Passione Gourmet La Villa Madie, chef Jean Marc Banzo, Cassis, di Norbert

La Villa Madie

Ristorante
Avenue du Revestel-Anse de Corton, 13260 Cassis
Chef Jean Marc Banzo
Recensito da Presidente

Valutazione

17/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

  • Una grande cucina provenzale in una location molto affascinante

Difetti

  • L’umidità che improvvisa sopraggiunge la sera
Visitato il 07-2013

520

La Villa Madie è una meravigliosa terrazza sul Mediterraneo ed è anche l’occasione per gustare un distillato di cucina provenzale di straordinaria intensità.
Colpisce la luce, il mare davanti a sé, la natura rigogliosa tutt’attorno, in un tripudio di colori e odori.
Nobilitato da un’orchestrina di sottofondo in cui grilli e cicale la fanno da padroni fino a sera inoltrata, questo ristorante è un’imperdibile tappa per chiunque, trovandosi in zona, abbia curiosità gastronomica e debita considerazione del concetto di bellezza.
Ma non è solo cadre qui, perché la cucina della Villa Madie, creatura di Jean Marc Banzo, rappresenta una cattedrale in cui viene celebrato realmente un territorio.
La leggerezza, la capacità di concentrare il gusto, il buon senso e la cura con cui vengono scelte e lavorate le materie prime trovano in questa tavola una delle loro più alte espressioni.
Frutta, verdura di stagione, legumi, fino a sapienti incursioni di matrice orientale, sono tutti elementi che concorrono felicemente a una riproposizione di elementi e temi gastronomici senza complicazioni di sorta né inutili contorsioni stilistiche.
In tal modo un San Pietro cotto alla perfezione è presentato insieme a un profumatissimo farro alle erbe e funghi e a gamberi la cui salsa è caratterizzata da un’acidità sintomatica di infinita classe e persistenza.
La capacità di ricorrere a un intingolo tale senza eccedere in grassezze di sorta, ma asciugandolo, tempestandolo di note acide e speziate, è prova inconfutabile di grande maestria.
Quanti elementi sintetizzati in un singolo piatto!
Sempre restando coerentemente legati al territorio, ecco la divina anatra al profumo di lavanda con frutta confit davvero memorabile.
Le sollecitazioni dal menù grande “la balade entre terre & mer” sono comunque tante e permettono un’esperienza a 360° davvero notevole e soddisfacente.
La Provenza non resta solo un ambiente di alto profilo estetico ma una vera e propria fucina dove l’abilità nel forgiare sapori e sensazioni è sviluppata qui ai massimi livelli.
La carta dei vini, ricca di cantine interessanti (ma poche le italiane), permette la conoscenza e l’approfondimento di etichette inconsuete con ricarichi più che accettabili.

Mise en place
520
L’ansa di Corton.
520
Pane.
520
Cornetto alle acciughe, pomodoro glassato con mozzarella, zucchine con ricotta e parmigiano.
520
Quinoa, gelato di crostacei, limone.
520
Variazione di astice, avocado, mozzarella, salsa verde.
520
Rana pescatrice tandoori, tagliatelle di zucchine, crema di limone e cumino.
520
San Pietro, farro ai funghi, gamberi e loro salsa dalla elegantissima nuance acida.
520
Filetto d’anatra arrosto al profumo di lavanda, frutta. Eccellente.
520
Triglia, seppia, carciofi, olive, pomodorini, vellutata di ceci (fuori menù).
520
Magnifica variazione di coniglio: lombo in “rognonnade” di frattaglie, sella in “caillette”, costoletta impanata, salsa al timo di magistrale fattura (fuori menù).
520
Caprino di Sainte Baume, marmellata d’albicocche, Vin Cuit Clos d’Albizzi.
520
Fresca chiusura: financier al finocchio, sorbetto al melone, profumo di lavanda.
520
Sfera cremosa al cioccolato, anisette, gelato al finocchio, lamponi.
520
Mignardises: Macaron menta e cioccolato, tortino albicocca e zafferano, panna cotta alla verbena e biscotto al lampone.
520
Grande scelta. Una cantina non nota come dovrebbe.
520
La terrazza del ristorante.
520
Una comoda opportunità per un aperitivo.
520

1 Commento.

  • AvatarF.21 Ottobre 2013

    Sei andato a fare visita dal produttore di vino accanto al ristorante? La vigna che entra nel mare e che forma l'ansa di corton che nella foto si vede nello sfondo dietro al bicchiere fa sembrare più buono il cassis bianco e il rosè che producono.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *