Passione Gourmet Le Comptoir des Tontons - Passione Gourmet

Le Comptoir des Tontons

Trattoria
Rue Faubourg Madeleine 22, Beaune (Francia)
Chef Pepita
Recensito da Roberto Bentivegna

Valutazione

Pregi

  • Il rapporto qualità/prezzo

Difetti

  • Carta dei vini con limitata profondità di annate
Visitato il 05-2013

Uno degli indirizzi più affidabili di Beaune.
Sta diventando una dolce abitudine. Prima, la visita da Pacalet, giusto per scoprire come sarà l’annata del vino che di lì a poco troverà riposo in bottiglia; poi, pranzo in questo piacevole locale nella centrale Rue de Faubourg Madeleine.
La cantina di Philippe Pacalet

E la visita non sarà piacevole solo per la bella carta dei vini, ricca di chicche a buon prezzo, soprattutto tra i bianchi.
Anche la cucina è motivo sufficiente per varcare questa soglia, cosa non sempre scontata tra i bistrot del centro di questa famosa cittadina vinicola.
I piatti dell’esuberante Pepita parlano da soli: preparazioni da bistrot, ma con la finezza e la precisione del ristorante di rango. Piatti legati alla tradizione e freschi, moderni, digeribili. Materia prima bio di ottimo livello e un sorriso mai negato.
Tutto quello che dovrebbe avere un bistrot di successo nel 2013. E infatti la clientela non manca mai.
Se passate da Beaune, tra una cantina e l’altra, buttate il naso qui dentro: una sicurezza.

La lavagna dei vini al calice

Saucisse de Morteau de chez Bouheret, Crèpe Epaisse aux Herbes Fraiches; Emulsion de Lait de Céréales: salsiccia di Morteau, crèpe alle erbe fresche, emulsione di latte di cereali.

Agneau de Lait de la Ferme du Jointout comme un Navarin à la Rose et Menthe Fraiche, Cuisine de Pois Chiches et Epinards Ciselés: agnello da latte alla rosa e menta fresca, ceci e spinaci.

Boeuf de la Ferme de la Seine Braisé, Bouillon d’Oignon au Café d’Ethiopie et Livèche, purée de céleri-rave: manzo cotto in un brodo di cipolla al caffè d’Etiopia e levistico, purè di sedano rapa.

Formaggi

Il fenomenale Montrachet Ramonet 2008: un infanticidio, è vero, ma già adesso un vino splendido.


Ma dove dormire a Beaune?

Le 5 caratteristiche salienti di una buona sistemazione a Beaune per il viaggiatore medio:
1. Deve costare poco: il budget è indiscutibilmente di preferenza destinato al vino.
2. Il centro deve essere raggiungibile a piedi: dopo essersi scolati a cena un paio di litri di ottimo pinot noir, non è il caso di mettersi in auto.
3. Il personale dell’hotel deve essere cortese e sorridente e molto disponibile verso le esigenze del cliente.
4. La stanza deve essere pulita. Non importa se piccola o modesta: la pulizia è imprescindibile.
5. La colazione deve essere almeno di livello sufficiente (ma su questo siamo moderatamente tranquilli: diciamocelo, in Francia un croissant di un qualunque albergo è migliore del 90% di quelli che si trovano in Italia).
Bene, se vi ritrovate in queste caratteristiche, Le Home è la sistemazione che fa per voi.
65 € per una singola standard, 70 € la doppia, qualcosa in più per le camere di livello superiore. Camera standard certamente non lussuosa, ma carina, pulita e sufficientemente spaziosa.
La proprietà si è dimostrata estremamente cortese, non addebitandoci ad esempio la cancellazione di una camera effettuata dopo tempo massimo. Tanti sorrisi e tanta voglia di far stare bene il cliente.
Per noi ce n’è abbastanza per riprenotare ad occhi chiusi qui alla prossima escursione in terra di Borgogna.

Il parco

Il parcheggio

La stanza standard

Hotel Le Home
138 Route de Dijon 21200 Beaune, Francia
+33 3 80 22 16 43

www.lehome.fr

2 Commenti.

  • David Tamburini16 Giugno 2013

    Sponsorizzo anche io la sistemazione , passato qualche hanno fa.

  • Mr. R.15 Giugno 2013

    Sono stato nello stesso albergo e quella era la mia stanza!!! Però la sera siamo andati alla Cave Madeleine....

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *