Passione Gourmet IDEA 18 Boutique Hotel, Controguerra (TE) - Passione Gourmet

IDEA 18

Una casa per cosmopoliti

Abitare significa essere abitati, e ciò vale anche per i viaggiatori, i cosmopoliti, i cittadini del mondo. Questa è la storia di due persone, Anna Illuminati e Mauro Scaramucci, che hanno deciso di edificare un hotel nel proprio paese – l’IDEA 18 Boutique Hotel – per proiettarlo altrove, molto al di là dei confini imposti dalla carta geografica. 

Siamo a Controguerra, sulle prime colline teramane, all’interno di una dimora contemporanea e neo-classica che ricorda certi edifici tipici dell’East Coast negli Stati Uniti. Linee e colori disegnati da Hopper, progettazione e architettura di Frank Lloyd Wright, e un certo beato impressionismo nello spazio esterno, tutto uno sfarfallio di macaoni tra carrubi secolari, erbe spontanee, gynerium, tigli e liquidambar. Un “paesaggio delle stagioni”, uno spaccato esistenziale degli Stati Uniti, paese dove Mauro incontra Anna, in quel momento alle prese con la promozione dell’azienda vitivinicola di famiglia.

Da lì a creare un posto ove sintetizzare le vite di entrambi e farvi convergere il mondo intero il passo è stato breve, brevissimo, tanto che l’hotel, ad appena tre mesi dalla sua apertura lo scorso 18 giugno 2018, è già abitato da forze centrifughe e centripete che si ritrovano sparse negli indizi lasciati da Anna e Mauro in tutte e cinque le suite.

Gli spazi dell’hotel, fra suites e ristorante

Al piano terra, la Suite del Bonsai ospita un esemplare secolare, tributo a una delle grandi passioni di Mauro, espertissimo anche di iper-frollature, che conduce al momento su sette tagli e sette carni differenti. Accanto, la Suite dei Palloncini è un tributo all’infanzia, al gioco e alla città di Venezia la quale, con i suoi palloncini in vetro soffiato di Murano, richiama citando una delle grandi passioni del padre di Anna, Dino Illuminati. Sempre al piano terra, troviamo la più romantica Suite degli Specchi, che vuole essere “una riflessione sull’autocoscienza – dichiara Mauro – quale momento di definizione del sé e dell’altro dal sé”.

Salendo le scale si raggiunge la Suite del Cannocchiale, o del Telescopio, che si spalanca sul paesaggio e sui 22 centri abitati, con il mare sulla destra e Ascoli Piceno sulla sinistra, o sulla volta celeste, a seconda che siate interessati più alla terra o al cielo. Dirimpetto alla piccola vasca da bagno circolare che giace a fianco del letto si affaccia la Suite del Fuoco, con il giardino pensile che percorre l’edificio da più parti. In tutte le suite e nelle aree comuni occhieggiano dagli scaffali numerosi volumi, per via del forte legame fra Mauro e l’editoria.

Nel ristorante, di cui abbiamo avuto il piacere di lodare la precisione e in particolare il controllo delle temperature, ci sono da segnalare anche il brunch e il barbecue domenicale, quest’ultimo gestito dalle tentazioni efestiane di Mauro che, a tal proposito, ci parla anche di una imminente carta delle uova che per noi costituisce sempre un’irresistibile tentazione. 

Gli esterni:

La piscina:

Il ristorante:

La sala lettura:

La suite del Cannocchiale:

La suite dei Palloncini:

La suite del Fuoco:

La suite dei Bonsai: