Passione Gourmet Ristorante Matbaren, Chef Mathias Dahlgren, Stoccolma, di Matteo Valerio

Matbaren

Ristorante
Södra Blasieholmshamnen 6, Stockholm
Chef Mathias Dahlgren
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Locale giovane e dinamico.

Difetti

  • Un pò troppo caro.
Visitato il 08-2013

520

In pieno centro di Stoccolma, nella zona più turistica della città, all’interno di un bel palazzo di fine ‘800, lo chef Mathias Dahlgren ha creato il suo mondo. Varcata la soglia, infatti, si è costretti a scegliere se andare verso destra e cenare nel bistellato Matsalen, aperto solo la sera, o se invece girare a sinistra per fare uno “spuntino” più rapido al Matbaren. Il servizio molto informale, la cucina a vista, la clientela a dir poco eterogenea, predispongono subito l’animo e la mente a lasciarsi coccolare dalle proposte che, su base giornaliera, lo chef propone. Dopo essersi accomodati al bancone, una cameriera o un cuoco, a seconda di chi è meno indaffarato in quel momento, spiega le regole del gioco: il menù è composto da una quindicina di piatti, di dimensione “un po’ più grandi di un antipasto, un po’ più piccoli di un piatto principale”, da ordinare uno alla volta secondo il proprio gusto. Le pietanze, ci assicurano, saranno servite entro 10 minuti dal momento dell’ordine. Una volta sazi semplicemente si dice: “non voglio più niente” e il gioco finisce. Da subito stimolante, la situazione diviene interattiva e di conseguenza, molto divertente. I piatti che vengono proposti si leggono direttamente da quella che sarebbe, e a tutti gli effetti sarà, la propria tovaglietta, disposta su un vassoio.

La mano dello chef spazia con grande disinvoltura da piatti classici della tradizione scandinava a ricette più tecniche ed elaborate. Dagli scampi al vapore in salsa di crostacei alla tartare di merluzzo e gamberetti, ponzu, zenzero e ravanelli, senza colpo ferire insomma.
Il contesto in cui ci si trova è indiscutibilmente piacevole: i cuochi che preparano a pochi metri le pietanze, le cameriere composte e sempre sorridenti, Nick Drake e Simon & Garfunkel a fare da sottofondo musicale, rendono perfino gli sgabelli comodi e confortevoli. In tutto questo però il Matbaren ha un punto debole: effettivamente le regole che in precedenza ci avevano spiegato vengono rigorosamente rispettate, ma mano a mano che il pranzo prosegue ci si accorge che l’ultimo punto elencatoci, (quando siete sazi basta dire di non volere altro), è effettivamente difficile da applicare. Il merluzzo carbonaro, salsa di burro affumicato, cipolle e aneto è allo stesso tempo fresco, appagante e dalle consistenze stuzzicanti, come del resto la renna con asparagi, sardine, limone e capperi accompagnata da un fondo molto tirato, quasi troppo, ma smorzato alla perfezione dalle acidità dei suddetti ingredienti. Un plauso particolare alla pasticceria, finissima, che trova il suo apice nel tortino di mirtilli, gelato al latte e alla menta, erbe e meringhe.
A contornare tutto ciò una lista di birre artigianali e una discreta selezione di vini al calice.
Il conto alla fine del pasto è più caro di quanto si possa credere, o sperare, complice il fatto già accennato della difficoltà di fermarsi una volta sazi. Del resto però Stoccolma è una città cara, si sa…

Mise en place
520
Classico burro servito ad inizio pasto.
520
Tartare di merluzzo e gamberetti, ponzu, zenzero e ravanello.
520
Merluzzo carbonaro, salsa di burro affumicato, cipollina e aneto.
520
Cuore di agnello scottato, crescione, finocchio e segale fritta.
520
Renna, asparagi, sardine, limone e capperi.
520
Tortino di mirtilli, gelato al latte e alla menta, erbe e meringhe.
520
Apple and yuzu.
520
Birra Omnipollo Leon.
520

3 Commenti.

  • PresidentePresidente26 Settembre 2013

    Grazie della segnalazione! ;-)

  • Caporalgourmet26 Settembre 2013

    Scusate solo un chiarimento. I prezzi che avete indicato sono i prezzi del bistellato? Perché i prezzi delle portate da Voi recensite, sul loro sito sono date tra i 16 ed i 33 euro, se no sarebbero un po' esagerati per un locale come questo. Saluti

  • TMC26 Settembre 2013

    Bel posto,a prescindere dal conto salato. Piatti molto belli esteticamente, territoriali, e sembrano a vista anche molto buoni, qui nel NordEuropa dove la ricerca e lo sviluppo del bello e ricercato va di gran moda, ma non sempre mi convince. Bella recensione. TMC

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *