Passione Gourmet Ristorante Capriccio, Manerba del Garda (BS), di Alberto Cauzzi - Passione Gourmet

Ristorante Capriccio, Manerba del Garda (BS), di Alberto Cauzzi

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

14/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 08-2019

Recensione Ristorante

Immaginate un sabato d’estate in cui la canicola vi divora e decidete di sfuggirle d’impulso. Salite in auto, partite, l’obiettivo è la fresca brezza di un lago. Non scegliete un rifugio qualunque, ma quello che per molti (soprattutto per gli stranieri del nord Europa) è il lago per antonomasia, il Garda. Una meta così amata, un vero e proprio mare d’acqua dolcissima, sulle cui rive, a due passi da Desenzano e Sirmione, alberga un ristorante che ha scritto la storia più lucente e raffinata della cucina locale.

I protagonisti sono Giuliana Germiniasi e il compianto Giancarlo Tassi. Lei, figlia dei fondatori del Capriccio, ai fornelli. Lui indimenticabile anfitrione della sala, strappato alla vita e all’affetto dei suoi clienti e dei suoi amici in un triste autunno di qualche anno fa. Ricordare Giancarlo induce alla commozione, quanti momenti unici ha regalato, con la sua simpatia e la sua professionalità. Era un uomo d’alti tempi, che ha saputo plasmare con la passione e la tenacia di Giuliana sempre al fianco, un locale di fascino e accoglienza, con una carta dei vini importante e personale, un servizio attento e premuroso, una cucina d’alto respiro. Un luogo che ha giustamente meritato l’ambito riconoscimento della stella Michelin, ma che oggi palesa alcuni segnali di debolezza, comprensibili e giustificabili dall’immenso dolore che la mancanza di Giancarlo infonde. Il blasone del locale è rimasto intatto, ma la cucina segnala qualche leggera deviazione dalla qualità assoluta del passato. Partiamo dalla parte più convincente, ovvero il dessert: un dolce d’alta scuola, vecchio stile ma golosamente e persistentemente elegante: una meringa che sovrasta un gelato al latte crudo, polvere di pistacchio e zuppa di frutti rossi. Solo in apparenza semplice. Discrete le Noci di capesante rosolate al burro di cacao, croccante di latte cagliato, indivia belga e pomodorini caramellati al Pedro Ximenez, in cui avremmo preferito maggiore coerenza nell’abbinamento degli ingredienti. Un difetto veniale che abbiamo riscontrato anche nel Risotto al crescione, pomodoro arrostito e mandorle di mare in cui la nota amara è troppo accentuata. I ravioli di barbabietola virano eccessivamente sul sapore dolce e la salsa al gorgonzola non riesce a bilanciare l’equilibrio del piatto. Tutte piccole carenze che si possono eliminare con facilità e maggiore attenzione in futuro, visto che la mano di Giuliana ci ha offerto un’ottima parmigiana di melanzane in stile classico, impreziosita dal formaggio a crudo, e soprattutto un eccellente quanto intrigante Filetto di Coregone al vapore, tapioca al nero, pastinaca, frutto della passione e capperi: piatto veramente d’alto livello, ben pensato e realizzato nelle proporzioni e negli abbinamenti. Il Capriccio ha tutte le carte in regola per tornare alla grandezza di un tempo, rendendo giustizia alla sua fama: un grande ristorante (lo si percepisce dal livello del conto) sa e deve garantirlo.

All’aperitivo : fegatini pralinati, marshmallow di capasanta, sferificazione di vitello tonnato


Le capesante

La parmigiana di Melanzane

Il risotto

i ravioli di barbabietola

Gli ottimi tortelli di crema di mais e formaggio, tartufo nero e uovo in camicia

Il coregone

L’ombrina cotta a bassa temperatura, salsa tonnata, spinacini novelli e caviale di salmone

L’ottimo dessert

Il pregio : una location piacevole, soprattutto d’estate
il difetto : il costo

Ristorante Capriccio
Piazza S. Bernardo, 6 (Loc. Montinelle)
Manerba del Garda (BS)
Tel. +39.0365.551124
Chiuso il martedì
Menù degustazione da 69 e 90 euro, alla carta 100 euro

www.ristorantecapriccio.it

Visitato nel mese di Agosto 2012


Visualizzazione ingrandita della mappa

Alberto Cauzzi

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *