Passione Gourmet Il Sole - Antica Locanda del Trebbo, Trebbo di Reno (BO) di Rob78 - Passione Gourmet

Il Sole – Antica Locanda del Trebbo, Trebbo di Reno (BO) di Rob78

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

Difetti

Visitato il 01-2022

Img_2736

Recensione ristorante.

Marcello Leoni è un gran bel personaggio. E’ uno che sa stare al mondo, conosce i tempi, sa cosa vuole dire gestire un ristorante. Simpatico, vulcanico, la sala si è certamente giovata della sua presenza.
Ha poi capito che con i fuochi d’artificio al massimo illumini la notte per qualche secondo, non ci vivi.
Passati i periodi degli eccessi, dei venti ingredienti nel piatto, del “tanto” e, a volte, del “troppo”, si avverte una maggiore pulizia e armonia, si percepisce la maturità nelle scelte dei Leoni brothers.
Ci si concentra più sulla ristorazione nel senso più autentico del termine: far star bene il cliente.
E qui, indubbiamente, si passa una bella serata. Il pubblico sembra gradire (sala piena e grandi numeri in eventi esterni).

Img_2743

La materia prima, ieri come oggi, è di alto livello.
Tecnica presente: vedi la tagliatella, tirata a regola d’arte.
Il rovescio della medaglia: qualcosa da dire c’è.
Grandi prodotti trasformati con tecnica e personalità: mai definizione più azzeccata. Non premendo sull’acceleratore, di certo non si sbanda, ma si perdono le emozioni forti. Sono tutti o quasi piatti ben fatti, ma non si grida al miracolo.
I prezzi invece sono molto caldi. 110 euro per un pasto alla carta, a queste latitudini, sono un prezzo importante. Entrando qui, bisogna metterlo in conto. Diciamocelo, perché l’abbiamo pensato in tanti: il conto è da 2 stelle.
Lo stesso non si può dire della carta dei vini, che permette di bere bene senza svenarsi, ora anche al calice.
Un altro appunto: 8 antipasti, 11 primi, 7 secondi. Troppa scelta? Forse una riduzione permetterebbe di fare il salto di qualità.
In definitiva: io qui ci torno sempre volentieri. Per la simpatia e bravura di Marcello Leoni, per la “mano” di suo fratello Gianluca, per la buona scelta di vini. Non credo uscirete delusi: basta sapere cosa si viene a trovare.

Crema di patate profumate al burro bruciato con germogli:

Img_2743

qui proposto come appetizer, in carta è presente con l’aggiunta di una quenelle di scampi. Già notevole così, probabilmente il crostaceo gli dona una marcia in più.

Frittatina di carciofi alla mentuccia in salsa di cipolla piatta con saraghina e tartufo nero:

Img_2743

Soggetto: la Saraghina. Pregio: straordinario prodotto della zona di Cesenatico. Difetto: annienta tutto quello che gli sta intorno. Piatto da rivedere negli equilibri e nelle consistenze ma plauso per la valorizzazione di un pesce poco avvezzo alla grandi tavole.

Zuppa di parmigiano reggiano “Vacche rosse” con passatelli tradizionali e tartufo nero :

Img_2743

Tagliatelle al ragù di germano in salsa di fegato grasso :

Img_2743

grande gusto, grande soddisfazione. Due primi piatti veri. Peccato per l’eccessiva sapidità della tagliatella, altrimenti perfetta, legata a regola d’arte dalla salsa di fegato grasso. Sul passatello poco da aggiungere: materico. Si conferma la fama dei Leoni come grandi “minestrai”.

Teppanyaki di manzo con cialda di polenta condita, salsa bordolese, midollo di bue e millefoglie croccante di cardi : senza infamia e senza lode, non resterà negli annali. Da rivedere il cardo, eccessivamente unto in questa preparazione.

Img_2743

Petto e tulip di piccione con purè di cipolla di Tropea :

Img_2743

ai Leoni il foie gras piace molto e lo sanno utilizzare. Appoggiato sul piccione, lo rendono ancora più gourmand. Cottura super. Purè di cipolle poco incisivo, forse volutamente.

Soufflè di lamponi con gelato al gianduia e crema inglese alla menta :

Img_2743

tecnicamente un ottimo soufflé, gonfio e arioso. Deve necessariamente essere abbinato alla crema inglese che ne smorza la dolcezza. Gelato ottimo, ma un po’ slegato dal contesto.

Pane e piccola pasticceria meritano nota apposita: curati come non vedevamo da molto tempo.

il pregio : La presenza di Marcello Leoni in sala.

il difetto : Rapporto q/p discutibile.

Il Sole – Antica Locanda del Trebbo
Via Lame 67
Trebbo di Reno – Bologna
( +39 ) 051-700102
Menu degustazione: 115 euro
Alla carta: 110 euro
Chiuso: sabato a pranzo e l’intera domenica

http://www.fratellileoni.it/

Visitato nel mese di Gennaio 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rob78

29 Commenti.

  • AvatarKriss11 Febbraio 2010

    Si Rob, se quello che vediamo costa 115 euro è tutto molto più che discutibile . E anche la pesantezza dello scorcio della sala è piuttosto discutibile .

  • AvatarMassisol11 Febbraio 2010

    Scusa Kriss nn capisco il riferimento alla sala... :)

  • AvatarDibbo11 Febbraio 2010

    Assegnare 16,non perché lo dia l'Espresso,sarebbe stato troppo generoso?Una peculiarità dell'essere dei(gran)minestrai,la ravviso nel loro modo di eseguire i risotti,sempre impeccabili sia nelle preparazioni più ardite che in quelle più classiche.Darei il 16,per la loro continua sperimentazione nell'accostare ingredienti che al primo impatto,sembran messi lì per caso,ma poi(almeno per me) si rivelano abbinamenti riuscitissimi.Ps è il mio primo post,spero,in un luogo così stimolante.farne seguire altri.Saluti

  • Avatarmarkuskoellner11 Febbraio 2010

    avevo avuto notizia che Gianluca Leoni non fosse più in cucina e di qualche caduta a precipizio nei piatti (l'unica caratteristica che vedo immobile e immanente sono i prezzi :-)) questo mi "riluttava" a tornarci: mi confermate invece che è ancora lì?

  • AvatarKriss11 Febbraio 2010

    Massi, e basta con questi tavoloni tondi con le tovaglie a terra. Quelle cose ormai se le possono permettere solo i classiconi pluristellati dove te lo aspetti il pesantore dell'arredamento. La nuova generazione vuole vedere qualche cosa di più leggero, di più fresco. Questo sembra il mancato due stelle con le cose fatte a metà, e pure i piatti , con tutti i limiti dell'infelice impiattamento non valgono quei soldi , mentre la valutazione è buonista, guardateli bene quei piatti...

  • Avatarrob7811 Febbraio 2010

    La sala secondo me ha il suo fascino. La foto, soprattutto la mia, non riesce a comunicare l'atmosfera che questo locale ha. Decadente, ma ha il suo perchè. In ogni caso i Leoni a fine anno dovranno per forza cambiare sede, magari cambieranno stile dell'arredamento. Io comunque preferisco mille volte una sala come questa, che ha una identità e una personalità, a quelle standardizzate "minimaliste" che oggi si vedono sempre di più in giro. Sul conto poco da aggiungere, è da due stelle.

  • Avatarrob7811 Febbraio 2010

    Vero che i risotti sono uno dei punti forti dei Leoni, ma in relazione agli altri 16 dati da questo sito il punto in più sarebbe stato fuori luogo. Grazie per l'intervento, le opinioni di tutti sono sempre gradite

  • AvatarAntonio Scuteri11 Febbraio 2010

    Sono d'accordo sui prezzi, davvero troppo elevati (ma è così da sempre al Sole). Però guardare alcuni di quei piatti, come la zuppa di parmigiano con passatelli e tartufo nero o le tagliatelle al ragù di germano in salsa di fegato grasso a me fa venire una gran fame. Il che, visto che stiamo parlando di un ristorante, è sempre una cosa positiva :-D

  • Avatarrob7811 Febbraio 2010

    Confermato :) Gianluca in cucina e Marcello in sala

  • AvatarDibbo11 Febbraio 2010

    Rob,a parzialissima difesa,può essere che un appannamento nei piatti sia dovuto alla loro nuova "avventura" imprenditoriale con il bistrò18?(se sapessi mettere,dal telefono,il link in sovraimpressione lo farei..).Stando su queste cifre,meglio il Sole,o la Locanda della Tamerice?

  • Avatarmassisol11 Febbraio 2010

    sai bene che nn posso permettermi di giudicare i piatti dei colleghi, nn sono manco all'altezza di farlo... dico solo che se prendiamo in esame attraverso un articolo i pregi/difetti di una cucina nn dobbiamo concentrarci su tavoli, arredi ecc.

  • Avatarrob7811 Febbraio 2010

    La mia precedente visita alla Locanda del Sole risaliva all'anno scorso, ne uscì una scheda per la fu "guida gourmet". La mia impressione fu la stessa di questa ultima visita. 15/20. E' un posto in cui io passo sempre una bella serata, mangio bene e spendo parecchio. Il mio voto però prescinde assolutamente dalla valutazione q/p. Sicuramente i Leoni sono impegnati in varie attività, in primis il bistrot che tu citi e che non ho ancora avuto il piacere di frequentare, ma probabilmente è questo il livello che vogliono proporre per mantenere il loro target di clientela. Solo una nota: la sala era piena. Sul paragone con la Tamerice (che ha prezzi analoghi se non sbaglio) non mi spingo perchè manco da troppo tempo da Ostellato per fare una corretta valutazione.

  • AvatarDibbo11 Febbraio 2010

    Rob hai ragione!prima si spendeva qualcosa meno,loro ai fornelli si divertivano,ma il loro divertimento era fine a se stesso,perché la clientela magari non apprezzava voli pindarici,adesso son pieni perché come scrivi giustamente tu,scelgono piatti "rassicuranti"..Il bistrot,il cui sito mi pare sia bistrot18.com,è un posto abbastanza ammiccante.Con prodotti "firmati",cucina espressa,solo che se vuoi fare il bistrot e poi fai pagare una scaloppa di fegato grasso 23 euro...

  • Avatarazazel11 Febbraio 2010

    io ne ero uscito l'anno scorso con un 14 scarso, sarà stata una giornataccia magari. in effetti non avevamo scelto risotti, sarà per questo?

  • Avataralvigneto11 Febbraio 2010

    Beh senza polemizzare ovviamente ne tanto meno mettere in discussione l'operato altrui,avere il locale pieno di questi giorni è impresa non facile,anche se bisogna sapere che giorno della settimana si fa' riferimento.Detto questo ,aggiungo che molto spesso locale pieno non corrisponde a sinonimo di qualita' come in questo caso specifico.

  • Avatarvelavale11 Febbraio 2010

    il rapporto q/p non sembra proprio un granchè ma secondo me va provato e lo farò presto

  • AvatarDibbo12 Febbraio 2010

    Siete mai stati al Ristorante de l'Hotel i Portici? Vista la penuria di buoni,se non ottimi locali a Bologna,questo ristorante le cui cucine sono governate da Guido Haverkock,che portò il rist del Castello Banfi alla agognata stella,ha portato una decisa ventata di aria fresca nel panorama cittadino.Menù degustazione 5portate ad 80.. Antipasti 16 primi 18 secondi 24..dolci non so perché le due volte che son stato ho preso il menu.Ottimo servizio,quasi romantico,se non fosse che affaccia su una strada di gran passeggio, dove,rischi di mangiare con il voyeur di turno.

  • Avatargumbo chicken12 Febbraio 2010

    Non è una questione fondamentale, ma già che è partito il filone: io associo identità e personalità a originalità, a qualcosa di particolare, diverso dal solito. La standardizzazione minimalista sarà pure la moda del momento, ma anche questa sala (da come appare in foto, sia chiaro) sembra allineata a uno stile piuttosto comune in un certo tipo di locali. Sempre una moda, ma...di qualche anno fa! :-)

  • Avatarrob7812 Febbraio 2010

    Grazie, è nella lista dei posti da provare. Come hai trovato la cucina di Haverkock?

  • Avatarmainecoon12 Febbraio 2010

    Teppanyaki di manzo con cialda di polenta condita, salsa bordolese, midollo di bue e millefoglie croccante di cardi : senza infamia e senza lode, non resterà negli annali. Da rivedere il cardo, eccessivamente unto in questa preparazione. E dire che sono diventato matto per trovarlo, peraltro senza un buon risultato, per fare una finanziera ad una cena. Che sappia io è vietato, o no?

  • Avatarilcuoreinpentola12 Febbraio 2010

    Oddio, questo menù è da sballo! Elenca tutte le cose che mi piacciono di più dal foie gras al tortino di cioccolato. Per non parlare del parmigiano "vacche rosse" che ho assaporato proprio ieri per la prima volta... mi ha rapita. In questo posto ci andrò di certo! Bravo direttore!

  • Avatarsararlo12 Febbraio 2010

    Se posso permettermi una piccola pennellata di colore. La visita è vecchia, mi pare 2005. Nel "dopo teatro" Leoni mi raccontò della sua passione di HOG (Harley Davidson) e di come, in primavera, a cavalcioni della moto si divertisse a cercare erbe spontanee lungo alcune anse del Reno. Confermo la mia impressione che come Minestrai ci sanno fare meglio che su altro. A suo tempo il servizio di sala non era proprio il massimo. Comunque un posto dove resta la curiosità di tornare.

  • Alberto CauzziPresidente12 Febbraio 2010

    Sararlo, si permetta, si permetta quando vuole ;-)

  • AvatarDibbo12 Febbraio 2010

    Mi è piaciuta!Sapori non troppo prevaricanti,a tutti gli ingredienti cerca di dar risalto,anche alla panna acida in accompagnamento al tempura di gamberi rossi...piatto memorabile è stata la sella di capriolo con funghi shitake e polenta..Dolci ben presentati,di scuola direi,come disposizione nel piatto ricorda quella di certi ristoranti dell'Alto Adige..sulla rossa,è inserito tra i rising for the stars 2010,io gliel'avrei assegnata.Darei un 15

  • AvatarDibbo13 Febbraio 2010

    per la cura nell'esecuzione e nella presentazione dei dolci,mi riferivo a posti come lo Zur Rose di Appiano,dove i dolci non recitano la parte ddì gregari,anzi...

  • Avatarrob7815 Febbraio 2010

    Grazie, segnato in agenda! :)

  • AvatarDibbo15 Febbraio 2010

    Figurati!Rob sei mai stato da Lopriore? Il 1o marzo all'eataly di bologna ci sarà lui con un menu' con piatti all'apparenza estremamente semplici,con vini abbinati.Sarei molto tentato,magari potrei mangiare le più buone seppie in zimino della mia vita...

  • AvatarAnonio12 Gennaio 2022

    Leoni è un grande, ma sulle moto non ci siamo, io prefetisco le BMW.

  • AvatarAntoniostar12 Gennaio 2022

    Ho reierato mi scuso....visto che ho in stima i frarelli Leoni, conosco meglio Gianluca, e avendo avuto esperienze grandissime già da giovani, sottolineo il fatto che la peggior critica daricevere è quella sull 'impiattamento. Molti lo vorrebbero simile ad un disrgno ma la bellezza di un piatto viene da dentro il piatto e non da orpelli o decorazioni o caviali sfericizzati molecolarmente. Trovo assurdo dare importanza all' impiattamento, certo deve essere ben messo, ma mai a scapito del gusto. La cucina televisiva ha distrutto la ristorazione, che per inciso era già messa poco bene..

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *