese fanno delle pizze da sogno. Innanzitutto l'impasto 15 g di lievito per 60 kg farina, lievitazione lunga e gestita a seconda della temperatura e l'umidità della giornata. Meravigliosa. All'impasto magistrale aggiungete ingredienti eccellenti e fantasia e troverete in menù delle chicche che sono assolutamente da assaggiare. Abbinamenti tipo patate/speck e polvere di caffè, agretti e cacao amaro, carciofo uova di Parisi e semi di papavero. Insomma Giovanni ha un atteggiamento da grand Chef applicato alla costruzione delle pizze, anche le pizze tradizionali sono un esempio di equilibrio e bontà dato da materie prime eccellenti. Ha inoltre una bella scelta di birre artigianali, buoni vini e pure una cucina tutta amalfitana di livello. Dopo averlo scoperto non mangio altra pizza.. ciao Stefano

  • danilo4 Novembre 2010

    un allievo di simone padoan,che forse ha gia'superato il maestro,e' Sirani di Bagnolo Mella.Pizze da sballo in un locale moderno e accogliente,pizzeria "sui generis",con possibilita'di assaggiare dolci e pasticceria di livello assoluto.prenotare sempre con anticipo

  • Cimbro_Veneto21 Aprile 2011

    22 euri per una pizza con 9 mezze fette di san Daniele e 8 mezzi cucchiai di burrata...la giustificazione?Non venitemi a dire la pasta madre,grazie ah,a me di quelle pizze lì ne servono 2 per cenare,perchè sono pure piccole....

  • Cimbro_Veneto21 Aprile 2011

    mi correggo,adesso sta a 25 euri....

  • Luca20 Marzo 2013

    Ci sono stato settimana scorsa....e se resta l'altissimo livello della pizza e la cura quasi maniacale per la ricerca di materie prime di eccellenza, quello che è migliorato moltissimo dalla vostra recensione è il locale...completamente ristrutturato ed ora molto moderno ed elegante...completa l'esperienza!

  • piron&curtis23 Marzo 2013

    Sarà, ma non mi sembra pasta da pizza.

  • piron&curtis25 Marzo 2013

    Lo stesso Maule Angiolino che i spirò i "dinosauri allergici"?

  • Mauro14 Ottobre 2014

    per favore non confrontiamo Sirani a Padoan

  • Mauro14 Ottobre 2014

    La pizza non è pretesto Padoan, che è un gran maestro della panificazione, ha raggiunto livelli ed equilibri, di morbidezza, lievitatura, sviluppo dell'impasto, spessore e giusta durezza della crosta, umidità, cottura, che ne fanno qualcosa di eccezionale. L'elevata qualità della farcitura è il degna accompagnamento Non è pizza napoletana, non è la romana, è la pizza di Padoan, ma è straordinaria.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *