Passione Gourmet Faro Verde, Porticello Santa Flavia (Pa) di Bruno Petronilli

Al Faro Verde

Ristorante
largo San Nicolicchia, Porticello Santa Flavia (PA)
Chef Francesco Balestrieri
Recensito da Presidente

Valutazione

13/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

  • Ottima materia prima e preparazioni non banali

Difetti

  • Per arrivare qui buttate il codice della strada che conoscete e fidatevi dell’istinto...
Visitato il 07-2013

520

Il Faro Verde potrebbe essere la classica bella scoperta in una calda estate di vacanze. Spesso si vaga nei paesini marinari senza una meta precisa, buttando l’occhio nei menù appesi fuori dai locali, sbirciando nei piatti degli avventori già intenti a cenare, facendo appello a decenni d’esperienza per azzeccare una cena di qualità. Anche quando il critico veste i panni del turista non può prescindere dal suo tirannico animo gourmet.
E se ci fossimo capitati per caso a Porticello avremmo senza dubbio scelto questo locale tipico, proprio di fronte al mare.
Ma al Faro Verde non ci siamo capitati per sbaglio, ci siamo andati appositamente per mantenere una promessa fatta qualche mese prima a Milano. Era passata da poco la mezzanotte in Piazza della Scala, eravamo gli ultimi clienti rimasti estasiati dalla sorpresa di scoprire un Trussardi e un Luigi Taglienti in stato di grazia. Ma non eravamo gli unici. Intenti a gustarci un meritato sigaro un simpatico signore dall’aria affabile si avvicinò presentandosi così: “Sono Francesco Balestrieri, sono un ristoratore siciliano vicino a Palermo. Ho intuito che siete degli appassionati gourmet, vi volevo raccontare del mio locale”. L’entusiasmo e la franchezza con cui Francesco ci ha parlato, raccontandoci la sua vita e le sue esperienze, ci ha colpito e ci ha insegnato una lezione importante. Ha dimostrato in pochi minuti quanto sia fondamentale nella nostra epoca l’etica e l’orgoglio del proprio lavoro, ma anche quello delle proprie passioni. Davanti ad un santuario dell’alta cucina Francesco descriveva una semplice realtà a noi sconosciuta.
Nell’era di internet e della comunicazione globale, l’approccio diretto e sfacciato ha ancora il suo fascino.
Ed eccoci dunque pochi mesi dopo a Porticello, piccolo borgo marinaro che in realtà risulta essere il secondo porto della Sicilia con oltre 400 barche registrate.
L’aria è densa e sapida, sa di mare, di bontà. Il Faro Verde fu fondato nel 1974 dal padre di Francesco, Benito, e l’insegna è ancora lì a ricordarlo. Si cena ovviamente nella bella veranda, ma il locale ha anche ampie sale interne, calde e ben arredate.
Qui una volta si inscatolavano le acciughe, ancora prima addirittura c’era una chiesa. Francesco è in cucina, assieme al giovane fratello Maurizio, in sala gli altri due figli di Benito, Marcello e Stefano. Lasciate il menù ai turisti dall’idioma straniero e chiedete a Francesco & Co. di condurre il gioco (privo di sorprese perché superare i 50€ qui è impresa difficile).
Solo il meglio che i pescherecci hanno da offrire entra nella cucina di Francesco e Maurizio: la loro idea di ristorazione travalica, ma con giudizio, la semplicità e la tradizione. Qualche ricetta si spinge più in là, si avverte la curiosità nel proporre qualche accostamento inusuale, la presentazione è curata, chiaro indice di vivacità, buon senso, desiderio di uscire dagli schemi ferrei della frittura, del sauté, della grigliata. Nel complesso oggi la cucina del Faro Verde si distingue meritatamente per elevarsi dalla macchia indistinta che fagocita i molti locali marinari della penisola, le molte fotocopie di un’offerta banale e poco stimolante. E la prossima volta di sicuro troveremo novità e miglioramenti. Ne siamo certi.

Alici marinate all’aceto, olio e miele d’acacia. Ottima materia prima, buon contrasto agrodolce.
520
Primo vino consigliato: un buon Grillo, sapido e minerale.
520
Il classico pane che dà dipendenza. Provenienza: forno Valenti a Bagheria.
520
Variazione di tonno: Tagliata, prosciutto affumicato e tartare. Eccelsa materia prima, su tutti la tagliata ma anche la tartare ha una buon equilibrio aromatico.
520
Gambero rosso di Palermo e Porticello. Anche qui ottima materia prima, centrato il condimento.
520
Buone bollicine siciliane.
520
Sformatino di pesce spada, salsa di erbe aromatiche. Molto goloso, molto siciliano.
520
Calamarata con pescatrice. Cotture perfette, buon piatto in cui spicca il gusto dei ricci dosati con buona mano.
520
Ravioli di ricotta al nero di seppia. Piatto dai sapori intensi ma centrati.
520
Polipo lesso. Più semplice di così… eppure ecco come far felice un gourmet.
520
Chiudiamo la cena con l’acqua di cottura del polipo, che ci assicurano essere uno straordinario digestivo. Confermiamo in pieno.
520
L’ampia veranda del Faro Verde.
520
Uno dei tanti pescherecci che fanno ritorno al tramonto: un ottimo indizio…
520

4 Commenti.

  • AvatarClaudio Pistocchi3 Ottobre 2013

    Peccato però non aver chiuso con un qualcosa di dolce... non mancano in Sicilia eccellenze di alto livello... Troppo sazi o...?

  • AvatarMarco 50&503 Ottobre 2013

    Bel racconto, ma anche il post e il posto. A volte un pesce bollito basta, non avanza ma rimane nella memoria.

  • AvatarVito3 Ottobre 2013

    Bei ricordi . Grande accoglienza e materia prima eccellente . Bravi da un ex avventore sbarcato da molti anni nel continente .

  • Avatarbpetronilli5 Ottobre 2013

    Già troppo sazio ... e la chiusura con il brodo di polipo è una mano santa in questi casi.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *