Passione Gourmet Pausa Pranzo Parigi, Cedric Grolet e Passerini - Passione Gourmet

Una nuova Pausa Pranzo a Parigi

di Alberto Cauzzi

Girovagando per Parigi alla ricerca del bello e del buono

Per poter sopportare i grassi saturi e insaturi ingurgitati durante le splendide cene parigine occorre tanto moto e un pranzo leggero, ma senza farsi mancare il gusto. Poi, capita di andare a trovare un manico vero, anzi due, nei loro rispettivi ruoli e forse la pausa veloce e leggera che ti eri immaginato lo diventa un po’ meno. Ma, come sappiamo, la testa in questo caso fa molto, ed ecco quindi una interessante, e per certi aspetti, diversa prospettiva per una pausa pranzo alternativa a Parigi … con tanto, tantissimo gusto!

Restaurant Passerini

Giovanni Passerini, seppur quarantenne, è già un cuoco e un imprenditore maturo. Ha creato un luogo d’elezione vicino alla Bastiglia che è il regno dell’italianità più spinta. Un pastificio di fianco al ristorante, ormai sempre più marcatamente un avamposto della cucina italiana a Parigi. Semplice, ma non per questo non ricercato. Il puntiglio e la maniacalità, nonché la tecnica e il senso del gusto, del grande cuoco romano si sentono. Eccome se si sentono. Se poi deciderete di andarci a pranzo, avrete dalla vostra anche uno scontrino incredibilmente economico.

Cedric Grolet

Trentadue anni, oltre 1 milione di followers su Instagram, pastry-chef star e uomo del momento a Parigi. Capo pasticcere de Le Meurice, premiato come miglior pasticciere dell’anno 2018 dalla The World’s 50’s Best Restaurants, Cedric Grolet ha aperto la sua pasticceria, in collaborazione con Le Meurice, in cui allieta, tutti i giorni tranne il lunedì, i palati raffinati dei parigini. Famosissimo per i suoi dessert “trompe l’oeil”, prepara anche un’ampia gamma di prelibatezze che, frigorifero in camera permettendo, si possono degustare in un paio di giorni. Tanto belle quanto incredibilmente buone.

1 Commento.

  • AvatarNomenomen23 Dicembre 2018

    Per gustarsi Grolet in tranquillità consiglio il tea-time al Dalì presso Le Meurice, cubo solo su prenotazione almeno 48 ore prima e prepagato (ne vale la pena e l’investimento). Passerini non mi ha entusiasmato ma sono contento del suo successo. Meglio la pausa pranzo da Nasti alla pizzeria Bijou.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *