Passione Gourmet Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna - Passione Gourmet

Tickets

Ristorante
Av. del Paraŀlel, 164, 08015 Barcelona, Spagna
Chef Albert Adrià, Fran Agudo
Recensito da Leonardo Casaleno

Valutazione

17/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Il divertimento assicurato.

Difetti

  • Difficilissimo prenotare.
  • Tavolini un po' stretti.
Visitato il 03-2015

Le tapas non sono solo cibo, ma una filosofia di vita.
Partiva da questo concetto l’idea di Albert Adrià per quel posto che oggi è il Tickets. Un progetto creativo che andava ben oltre la concezione del miglior tapas bar al mondo. Perché, ancor prima di aprire i battenti, il Tickets era stato concepito come il luogo ideale per tutti.
È iniziato tutto in modo assai curioso. Era il febbraio del 2010 quando Albert festeggiava con amici di famiglia il terzo compleanno del figlio in uno dei suoi ristoranti del cuore. Prima della torta ricevette un regalo inaspettato dal suo amico Juan Carlos Iglesias, attualmente suo partner in affari. Si trattava di un mazzo di chiavi di un immobile le cui mura ospitavano una concessionaria di auto.
Albert si soffermava spesso davanti quella bottega, affascinato dalla spaziosità di quegli interni. Un luogo ideale in cui, un giorno, avrebbe potuto trasferire il suo Inopia Classic Bar. Ma non era soltanto una questione di spazi. Quello era solo un pretesto.
Da quel momento, infatti, i concetti di tapas classici e dell’Inopia si persero tra le mille idee partorite in innumerevoli brain storming, fatti tra le cucine di elBulli e il Taller di Barcellona da quelli che erano le colonne portanti della fucina d’avanguardia di Roses: Albert e Ferran, Oriol Castro, Eduard Xatruch, Andrés Conde e Miguel Estrada.
Nasceva quindi l’idea del Tickets, alla base della quale c’erano due simboli del Bulli: l’oliva sferica e l’air baguette. A seguire, il lavoro sulle ostriche e un altro paio di centinaia di ricette tra tradizione e pura sperimentazione, perseguendo un (ennesimo) nuovo linguaggio gastronomico.
L’obiettivo era diventato sempre più preciso, anzi, non era mai mutato: si continuava a perseguire la ricerca dell’intrattenimento guardando al futuro.

Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna

Il Tickets è la dimostrazione di come i parametri culinari degli Adrià siano in continua evoluzione.
Tra queste mura è racchiuso un mondo su di giri, una sorta di automobile con cui, allacciate le cinture, il passeggero fa un viaggio a due velocità. La guida è sicura ma non mancano i grandi virtuosismi. Il pilota conosce come pochi le tecniche di avanguardia e di molte ne è anche l’inventore.
Dai primi snacks, fino ai dessert, si ha sempre l’impressione di oltrepassare il muro del suono, ma pian piano ci si stabilizza, con sorpresa, in una più rassicurante andatura di crociera.
Si fanno i conti con tanta modernità, ma dietro l’angolo, ad attendere il palato, ci sarà spesso il baluardo della tradizione, con la rivisitazione delle tapas che incontra i ricordi di luoghi lontani. Sapori decisi, dall’impronta catalana marchiata a fuoco, si avvicendano alla strabiliante capacità di far viaggiare il commensale con la mente oltre i confini della Spagna. Sensazione che qualcuno aveva già provato a Roses, poi al 41° e che può ritrovare, in un contesto più limitato ma forse più meditato, anche all’eccellente Pakta.
Fa tutto parte di quella marcia in più che contraddistingue da sempre i fratelli Adrià, capaci di racchiudere una miriade di sapori in pochi assaggi.
Il Tickets, il primo dei ristoranti de “elBarri” (ovvero il “quartiere” degli Adrià, come è stato definito), è come un parco di divertimenti in cui l’avventore ha la possibilità di scegliere la giostra che vuole, quando vuole. Senza vedersi imposte sequenze di sorta o particolari restrizioni. Su qualsiasi cosa ricadrà la scelta, si avrà la certezza di mangiare qualcosa di immediata piacevolezza che appagherà repentinamente il palato.
Difficile assoggettare a critiche un luogo così, perché da due assaggi a trenta che siano, ci si trova sempre al cospetto di qualcosa che stupisce.
Ci si sforza anche nel trovare i difetti (!?): forse il fatto che manchi l’identità di un percorso degustazione? No, quello ve lo fanno se lo chiedete. Anzi ve ne fanno di diversi tipi visto la vastità della carta.
E allora è forse il livello di raffinatezza dei piatti che muta alla velocità della luce, passando da armoniose complessità gustative a più semplici bocconi di rassicurante goduriosità, che, molte volte, tendono a lasciarsi alle spalle la componente raffinata e più cerebrale? Si, forse è proprio questo il rischio: di avere troppe idee e di sfornarle tutte nello stesso momento. Si, probabilmente è forse questo l’unico limite del Tickets.
E se invece fosse la sua imprescindibile chiave del successo?

Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna

Chi ha cenato a elBulli avrà sicuramente un ricordo straordinario del servizio, replicato perfettamente, con le dovute proporzioni, anche al 41°.
Al Tickets invece non ci sono particolari formalismi e la macchina della sala è particolarmente amichevole, coerentemente con l’ambiente ed il concetto di locale.
Ciò detto, resta comunque un servizio di rara puntualità e cortesia, come quasi tutti i ristoranti visitati a queste latitudini, in cui è facile constatare un livello medio sempre altissimo.

Gli snacks.
L’albero del Tickets.
Snacks, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Goliardica presentazione con tanto di forbicette per tagliare il picciolo ricostruito.
snacks, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Geniali meringhe al mirtillo (c’è probabilmente del rafano nell’impasto che dona una lieve nota piccante)…
meringhe al mirtillo, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
…da inzuppare in una intrigante crema al rafano.
crema al rafano, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Le abbiamo provate e riprovate. Un po’ ovunque…
olive, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
…ma vi assicuriamo che qui sono uniche.
Le (super) olive elBulli. E’ facile che ve ne rifilino di diversi tipi in diversi ristoranti e in altrettanti continenti, ma nessuno ha la concentrazione di queste. Un gusto lunghissimo, forse anche migliore di un’oliva di qualità assoluta. Quando la tecnica potenzia la qualità di un ingrediente.
Questa è la varietà Verdial…
olive, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
…ma abbiamo assaggiato e percepito le differenze con la varietà Gordial, più forti e aromatizzate all’anice stellato e cannella.
olive, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Crostino di acciughe con semi di pomodoro e cristalli di olio.
crostino di acciughe, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Dalla sezione “Pura Razza”, è il momento di Joselito. Pata negra Gran Reserva.
joselito, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Accompagnato da pane al pomodoro.
pane al pomodoro, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Sezione “Finger Food”.
Tonno in tartare con mille-feuille di alga nori croccante. Boccone strepitoso.
finger food, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Incredibili gamberi rossi crudi con panatura al “mojo” verde (tipica salsa delle Canarie, a base di coriandolo e prezzemolo). Spettacolo.
gamberi rossi, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Le ostriche: sulla sinistra con kimchi di yuzu e sulla destra, con salsa ponzu e uova di salmone.
ostriche, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
“Rubia gallega” arrotolata nella leggendaria air baguette.
rubia gallega, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
“Jowl & Panceta”
jowl&panceta, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Una succulenta brioche al burro con testina di maiale, mozzarella, mostarda, paprika e “ras el hanout”.
brioche al burro con testina di maiale, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Ed ecco i piatti principali del Tickets: le tapas, all’insegna della tradizione.
Insalata di pomodori Raff, straciatella di bufala e aria di basilico. Sotto la schiuma degnamente concentrata si nasconde una caprese, ma non solo. Prima i pistacchi, poi delle fragoline di bosco generano una divertente alternanza di sapori e tonalità di raro equilibrio. Geniale semplicità.
insalata di pomodori, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Strepitosi cannolicchi con salsa al cocco, funghi e arachidi. Siamo in Thailandia o a Barcellona?
cannolicchi, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Cannolicchi, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Carciofi, crema di sedano rapa e vinaigrette al tartufo. Notevole piatto di matrice francese.
Carciofi crema di sedano, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Piselli di Maresme (una delle Comarche della Catalogna) con jus di finocchio e pancetta croccante. Piatto da trattoria o preparazione di alta scuola con tecnica sopraffina?
piselli di maresme, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Un altro piatto cult: spalla di maiale con patate confit e salsa di ossa di costine di maiale. Piatto di estrema golosità il cui abuso rischia di saturare le papille gustative. Ne bastano un paio di bocconi.
spalla di maiale con patate confit, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Il pollo in due sequenze. O meglio, il piatto del viaggio.
Una favolosa variazione del volatile che fonde al meglio lo spirito di questa cucina: tradizione e innovazione.
pollo in due sequenze, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
La schiuma di lime da’ profondità al saporito boccone e il cubo di pane imbevuto nella salsa del volatile creano dipendenza.
pollo, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Ma il colpo di grazia arriva con il brodo di pollo. Un consommé degno del miglior tristellato francese. Talmente chiarificato da sembrare acqua. È il caso di dire, uno di quei piatti indimenticabili.
brodo di pollo, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Variazione di Payoyo, tradizione e evoluzione.
payoyo, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
I dolci. Dai quali, francamente, ci aspettavamo un coinvolgimento emotivo maggiore. Comunque iper tecnici e anch’essi golosi, ma da un grandissimo pasticcere come Albert Adrià ci aspettavamo molto di più.
Mini cheesecake, meringhe al limone e crema di formaggio con composta ai frutti rossi.
mini cheesecake, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Pancake con yogurt, sciroppo d’acero e composta di more. Questa volta il tasso di stucchevolezza va oltre il nostro gradimento.
pancake con yogurt, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Altro dessert, spuma di panna e cioccolato.
spuma di panna e cioccolato, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Tickets’ “crazy coconut”, gelatin alla menta, crema al frutto della passione e stracciatella di cocco. Da mangiare con le mani.
crazy coconut, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Uno dei tavolini.
Tavolino, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Gli interni.
interni, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Alcuni banconi.
banconi, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
bancone, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Merchandising.
Caviar, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna
Insegna.
insegna, Tickets, Chef Albert Adrià, Barcelona, Spagna

4 Commenti.

  • Gianfranco Romanazzi11 Maggio 2015

    Prenotato per l'11 Luglio. :)

  • The Dark Knife7 Maggio 2015

    Purtroppo no. Ci vuole un po' di fortuna.

  • Nomenomen7 Maggio 2015

    Da signor nessuno io ci sono stato un paio di volte, la prima provai semplicemente a telefonare col mio pessimo inglese chiedendo la prima disponibilità mentre la seconda avevo prenotato un tavolo al 41* e ho chiesto a Don (In realtà un italiano di nome Donatello) se poteva farmi avere un tavolo al tickets. Penso ci sia pure la possibilità di mettersi in fila fuori per il secondo turno ma non ci giurerei. Aspetto l'apertura di Enigma per tornare.

  • Gianfranco Romanazzi7 Maggio 2015

    Hai qualche suggerimento per le prenotazioni? Grazie.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *