Passione Gourmet Antonio Abbruzzino, Catanzaro - Passione Gourmet

Antonio Abbruzzino

Ristorante
via Fiume Savuto, Catanzaro
Chef Antonio Abbruzzino
Recensito da Presidente

Valutazione

16/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Un faro in Calabria, terra difficile per l'alta cucina.
  • Il comodo e confortevole albergo sopra al ristorante.
  • Una cucina giovane, vivace e scintillante.
  • A 30 minuti d'auto dall'aeroporto di Lamezia Terme.

Difetti

  • Il luogo in cui è ubicato il ristorante.
Visitato il 04-2014

Antonio Abbruzzino, Catanzaro

A Catanzaro è nata una nuova stella, anno 2014.
E’ la prima stella nella storia di questa provincia. Si è posata su una piccola bomboniera fuori città, un luogo in cui abbiamo trovato grande fermento. Questa grande ed importante conquista è merito prima di tutto suo, di Antonio Abbruzzino.
Cuoco, come ama definirsi, ma soprattutto uomo e padre fantastico.
Antonio è professionista di grande mestiere, ma ha deciso da tempo di accompagnare il piccolo grande Luca e, come tutti i grandi padri, di osservarlo da lontano ma facendogli percorrere la sua strada. Affiancando, assecondando, consigliando ma mai prevaricando.
Segue con amore e dedizione il suo cucciolo, giovane professionista a cui dà spazio di manovra per esprimersi. A cui consiglia di mettere il naso fuori dal suo locale periodicamente per vedere ciò che accade nel mondo, per crescere ed affinarsi.
E Luca lo fa, con sguardo curioso e intelligente. Stage da Crippa e da Uliassi, per citarne alcuni, dove ha letto e reinterpretato, ed adattato al suo contesto, non banalmente copiato.
E’ straordinario conoscere Luca, che così giovane (ha 24 anni) è già così posato, attento, maturo e convinto.
Si pone sempre con atteggiamento umile, attento. Vuole ancora crescere Luca, imparare, ha fame di conoscenza. Ma la sua cucina è già limpida, cristallina, pulita ed elegante come fosse quella di un quarantenne, e pure bravo.
Merito di Mamma Rosina, che assiste e veglia dalla sala, e di papà Antonio, come già detto, che faticano, come tutti di questi tempi, a dare spazio e futuro ad un figlio che già oggi, ma prossimamente ancora di più ne siamo certi, racconterà una storia importante nella sua città e nel Sud più in generale.
Piatti non banali, eleganti, raffinati e tecnici.
Piatti che trasudano qualità e ricerca per la materia prima, che si impregnano dell’odore della tecnica senza mai esserne sovrastati.
Piatti che tentano di leggere un territorio e si stanno sempre più sdoganando da un timbro internazionale per abbracciare il profumo del locale, della tradizione rivisitata.
Piatti dall’equilibrio difficile come il perfetto triglia, carciofi, liquerizia e menta o come lo spaghettone, reso elegante dalla salsa alle vongole veraci e persistente dal tarassaco e cicoria, con quella punta di essenza di arancia che elegantemente portava a termine il cerchio gustativo. O come l’Agnello, fantastico nella sua rotondità e nel suo vigore ed infine i dolci, di un tenore mai visto a queste latitudini.
Messaggio ai naviganti: l’Aeroporto di Lamezia è a meno di mezz’ora di strada. Approfittatene prima possibile…

In apertura panino con Morzello, tipica preparazione a base normalmente di carne e pomodori, in uso come spuntino dai contadini della zona immerso in un pane, qui in una versione elegante-chic con il merluzzo. A seguire crostino di pane, velo di mozzarella di bufala e concentrato di pomodoro.
Morzello, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Fantastico tempura di alici con ripieno di ricotta e tartufo della Sila, caramello di arancia
Tempura di alici, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Tonno alalunga, polvere di pane di seppia, fragole e pomodoro
Tonno alalunga, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Triglia, carciofi, mandorle, menta e liquerizia. Uso sapiente di quest’ultima, bilanciata alla perfezione.
triglia carciofi e mandorle, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Fantastico merluzzo con latte di topinambur affumicato e tartufo nero della Sila, a donare croccantezza tapioca saltata.
merluzzo con latte, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Spaghettone alle vongole veraci ed erbe amare, salsa di burrata
spaghettone alle vongole, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Perchè no: fusilloni, ndujia, pecorino e ricci di mare. Colpo di genio! Due acque di pecorino e nduja, ottenute dalla riduzione dei prodotti in acqua con cottura prolungata, che servono a mantecare e risottare i fusilli. Tocco finale dei ricci. Spettacolare.
fusilloni nduja e pecorino, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Tonno Rosso, melanzana perlina e salsa di aglio dolce. Come dice il cuoco, con una materia prima di questo tenore meglio aggiungere poco o niente.
tonno rosso, melanzana, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Agnello, rapa rossa acidificata, salsa di latte di capra. La nuova versione prevede la cipolla al posto della bietola, territoriale e centrato.
agnello, rapa rossa, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Cannella, Mela e Pinoli.
cannella mela e pinoli, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Whisky, capperi e caffè.
whisky capperi e caffè, Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Spugna affumicata alla nocciola, gelato di nocciola e caffè.
spugna affumicata e nocciola,Antonio Abbruzzino, Catanzaro
Piccola pasticceria.
piccola pasticceria, Antonio Abbruzzino, Catanzaro

12 Commenti.

  • Giampiero Prozzo15 Maggio 2014

    Una gran bella cena di settembre, con una sala piena e addirittura qualche doppio turno. Ma d'altronde lo avevamo incontrato ed apprezzato già alla ultima manifestazione chef emergente sud italia. Vero Alberto ? :-)

  • matteo9 Maggio 2014

    Condivido quello che dice Luca Bartolini... Dalle foto e descrizioni dei piatti sembra meritarsi qualcosina di piu'... Che bella scoperta! Grazie!

  • Alessia7 Maggio 2014

    "Piccolo grande Luca" sono pienamente d'accordo.

  • luciano pignataro6 Maggio 2014

    Sono contentissimo che ti sia piaciuto. A Luca manca solo un po' di esperienza ma con un papà così giovane può permettersi di stare ancora un po' in giro. Poi nessuno lo fermerà

  • alberto cauzzi5 Maggio 2014

    @Piermario. Certo! @Albert : Grazie :-)

  • Albert Sapere5 Maggio 2014

    mi trovo d'accordo parola per parola :-)

  • Piermario5 Maggio 2014

    Ragazzi, ma quindi dobbiamo dire che questa volta la Michelin ha fatto la sua porca figura? :-)

  • Luca Bartolini5 Maggio 2014

    A vedere le foto dei piatti sembra anche meritarsi un punticino in più. Stella strameritata quindi, bene così. Grazie per la condivisione

  • giovanni passerini5 Maggio 2014

    caspita! interessantissimo, grazie per la segnalazione

  • Marco 50&505 Maggio 2014

    CZ che piatti a CZ

  • Giovanni Lagnese5 Maggio 2014

    A parte i pensierini sulle festività che si leggono sul sito... :D

  • Giovanni Lagnese5 Maggio 2014

    Interessantissimo!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *