Passione Gourmet Ristorante Acquerello, Chef Silvio Salmoiraghi, Fagnano Olona (VA), di Alberto Cauzzi

Acquerello

Ristorante
via Patrioti 5, Fagnano Olona (VA)
Chef Silvio Salmoiraghi
Recensito da Presidente

Valutazione

17/20

Pregi

  • Un grande interprete di cucina, con grande cultura gastronomica

Difetti

  • La sala, squadrata, forse un po’ dispersiva
Visitato il 05-2013

Ci sono cuochi dotati di grande talento, per lo più istintivo. In cui la conoscenza delle tecniche non è approfondita, così come la cultura storico-culinaria. Molti non sanno cos’è e come si prepara una salsa Maltese, o non conoscono le motivazioni storiche che hanno portato alla creazione di molte ricette della cucina classica, sia essa quella italiana o quella ancor più importante di stampo francese. E poi ci sono cuochi che invece hanno basi tecniche straordinarie, monumentali, un rigore ed una conoscenza storica approfondita ma, ahimè, una mano poco felice. Quando si riesce a coniugare entrambi questi aspetti abbiamo la certezza di essere al cospetto di un professionista con la P maiuscola. Se poi ci aggiungiamo anche la capacità di saper insegnare tutto questo beh… probabilmente siamo di fronte ad un rarissimo caso di grande levatura.
Silvio Salmoiraghi da Busto Arsizio è tutto questo. E fa specie ritrovarlo in un ristorante della periferia bustocca senza ancora i doverosi e dovuti riconoscimenti che merita.
Ricorda tanto uno dei suoi maestri, quel Luciano Tona da Casatenovo, grandissimo cuoco, sensibile ed innovatore, tra i più sottovalutati interpreti che ci è capitato di incontrare sulla nostra strada. Mai capito ed apprezzato quanto avrebbe dovuto essere.
Riconoscimenti non pervenuti nei tempi giusti, per entrambi, forse anche per via del loro carattere schivo, burbero, apparentemente scostante.
Silvio però se imparerete ad ascoltarlo e piano piano a conquistare la sua fiducia, vi apparirà come un piccolo, geniale, limpido grande uomo. E grande cuoco. Nulla a lui è sconosciuto. La materia, la tecnica, le preparazioni.
Ecco perché la sua cucina oggi è in grado di indurre provocazioni, seppur sempre ponderate e moderate, di tal levatura. Proprio perché, come dice il sommo Bottura, altro grande esponente di questa piccola e ridotta categoria, bisogna conoscere a fondo le tecniche e la storia culinaria per poi poter disperdere tutto quanto e creare una cucina personale, incisiva, graffiante, elegante.
Silvio Salmoiraghi è il condensato di questo pensiero. Cucina graffiante, ma come un gatto, anche ruffianamente accarezzevole. Intrigante e stimolante ma al contempo rassicurante. Precisa, tecnica ma ricca di pathos ed amore, tutt’altro che fredda ed algida.
E poi, infine, coraggiosa. Perché è raro da parte di un cuoco dedicare un piatto ad un collega, Paolo Lopriore, vedendolo quasi commosso e riuscendo, con la grande sensibilità di cui è dotato, a carpirne i tormenti ma anche le profondità più nascoste.
Con l’aggiunta, costante, di provocazione. Perché, essendo conscio dei suoi mezzi e delle sue capacità, non vi farà mancare qualche passaggio per mettervi alla prova, ma è giusto che sia così.
E se poi in sala troverete un angelo diventato umanamente terreno come la dolce e graziosa Giulia dalle Vedove, beh, che altro aggiungere.
Un applauso ad un grande interprete della nostra cucina. Silvio Salmoiraghi, cuoco da Busto Arsizio.

Eleganti entrate…

Storione, Rape, Uova di trota, Olive.

Dripping e Carpione di mare? Gamberi crudi, rossetti fritti, salsa al miele e aceto di riso. Un grande classico dello chef dall’equilibrio fantastico.

Asparagi e Uova.
Asparago bianco e uova di coregone in salsa bernese, Asparago selvatico e missoltini, uovo di quaglia nappato, bottarga.

Dedicato a Paolo Lopriore …
Semi di zucca, polvere di ceci, crema di tabacco, agretti, olive verdi, polenta.

Imperioso shabu shabu di Foie Gras d’anatra, prezzemolo, mirto, salsa al mirto e noci.

Pollo della Valversa in due servizi.
Dim Sum di farina di riso e brodo all’anice.

Coscia alla diavola ai 5 pepi.

Probabile dedica al Maestro Tona.
Cioccolato bianco, gorgonzola… racchiuso in un raviolo di caramello e frutta secca.

Brodo di cacao, the nero e spezie.

E per finire…

6 Commenti.

  • cheolhyeok7 Maggio 2014

    grande posto, grande esperienza, penso che adesso in italia e' uno dei migliori

  • pier1 Giugno 2013

    sono di ritorno da una cena all'acquerello e sinceramente penso che parini tra i tre lo possiamo anche togliere.....da lui(parini) non ho trovato la freschezza che fa la differenza tra la cucina e la grande cucina

  • Tommaso20 Maggio 2013

    Addirittura migliori 3? chi tra Parini, Bottura e Crippa è peggio di lui? Aldilà dei rankings, comunque, una tappa imprescindibile!

  • marco20 Maggio 2013

    Silvio è senza dubbio uno dei migliori chef in Italia forse tra i migliori 3.

  • Luigi Cremona20 Maggio 2013

    una scheda perfetta con un difetto, manca la foto di Giulia Dalle Vedove

  • jpjpjp20 Maggio 2013

    in effetti angelo rende l'idea

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *