Passione Gourmet Silene - Passione Gourmet

Silene

Ristorante
Strada Provinciale Altore 9, Pescina (GR)
Chef Roberto Rossi
Recensito da Claudio Persichella

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

  • Uno chef legatissimo alla sua terra, alfiere di un territorio del quale ripropone l’anima più tradizionale.

Difetti

  • Alquanto lontano dalle rotte principali.
Visitato il 08-2020

Un riferimento nella Maremma Toscana

In un angolo posto letteralmente fuori dal mondo, nel cuore della Maremma, a Pescina, frazione di Seggiano, un incrocio nel centro del paese darà l’impressione di essere trasportati da una DeLorean indietro nel tempo.

Da un lato della strada il vero e proprio ristorante, una storica locanda di paese, ristoro per i viandanti del tempo che fu, cresciuta nel corso dei decenni fino a diventare accogliente ritrovo gastronomico, riferimento di una zona dal perimetro sempre maggiore; dall’altro, quasi due ettari di orto con piacevolissimo dehor dove fare aperitivo, degustare un dolce o pranzare nelle giornate che lo permettono.

E proprio l’orto, e in senso lato la terra, sono la linfa vitale dell’ultratrentennale lavoro di Roberto Rossi, chef patron, e di Marinella Seminara, suo braccio destro in cucina, rappresentando la suggestione e il fondamento di una cucina in simbiosi con la feconda natura circostante.

Territorio e materia prima costituiscono l’ossatura di una proposta il cui primo obiettivo è preservare, presentando al meglio possibile, quanto la terra abbia da offrire, senza fronzoli né dispersive elaborazioni. Così, i ricordi di un tempo andato in cui cortili, aie e campagne erano lo sfondo dove venivano eseguite ricette gelosamente e golosamente tramandate, è stata per lo chef la fonte di un’ispirazione in grado di permeare  l’esperienza, mediante un tocco irresistibile di romantica nostalgia.

Una nostalgia impossibile da non evocare quando si assaggia la buonissima scottiglia – la zuppa di carne di origine contadina, vero e proprio distillato della memoria, con gli spaghetti risottati – o il soffice tortello maremmano, farcito di ricotta e spinaci, che nella sua semplice efficacia racchiude un passato quanto mai vivido o, ancora, l’ottimo coniglio accompagnato dal suo delizioso intingolo.

In una sala governata dallo chef che assai piacevolmente saprà descrivere, come un oste d’altri tempi, le pietanze in arrivo, il tempo passa piacevolmente in questo scrigno dell’Italia nascosta, e meno celebre, meritevole di tutta l’attenzione di chiunque si trovi nei paraggi del Monte Amiata, e non solo.

La Galleria Fotografica:

2 Commenti.

  • AvatarNomenomen5 Gennaio 2021

    Se non sbaglio, a pochi metri ci dovrebbe essere il Giardino d’Artista di Daniel Spoerri (padre della Eat-Art)... una camminata per smaltire.

  • Claudio PersichellaClaudio Persichella5 Gennaio 2021

    Confermo Daniel Spoerri Oltre alla camminata, altrettanto istruttiva, nell'orto dello chef.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *