Passione Gourmet L'Argine a Vencò, Chef Antonia Klugmann, Collio - Passione Gourmet

L’Argine a Vencò

Ristorante
località Vencò 15, Dolegna del Collio (GO)
Chef Antonia Klugmann
Recensito da Roberto Bellomo

Valutazione

18/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Una cucina elegante e incisiva nello stesso tempo.
  • Grandissima leggerezza del pur lungo menu.
  • Location sempre più bella.

Difetti

  • Qualche piatto con pochi contrasti gustativi.
Visitato il 08-2020

L’intima natura di una cucina di campagna e di confine

Non è esattamente in una località di passaggio il “posto” di Antonia Klugmann, questo angolo del cuore in cui la chef ha saputo creare un magnifico ristorante e qualche comoda camera dove regalarsi una fuga dal quotidiano.

Un progetto partito da lontano, accelerato dalla notorietà televisiva che non ha tuttavia deviato la natura della sua più intima ragion d’essere: quella di proporre una cucina personale in cui si dia spazio – nel ruolo di protagonisti – a ingredienti spesso dimenticati, curati quasi sempre dalle mani della stessa chef (la quale, se dormite lì, troverete probabilmente già al mattino, nell’orto, di fronte alla vostra stanza).

I due menù a disposizione, più una piccola offerta alla carta, consentono di scegliere a seconda del proprio appetito, fermo restando la soavità complessiva della proposta che suggerisce di lanciarsi sul più ampio “Territorio: vita in movimento”.

I titoli sono molto sintetici e centrati sull’ingrediente principale (Orata, Fregola, Animella ecc.) che è, in effetti, sempre il fulcro di piatti in cui viene valorizzato tramite l’accompagnamento di altre note, solitamente vegetali, che aggiungono sfumature inedite e ne esaltano e prolungano il gusto.

Il cuore dell’esperienza si coglie in una sequenza davvero strabiliante che parte dalla zucchina alla brace con burro alla camomilla e zafferano, tè verde e acetosa, un capolavoro di eleganza che valorizza un ortaggio solitamente negletto per l’alta cucina, e prosegue con le straordinarie consistenze del raviolo di patate e carciofi con salsa di uovo di lompo e timo al limone per chiudersi con l’ardita animella con ciliegia al vermouth, piantaggine, nasturzio e noce moscata.

Qualche episodio convince meno (il cervo marinato alla lavanda, semi di papavero, bruscandoli e farinello, un po’ slegato) ma si eleva nuovamente sui dolci, dove la mano è quella di un’interprete di sensibilità rara, che a un delizioso pre-dessert, il sorbetto di albicocca e coriandolo, fa seguire il melone ed erbe amare, un semifreddo di ispirazione “classica” e meridionale (la chef è una cittadina del mondo che ha qualche radice anche lì oltre che nella Mitteleuropa) reso modernissimo dall’uso sapiente delle erbe, dosate alla perfezione.

In sala regna sornione Romano De Feo, dall’ironia inconfondibile, che con il suo team saprà proporvi un accompagnamento su e giù per le vigne friulane e slovene pensato con grande amore e competenza.

Non fatevi spaventare dalla distanza e fate un salto da queste parti; difficile che non diventi, poi, un appuntamento fisso.

P.S. Se dormite lì, prenotate anche la fantastica colazione, viatico verso una giornata felice.

La galleria fotografica:

1 Commento.

  • AvatarANTONIA KLUGMANN - L'Intervista - Passione-Pasta.it13 Aprile 2021

    […] e proprietaria dal 2014 del ristorante L’Argine a Vencò a Dolegna del Collio, Antonia Klugmann è senza dubbio una delle donne simbolo della ristorazione […]

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *