Passione Gourmet Il Gambero, Calvisano (BS) - By Giovanni Gagliardi - Passione Gourmet

Il Gambero, Calvisano (BS) – By Giovanni Gagliardi

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

16/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 08-2019

Img_2736

Recensione ristorante.

Dimenticate sifoni e sferificazioni, Ferran Adrià, Striscia la notizia, texturas e tapiri.

Stiamo per entrare in un grande ristorante della tradizione italiana.

Fuori moda perché sempre di moda. Senza tempo.


Campione di accoglienza e di professionalità; dove, ancora una volta, siamo stati benissimo.
Parliamo del Gambero, a Calvisano, poco lontano da Brescia, ristorante da sempre gestito dalla famiglia Gavazzi, che ha ormai superato i duecento anni ( era nato come albergo con annesso stallaggio ) di vita ma, come i grandi campioni, è ancora qui a dettare le regole della grande ristorazione.
Fatta di sobria eleganza negli arredi e sulle tavole, di un’accoglienza che spicca per gentilezza e professionalità; di un servizio impeccabile, senza essere ingessato, orchestrato dal patron e dai suoi validissimi collaboratori di sala.
Fatto di una cucina che, evidentemente, non punta a stupire con effetti speciali, ma con la “normalità” del buon cibo, di ottime materie prime, di sapori netti, sempre riconoscibili.
Ristorante di pancia e non di testa, dunque, il Gambero, dove abbiamo iniziato con un calice di Franciacorta “Gatti” ad accompagnare tre deliziosi bocconcini: PATE’ DI VENTRESCA DI TONNO, AMATRICIANA DI POMODORO FREDDA, GAMBERI DI FIUME CON OLIO E PREZZEMOLO, semplici ma assolutamente intriganti.

A seguire SPAGHETTI DI SEPPIA AL LORO NERO CON OLIO E PEPERONCINO, concretezza e grande gusto; tre ingredienti i cui sapori si colgono netti nella loro essenzialità: freschissima e cotta perfettamente la seppia, gradevole il peperoncino, splendido l’abbinamento con un meraviglioso olio del Garda.

Quindi proseguiamo con un golosissimo RISO CON PORCINI FRESCHI E FIORI DI ZUCCA. Correttamente Riso e non Risotto. Niente onda, infatti, ma grande armonia in bocca tra l’aroma caratteristico dei porcini e la dolcezza dei fiori di zucca. Perfetta la cottura del riso ed azzeccatissimo l’uso dell’olio che aumenta la succulenza del piatto.

Ben fatte, anche se un po’ anonime, si sono poi rivelate le LASAGNETTE BIANCHE CON FORMAGGIO DI PECORA E PESTO DI BASILICO.
Coraggio, evviva la semplicità, ma si può “osare” di più.

Ma a spiccare nel nostro pranzo è stato il PICCIONE DISOSSATO CON SALSA AL ROSMARINO, una delle migliori declinazioni di questo ormai nobile pennuto da noi mangiate negli ultimi tempi. Magnifico per presentazione, cottura, consistenze. Insomma, grande esecuzione!

Grande generosità nei pre-dessert composti da CREME BRULEE’ AI PISTACCHI, BUDINO FRAGOLA E VANIGLIA e GELATINA ALLA PESCA CON YOGURT ALLA BANANA.

Segue una ricchissima e assai gustosa PICCOLA PASTICCERIA.

Per finire ci siamo fatti tentare da un interessante e ben eseguito BISCOTTO GHIACCIATO, ZABAIONE E CIOCCOLATO.

Assai ricca la cantina.

Da sottolineare il correttissimo rapporto qualità prezzo, con un menu degustazione di 6 portate ad 87 Euro vini inclusi.

In conclusione, che dire: un grande ristorante campione di una ristorazione che non indugia alle mode. Da preservare e da coccolare, perché è bello sapere che c’è.

Ad Majora

Alcuni piatti in immagini:

Lasagnetta.

img_2739

Seppia

Img_2736

Risotto

Img_2743

“Piccola” pasticceria

Img_2743

il pregio : Cucina di grande concretezza ed ottimo rapporto qualità/prezzo.

il difetto : Qualche passaggio (vedi lasagnette) un po’ banale.

Il Gambero
Via Roma 11 – Calvisano (BS)
Tel. 030.968009
Numero coperti 30-40
Chiuso : Mercoledi ed in Agosto
Prezzi: alla carta 60 – 80 euro
Menu degustazione : 87 euro vini compresi

Visitato nel mese di Luglio 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

Giovanni Gagliardi

14 Commenti.

  • Silvano Bertolini19 Marzo 2010

    Nessuno mi ha convinto.

  • Silvano Bertolini19 Marzo 2010

    Sabato 27 marzo, ho prenotato al " Gambero ". Prima visita. Vediamo ...

  • Claudio Persichellanorbert2 Settembre 2009

    La settimana prossima anche per me non è possibile purtroppo.

  • alberto cauzzi2 Settembre 2009

    Per noi il gambero è e rimarrà Blu, quella del grigio però te la rubiamo, bella :-) Io disto parecchio dalla campania, mio malgrado, quindi non potrò essere dei vostri, mi sarebbe piaciuto. Agli amici romani e campani lascio la parola ...

  • giancarlo maffi db92 Settembre 2009

    la mobilia certo non si mangia, ma aiuta a digerire meglio:-)) per i sifoni è solo perchè leggendo commenti sparsi qua e la per i blog questo mi sembra di capire. non che l'uso del sifone debba essere sinonimo automatico di qualità, per carità. i colori li ho visti, gagliardi, ma qui ci vorrebbe un bel grigio.... io e pagano stiamo organizzando un tour in campania penso per fine (lunga pero' ) di settimana prossima. se qualcuno di voi fosse interessato, ovviamente ci farebbe piacere .visitare un ristorante in 4/5 oltre che fare amicizia( si spera) vuol anche dire provare tutto il menu' in un botto e quindi avere un'idea diciamo quasi definitiva. fatemi sapere anche in via privata se volete. avete la mia mail

  • giovanni gagliardi2 Settembre 2009

    Leggo solo ora. Ringrazio Albuz dell'intervento. Quanto alle osservazioni di Maffi, posto che non ho assaggiato la mobilia ritengo che il Gambero meriti un 16 pieno. Fa cucina tradizionale assai ben eseguita e di gran gusto. Come avrà visto, abbiamo deciso di assegnare oltre al voto anche un colore in modo da consentire anche a chi non brilla per originalità ma cucina bene di avere un bel voto nella propria categoria. E questo è il caso appunto del Gambero. Non ho capito il riferimento al fatto che io sarei ossessionato dai sifoni. Ma non fa nulla. Ad Majora

  • giancarlo maffi db927 Agosto 2009

    @gdf: in giro con il db9 è ovvio

  • giancarlo maffi db927 Agosto 2009

    grazie per la risposta, alberto cauzzi. ma non penserai, spero, che faccia una valutazione su una fotografia??? ho abitato a bergamo per molti anni ed avendo clienti in quelle zone molto spesso sono stato al gambero. poi ho un po' diradato le visite, ma giustappunto in visita dai miei clienti ci sono stato due volte, quest'anno. non ho mica detto che è un pessimo ristorante, per carità. abbastanza ingessato si, pero'. tutto li'. saluti ed auguri

  • Il Guardiano del Faro27 Agosto 2009

    Saluti a te! Ma come scoperti solo oggi..? Dove eri andato? ;-)

  • alberto cauzzi27 Agosto 2009

    Caro Giancarlo innanzitutto benvenuto! Occorre fare una piccola precisazione. Questo è il blog di un gruppo di appassionati che, nel rispetto delle singole individualità, cercano sempre di confrontarsi il più possibile e di giungere ad un giudizio, ove si riesca, condiviso dai più. Aggiungo inoltre che, non avendo i mezzi voti, le scelte di campo sono decisamente più estreme (questo per dirti che forse non sarà un 16 pieno ma sarebbe stato penalizzante, da un lato, il 15). Il voto del gambero è frutto di visite plurime, anche con preparazioni provate che non trovano riscontro nelle foto della visita di Giovanni che, mi rendo conto, stridono rispetto al voto. Poi Giovanni ha le sue idee ed ama esprimerle con decisione e questo, permettimi, e tutt'altro che un difetto. Io invece ti dico che la cucina del Gambero non ha nulla di noioso, sopratutto se confrontata con taluni figuri che se usassero il sifone avrebbero almeno un alibi. Invece no, pretendono di fare alta cucina, funambolismi di ogni genere, musetti di maiale con uova di Salmone o Piccioni con anguria e calamari e si fregiano del sigillo di creativi, salvo poi propinarti sonore e ridicole accozzaglie. Meglio il gambero, tutto sommato fermo su se stesso da tempo, una certezza ... ma le certezze, a tavola, servono. Ultimo particolare : il ristorante risente meno di molti altri della crisi di questo periodo, almeno in zona. Questo perché sa dare certezze e qualità ai suoi clienti, con un ottimo rapporto rispetto a quanto pagato. Certo, eviterei una cena in pieno luglio al Gambero, questo anch'io :-) A presto

  • giancarlo maffi db927 Agosto 2009

    se sostituisco" fatta di sobria eleganza" ecc. con" banale mobilia solo vecchia" e" fatto di cucina che non punta a stupire con effetti speciali" con buona cucina solida e noiosa( basta guardare la piccola pasticceria per dire la piu' piccola delle cose) ottengo esattamente il mio parere . quasi sempre in disaccordo con gagliardi, peraltro. il quale vede sifoni ovunque, anche quando non si usano:-)). farei 15/20 . complimenti per il blog, scoperto solo oggi. e tanti saluti al guardiano.... vi terro' d'occhio ,se non vi scoccia.....

  • giovanni gagliardi28 Luglio 2009

    Bene grazie caro Sola, ci siamo felicemente moltiplicati. Ad Majora

  • Massisol28 Luglio 2009

    Pardon l'indiriss di cui sopra was wrong!!!

  • Massisol28 Luglio 2009

    Uelaaaaa, compliments al sig Gagliardi, bella recensione. Ps: come sta la Sua signora?

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *