Passione Gourmet Il Duca Bianco. La Morra (CN) By Il Guardiano del Faro - Passione Gourmet

Il Duca Bianco. La Morra (CN) By Il Guardiano del Faro

Trattoria
Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 06-2024

Img_2736

Recensione ristorante.

Tra un Barolo e l’altro, tra una cantina e l’altra , una pausa di riflessione davanti a qualche classico della cucina langarola .

La vetrina laterale dell’ingresso principale ostenta una carrellata di torte fresche casalinghe che invitano ad entrare con fiducia , certi che anche il resto sarà coerente alla convincente presentazione dei dolci.
E tutto sommato l’attesa non andrà delusa, tenendo pure in conto l’afflusso di una cinquantina di persone entrate quasi contemporaneamente per riscaldarsi e sfamarsi in una grigia domenica novembrina.
Nonostante ciò il servizio è andato via spedito e le varie portate giunte al tavolo in tempi più che accettabili.

img_2739

Dal menù a 30 euro ecco il doppio antipasto tipico che più tipico non saprei: peperoni arrostiti con salsa d’acciuga e vitello tonnato con salsa tradizionale senza maionese. Dignitosi tutti e due anche se il peperone non era spellato e le due salse di supporto messe li in quantità troppo parsimoniosa.

img_2739

Meglio i tagliolini al ragù, l’ideale in una giornata cupa e nebbiosa, in attesa del brasato. Brasato che più che altro sembra uno spezzatino al vino rosso, e neanche con la salsa ben tirata.
Molto meglio ( fuori menù ) la sella di coniglio alle erbe, morbido e saporito, con i suoi accompagnamenti vegetali di spinaci saltati e patate al forno. Ben fatto!

img_2739

img_2739

Un “bonet bianco” che in sostanza sa di buon créme caramel casalingo e il goloso assortimento di torte : crostate o farcite, da spezzare amichevolmente sulla tavola con una boccia di Barolo chinato.

img_2739

img_2739

Qualche imbarazzo per la scelta di un vino, che per noi è stato un bianco per spezzare la monotonia dei rossi degustati in mattinata e nel pomeriggio, in quanto i ricarichi sono apparsi piuttosto sopra le righe ( per esempio un Riesling di Vajra a 48 euro ) , comunque cavandocela con una valdostana cuvèe Frissoniere 2005 arrivata già allo scollinamento.

img_2739

Tutto sommato una pausa gradevole, facendo due passi per La Morra, sostando in un gradevole ambiente modernizzato ma caloroso, accuditi da un servizio cortese e sorridente.
il pregio : La gentilezza e la rapidità del servizio.

il difetto : I ricarichi dissuasivi di parecchi vini.

Il Duca Bianco
Via Umberto I , 27
La Morra (CN)
Tel. (+39) 0173 500368
Coperti : 40 – 50
Alla carta : 25 – 35 Euro
Menù tradizionale : 30 euro

Visitato nel mese di Novembre 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

gdf

5 Commenti.

  • azazel6 Dicembre 2009

    Un locale dedicato a David Bowie???

  • Il Guardiano del Faro6 Dicembre 2009

    Una delle reincarnazioni di David "the return of the thin white duke.." Lo Chef Vito Nolè è magro quanto David...

  • orson6 Dicembre 2009

    Station to station, il mio preferito, grande scelta

  • Lucien6 Dicembre 2009

    cuvèe Frissoniere 2005 di Les Cretes gia' allo scollinamento? Umh..mah, ho sempre reputato sovrastimata quest'azienza ma che avesse vita così breve non l'avrei mai detto.. ps finally GdF nelle cantine dei Baroli e non in Borgogna.. ;-)

  • lamax61°6 Dicembre 2009

    Ebbravo il GDF con questo locale stile "Posta dal Camulin", tanto per citare un nome! Di recente però mi hanno un po' deluso e hai ragione tu per i ricarichi dei vini. Pulman di Krukky invadono le colline (langhe) facendo salire i prezzzi dei vini e abbassato la qualità delle proposte gastronomiche classiche, sempre valide ma un po' trascurate. Questi locali, tuttavia, ci consentono l'alternanza con la cucina d'autore, facendoci vedere le differenze, i pregi ed i difetti d'entrambe. Ciao LAMAX61°

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *