Passione Gourmet Trattoria Toscana, L'andana, tenuta la Badiola, Chef Christophe Martin, Castiglione della Pescaia (GR), Norbert - Passione Gourmet

Trattoria Toscana, L’andana, tenuta la Badiola, Chef Christophe Martin, Castiglione della Pescaia (GR), Norbert

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 09-2019

390

Recensione ristorante.

Il mandato di Ducasse a Cristophe Martin, già allievo di Cerutti al Louis XV, è chiaro e senza ombra di equivoci: rispetto talebano per la tradizione ed il territorio toscano, anzi maremmano, e nessuna concessione alla minima contaminazione francese.
Il tutto in una cadre d’altissimo livello, una piccola villa autonoma e separata dal resort dell’Andana presso la tenuta la Badiola, ed un servizio ad orologeria da alta maison d’oltralpe.
I dettami del maestro sono rispettati finanche nella quantità delle porzioni di una carta che non prevede nemmeno un menù degustazione e che, non fosse per la forma e la notevole qualità delle pietanze, potrebbe tranquillamente essere quella di una qualsiasi trattoria toscana.
390
Dalla lista dei vini quasi tutta impostata sull’Italia e segnatamente sulla Toscana, dove è praticamente presente ogni articolo enoico prodotto nella regione, si è scelto lo splendido Pergole Torte di Montevertine 2006 che ha accompagnato da par suo tutta la cena.
390
Squisiti i pani di sole tre tipologie accompagnati da olio della tenuta ed una variazione interessante della saba, con mandorle, nocciole e rosmarino a rompere gli indugi ed a far capire subito che qui non si gioca di fioretto.
390
390
Ci si adegua scegliendo il tagliere con prosciutto di cinta senese ed il suo lardo ed i fegatini di coniglio con insalata riccia e pancetta e programmatica salsa ghiotta a base di cipolla, vin santo e lardo.
390
390
Ci si addentra sempre più nel territorio maremmano con i ravioli di scottiglia d’agnello, bieta, coste, cipolla, ed olive. Ottimi e filologicamente corretti, forse appena troppo spessa la pasta del raviolo.
390
Buone le bavettine con gallinella, datterini e bottarga, con il pesce non esaltato però dall’eccessivo condimento.
390
Meglio i “calamari” con salvia, zucchine, stinco di bue e sugo d’arrosto dove tutto mi è sembrato nelle proporzioni e nella misura giusta.
390
Ecco ora il Signature dish ducassiano di nome e di fatto e cioè l’esclusivo cookpot, pentola in porcellana dalle molteplici linee curve che, sostituendo l’abituale ghisa cara allo chef, è stata ritenuta più adatta a cucinare per lo più verdure di stagione. Trait d’union tra tutti i ristoranti firmati Ducasse. Ennesima trovata di marketing? Ai posteri l’ardua sentenza. In quella che hanno portato a me c’era un onesto stufato di melanzane, pomodori, yogurth e bufala.
390
Di livello assoluto le carni tra cui l’agnello pilottato al forno con mandorle, pistacchio e rosmarino accompagnato da un tegame in cui le interiora sono accompagnate in modo sublime da cipolle stufate
390
390
e la braciola di vitello con la sua pancetta fondente
390
accompagnati da caviale di melanzane, in cui la polpa delle melanzane è saltata con pepe, olive, pomodorini ed erbette di campo
390
e le golose patate “Boulangère” con cipolla, prezzemolo e sugo di vitello,
390
il tutto in porzioni da camionista.
Porzioni che ritroviamo in modo coerente nei dolci: una spettacolare zuppa inglese
390
390
a mia memoria la più buona mai provata ed il buon tiramisù,
390
390
peccato che nel ristorante non sia contemplata la doggy bag.
A tal proposito mi sento di consigliare caldamente di prendere due portate più un dolce in due, saltando la carne ed i suoi contorni, oppure di prendere quest’ultima ed un dolce e nient’altro.
Questo ristorante è un’ottima risorsa per chi voglia provare una sana cucina ancorata al territorio e, tutto sommato, vale la stella che detiene dal 2007. Mi domando solo quanti altri ristoranti del genere ci siano in Italia, non sponsorizzati, che meritino lo stesso riconoscimento, ma questo è un altro discorso….
390
390

il pregio: ottima cucina territoriale in un posto incantevole.

il difetto: apertura a metà maggio e chiusura il 4 settembre. E solo la sera. Per sei sere. Lunedì chiuso.

Trattoria Toscana- località La Badiola
Castiglione della Pescaia(GR)
Tel. 0564944322
Alla carta 60-90 euro.

www.andana.it

Visitato nel mese di luglio 2011


Visualizzazione ingrandita della mappa

Norbert

2 Commenti.

  • Autunno 2012 dal gioco alla dianoetica - Pagina 928 Novembre 2012

    [...] [...]

  • Filippo20 Settembre 2011

    Finalmente una recensione di questo ristorante maremmano, bravi!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *