Passione Gourmet Il Cantinone - Madesimo - (SO) By Monica e Fabrizio Nobili - Passione Gourmet

Il Cantinone – Madesimo – (SO) By Monica e Fabrizio Nobili

Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 08-2019

Img_2736

Questa valutazione, di archivio, è stata aggiornata da una più recente pubblicazione che trovate qui

Recensione ristorante.

A Madesimo, quarant’anni fa , da bambino, misi per la prima volta gli sci. Fino ad oggi non ci sono state motivazioni valide per tornarci in estate. Solo le continue visite invernali a pranzo dallo chef Stefano Masanti mi hanno fatto cambiare idea; ho trovato lo spunto!


Il locale si presenta con la sobria eleganza del legno chiaro naturale tipicamente montano che riscalda l’ambiente senza appesantirlo.
Lo chef Stefano Masanti vanta nel proprio curriculum varie esperienze all’estero, che, insieme al suo palato raffinato, lo ha aiutato certamente a raggiungere la vetta tra i ristoranti valtellinesi e non solo. Le sue creazioni prendono ispirazione da materie prime dal territorio, con solo qualche piccola e necessaria incursione nella cucina classica. Per chi lo volesse , è possibile assaggiare ricette tipiche valligiane quali i pizzoccheri, o taglieri di pregiati bresaola e violino di capra.

Senza nulla togliere agli appassionati della cucina tradizionale preferiamo puntare alla degustazione della maggior parte dei nuovi piatti (tutti millesimati) che la carta ci offre. Questi nascono con l’utilizzo di pochi ingredienti principali, le salse sono magistralmente tirate, le cotture ineccepibili, i sapori dei singoli componenti sono netti e precisi.

La partenza è inusuale: zuppetta di amarene e luccioperca.
In un piatto fondo sono adagiati dei bocconcini di luccioperca, germogli ed insalatine varie dove al momento viene versata la zuppetta di amarene. La freschezza e l’acidità delle amarene si unisce agli aromi vegetali e croccanti mentre la consistenza e la temperatura viene data dal pesce. Un ottimo risultato.

Molto interessante anche il carpaccio di salmerino con fiori selvatici, dove un’eccellente materia prima viene ulteriormente esaltata dagli inusuali e freschi aromi floreali nonchè da due salse rispettivamente a base di prezzemolo e di rosso d’uovo.
Un altra portata molto ben riuscita è il risotto all’ achillea millefoglie e luccioperca.
Cosa fare di una pianticella infestante che si trova facilmente nei prati?
Un profumatissimo ed elegante primo piatto naturalmente!

La scelta giustamente estiva della mantecatura all’olio extra vergine riesce infatti ad esaltare magnificamente la componente vegetale, conservandone una delicatezza per così dire femminile.

I tagliolini al nero di montagna, burro affumicato e ortiche sono un armonico ed interessante richiamo alle tradizioni alpine.
Il Biancostato al forno a legna con purè e succo di slavazz è un chiaro esempio della padronanza dello chef anche nella cottura tradizionale delle carni.

Ulteriore richiamo alle radici alpine è il succo che prende il nome dai laghetti di montagna, ricchi di alghe, microrganismi acquatici e terra.

L’unico piatto assaggiato che esula dalla tipicità del territorio sono le capesante alla griglia, germogli e liquirizia di perfetta consistenza ed esecuzione rispettosa della classicità.

Passando ai dessert la scelta al cucchiaio si articola fra piatti tutti di nuova creazione.
I lamponi amano il gelato allo yogurt, mentre la mousse di ricotta dell’alpe e terra di cioccolato, ricava il suo fascino dall’estremo equilibrio di elementi di significativa sapidità.

Il pasto vale il viaggio.

Alcuni piatti in immagini:

Riso, achillea, luccioperca.

img_2739

tagliolini al nero di montagna, burro affumicato e ortiche

Img_2736

Zuppa di amarene e luccioperca

Img_2743

il pregio : Poter mangiare una cucina creativa anche nella monotona Valtellina.

il difetto : La località è così decentrata che diventa difficoltoso raggiungerla.

Il Cantinone
Via de Giacomi 39
Madesimo (so)
tel (39) 0343 56120
Numero coperti 35
Chiuso :Maggio, metà Giugno, Ottobre e Novembre
Prezzi: alla carta 45 – 50 euro
Menù degustazione : 40 – 65 euro

http://www.sporthotelalpina.it/

Visitato nel Luglio 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

Monica e Fabrizio Nobili

1 Commento.

  • Fabrizio13 Marzo 2010

    dopo varie discese compresi tre canaloni, il freddo pungente causato dalle raffiche di vento in quota, cosa c'è di meglio di una visita al cantinone? l'ordinazione è stata semplice: "2010". Gli ultimi piatti messi in carta (l'ultimo l'altro ieri) e nati negli ultimi mesi non fanno che confermare la capacità di Stefano Masanti. Orto invernale e caviale italiano. Un piatto bellissimo da vedere ma non solo. piatto quadrato con crema di zucca a specchio, verdure di stagione (erbe, broccoli, barbabietola etc) e caviale italiano sparsi sulla crema a formare un quadro di colori. crema di formaggio della val di Lei, funghi porcini confit e verze spadellate. un po' sapido per i miei gusti. gnocchi di grano saraceno , frullato di piselli. bello da vedere e fantastico da mangiare. da fare il tris. coniglio, cotechino, asparagi e salsa di senape. altro piatto semplice di concezione ma che rappresenta la capacità gustativa dello chef. blu tonic. un dessert a base di mirtilli e gelato presentato in un bicchiere tipo ballon. A presto. tanto cmq ci ritorno.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *