Passione Gourmet Matsalen , Mathias Dahlgren - Stockholm - By Orson - Passione Gourmet

Matsalen , Mathias Dahlgren – Stockholm – By Orson

Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 01-2020

Img_2736

Questa valutazione, di archivio, è stata aggiornata da una più recente pubblicazione che trovate qui

Recensione ristorante.

Il Matsalen è il ristorante di punta del Grand Hotel di Stoccolma, che ha affidato da un paio d’anni le sue cucine al bravissimo Mathias Dahlgren, già stellato in quel Bon Lloc che aveva cambiato la scena svedese a inizio anni 2000, trovando una via personale all’alta cucina in un paese in cui questa era sempre stata intesa come sinonimo di cucina francese. Ed è un’esperienza davvero interessante perché, ancora una volta, mostra come in Scandinavia sia oramai presente una generazione di cuochi e ristoratori di grande personalità, che non scimmiottano tendenze altrui ma che sanno valorizzare le tradizioni culinarie e di ospitalità loro proprie.


La sala è di eleganza sobria come solo da queste parti si può essere, con le boiserie verde pallido, il parquet chiaro, le ampie finestre da cui si intravede il mare e l’accoglienza garbata e cordiale, molto professionale.

I teaser iniziali sono eccellenti e pescano in ingredienti locali (il salmone, le uova di lompo da un lato, il rafano e i funghi dall’altro) dando da subito l’idea che qui si fa cucina svedese moderna. Il che vuol dire che si pesca a piene mani nella tradizione della fattoria scandinava, alleggerendo, sfumando quando serve ma senza perdere la “rusticità” di tradizioni millenarie. Per cui il burro arriva, col suo coltello di legno, in una variazione con la spuma di lardo, il formaggio fresco e una meravigliosa fetta di pane oppure abbinato a un mini panino che sa di forno ( la madeleine dello chef ).

Si comincia davvero con la cappasanta e molva, con germogli di prezzemolo, aglio e sugo di calamaro, sapori forti e decisi che mostrano, in un’elegante presentazione, una cucina di sapori intensi.

Il successivo carciofo e asparago del Gotland con salmone, uova di pesce, crescione e burro affumicato è folgorante: sapori vegetali tutti un po’ spostati rispetto alle nostre attese, cotture perfette, toni acidi, iodati, affumicati che si susseguono e si integrano.

Piccolo passo falso con lo scampo e guancia di maiale, con piselli cavoli ed erba mattolina (una sorta di prezzemolo ), di sapidità un po’ troppo spinta e troppo ricco di sapori non tutti ben evidenziati.

Buono e spiazzante il rustico pane fritto con formaggio di mucca liquido, miele, olio, sale e pepe, da mangiarsi con le mani e accompagnare a una gelida bevanda ottenuta dalla fermentazione di frutti locali , simile al sidro .

Molto interessante, poi, la “carta di zucca”, una variazione sulla zucca con una mousse, appunto, di zucca calda, una sua spuma fredda, i suoi semi, tartufo, mandorle, parmigiano, in cui il caldo-freddo evita la stucchevolezza e le consistenze si sposano con grande felicità.

L’ultimo piatto salato, la sella d’agnello con animelle, ortica, asparagi bianchi e galletti, è un piatto più classico, non indispensabile ma eseguito con perizia.

Folgoranti i sorbetti di menta e lampone artico che precedono l’eccellente rabarbaro di Blacksta fritto con gelato alla mandorla con cui si chiude la cena.

Il servizio è inappuntabile (le foto ai piatti, se proprio ci tenete, ve le fanno loro in cucina per non disturbare gli altri clienti in sala) e molto cordiale e una nota di merito va alla più bella e originale selezione musicale da anni (da Chet Baker a Nico, passando per Richard Hawley e Belle & Sebastian e mille altre scelte non convenzionali).

L’ampia carta dei vini prevede, come sempre da queste parti, una selezione del sommelier ad accompagnare ogni singolo piatto, più o meno allo stesso prezzo del menu (1300kr).

– – –

Vale la pena di spendere due parole anche sul più informale Matbaren, giusto accanto, provato due sere dopo: un eccellente bistrot, molto più informale e affollato del Matsalen, che presenta una carta di piatti singoli (da combinare come si preferisce), la cui suddivisione è fra piatti con ingredienti locali e non. Tutto molto fresco, molto buono, preparato in una bella cucina a vista e abbinabile a vini o birre al bicchiere (o in bottiglia, anche mezze, a prezzi non proprio irrisori), con una formula di ristorazione più snella ma sempre all’insegna della qualità (valutata una stella pneumatica). Spenderete una cinquantina di euro, bevande escluse.

Alcune immagini dei piatti … dalla cucina di Dahlgren :

Amuse bouche.

img_2739

Il burro

Img_2736

Capasanta e molva

Img_2743

Carciofo , asparagi, salmone

Img_2743

Carta di zucca

Img_2743

Pane fritto

Img_2743

Rabarbaro fritto

Img_2743

Sella d’agnello

Img_2743

il pregio : Una cucina che sa essere elegante pur affondando le sue radici nella più rustica delle tradizioni

il difetto : Qualche eccesso di sapidità

Matsalen – Mathias Dahlgren
Blasieholmshamnen 6, Stoccolma
Tel: + 46 (0) 8 679 35 84
Mail: reservations@mdghs.com Mathias Dahlgren Grand Hôtel StockholmSödra
Chiuso: Domenica e Lunedì, aperto solo la sera
Numero coperti: 30
Alla carta: 1200 kr (circa 100 €)
Menu degustazione: 1500kr (7 piatti), 850 kr (3 piatti)

http://www.mathiasdahlgren.com/

Visitato nel Luglio 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

Orson

8 Commenti.

  • Lucien20 Settembre 2009

    alla vista una certa freddezza scandinava traspare, se l'occhio vuole la sua parte il mio in questo caso non è completamente appagato, il palato pero' è un'altra cosa.. quoto assolutamente sul sottofondo musicale, lungi dalle solite banalita', (anche l'orecchio vuole la sua parte ;-) ) della serie coinvolgiamo tutti i sensi.. ...era ancheil mio..(Chet Baker e Richard Hawley..) a bientot

  • orson20 Settembre 2009

    In realtà è forse il più internazionale dei grandi scandinavi da me provati, ma comunque ha un'identità nordica (della fattoria nordica, trasferita nel grande ristorante) innegabile. Un gran bel posto, con servizio e ambientazione tra le migliori mai provate. Per dire della passione e professionalità: una delle persone in sala, peraltro nemmeno quella che ci ha servito, ci ha riconosciuti dopo 2 anni, chiedendoci, con garbo e discrezione, come stesse nostro figlio (assente quella sera) e informandosi gentilmente delle nostre successive tappe gastronomiche. Belle cose.

  • Lucien20 Settembre 2009

    è vero, a nord a volte ci si imbatte in piacevoli sorprese, non piu' di un anno fa, di passaggio a Copenaghen e non riuscendo a prenotare in tempo da Noma dovetti ripiegare sul monostellato MR (Mads Refslund) http://www.mr-restaurant.dk/ trovandomi decisamente bene..

  • Val Tidone21 Settembre 2009

    Non ho mai avuto occasione di recarmi nei paesi scandinavi, ne immaginavo vi si possano trovare ristoranti come quello recensito. Bene, una ragione in più per recarmi al più presto da quelle parti colmando la grave lacuna :-)

  • velavale21 Settembre 2009

    cosa sono i 2 rotolini di fianco all'amuse bouche

  • Alberto CauzziPresidente21 Settembre 2009

    Così, a indovinare , sembrerebbero delle piccole salviette di spugna da usare per pulirsi le mani prima o dopo aver maneggiato gli amuse bouche.

  • orson21 Settembre 2009

    Ben detto;)

  • Lucien22 Settembre 2009

    Come ho visto bere l'acqua e limone per pulirsi le mani, qui qualcuno avra' provato ad addentarli.. :-) :-)

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *