Passione Gourmet Chateau du Viguier du Roy, Figeac ( Perigord ) Il Guardiano del Faro - Passione Gourmet

Chateau du Viguier du Roy, Figeac ( Perigord ) Il Guardiano del Faro

Ristorante
Recensito da

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 05-2022

Img_2736

Recensione ristorante.

Una sera d’autunno in Perigord due amici in auto percorrevano strade nebbiose in mezzo ad una fitta pioggerellina. La sera stava calando e la scarsa visibilità aveva fatto perdere loro la giusta direzione. Si trovarono tra boschi e pascoli, attraversando raramente qualche buio villaggio dove ormai anche le vacche avevano fatto rientro nella stalla. Non un anima viva per strada, nessuno che potesse indicar loro la strada da percorrere e non c’erano ancora i navigatori satellitari.
Meglio fermarsi alla prima insegna per chiarirsi le idee davanti ad un piatto caldo e ad un buon vino rosso di Cahors.
L’insegna vecchia e arrugginita apparve dietro una curva, sopra l’ingresso di una abitazione fatta di vecchie pietre e travi di legno.
Restaurant si riusciva ancora a leggere, ma nessun ulteriore dettaglio era visibile. L’usura del tempo aveva nascosto anche il nome del Restaurant.

Toc toc, è aperto? possiamo entrare ?
Si, certo ; rispose la vecchia signora, accomodatevi pure.
E possibile mangiare qualche cosa di caldo?
Naturalmente, sedetevi pure a quel tavolo.
Cosa avete a disposizione questa sera?
In Perigord ? … vediamo: dei funghi, dell’anatra, dei tartufi, del foie gras…
Va bene signora, va benissimo, faccia lei con quello che ha in cucina, grazie mille.

Terminata la cena i due amici chiesero informazioni su come proseguire, e dopo averle ottenute chiesero il conto.

No signori, pas d’addition, voi siete miei ospiti.

Venne loro il sospetto di essere stati riconosciuti.

Grazie signora, ma noi vorremmo pagare il conto. Non è corretto che ce ne andiamo senza pagare , non possiamo mangiare al ristorante senza pagare il conto, e poi, insomma, siamo gli unici due clienti e lei è giusto che abbia il suo compenso per la buona cena che ci ha servito.

Ristorante? No signori, questo non è un ristorante, questa è casa mia e voi siete stati miei ospiti.
Ma come, ma l’insegna!
Ah, si, l’insegna…si, molti anni fa questa casa fu anche un ristorante.

Img_2743

Il centro di Figeac.

E un po’ romanzata e derivata da un racconto altrettanto infiorettato ( ma vero ) di quel signore che fa di nome Christian Millau , che in questo modo intendeva far comprendere quale qualità di ospitalità può offrire il Perigord.

Giugno 2010, tom tom attivo, ma non è detto che basti in Perigord. Basta una deviazione, un ponticello interrotto, una disattenzione et voilà, è un attimo ritrovarsi ad attraversare l’altipiano de Les 1000 Vaches.
Erano anche di più a guardarci e probabilmente a chiedersi : ma dove cz andranno quelli?

Ma la sorte è stata ancora una volta benevola in Perigord .
Non in un isolato villaggio collinare ma nel centro dell’antica cittadina di Figeac .
Cepes, truffes et foie gras… come sempre in Perigord.

L’ingresso esterno all’ hotel del Restaurant la Dinée du Roy.

Img_2736

Il fresco cortile tra le vecchie mura, oppure in brutta stagione all’interno , nella stanze medievali.

Img_2743

Un autoctono degno di nota tratto dalla ricca carta dei vini. Un sollievo questa carta dei vini, ricca di prodotti, di piccole trovate, di grandi griffe, il tutto prezzato a cifre abbordabili.

Img_2743

La gentile offerta rinfrescante ed estiva : insalata di anguria, melone e jambon du pays.

Img_2743

La goduriosa Tourte Quercynoise. Sfoglia al burro farcita di porcini, spugnole, foie gras, tartufo nero Perigord e salsa Periogourdine. Commovente l’inutile accessorio che vedete in mezzo al piatto: la mitica rosa di pomodoro, fatta così bene erano anni che non la vedevo.

Img_2743

Il filetto di manzo dell’Aveyron tartinato con midollo alle erbe, bouquet di verdure al vapore in crema di patate, chanterelles et salsa di foie gras e porcini. Si, qui non si bada alla linea o alla temperatura estiva, qui ” si mangia! “

Img_2743

…però poi ecco il fresco e dietetico mesclun di insalate ed erbe, all’olio di noci e aceto di lamponi..

Img_2743

Qualche assaggio di formaggi della regione.

Img_2743

Ruffiano e buonissimo biscottone morbido al mascarpone con lamponi naturali e tegola di mandorle.

Img_2743

Un caffè “Gourmand” , fossero mancate le calorie…

il pregio : Grande tradizione senza folklore.

il difetto : Bisognerà parcheggiare fuori dal centro storico, ma non è detto sia un difetto.

Chateau du Viguier du Roy.
Restaurant la Dinée du Roy.
52, Rue Emile Zola.
4, Rue Boutaric
Figeac (Perigord)
tel 0033 (0) 565500808
Chiuso :Lunedi e Sabato a pranzo
Prezzi: alla carta 50 – 70 euro
Menù degustazione : 19 – 29 – 73

http://www.ladineeduviguier.fr/

Visitato nel mese di Giugno 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Img_2743

Img_2743

gdf

4 Commenti.

  • AvatarSancio Panza22 Luglio 2010

    A noi ci han fatto pagare però , potevi raccontarlas in loco la storiella !!

  • AvatarIl Guardiano del Faro22 Luglio 2010

    Voi sempre al telefono, e io a pensare, tu a guidare, tanto, ma per tanto, anche se sembrava poco. La storiella finisce qui, il resto è contorno, et la sortie du cul du sac ancora mi ha assistito. Merci et a bientot les amis

  • Avatarfranco francese23 Luglio 2010

    perdersi nel perigord è una delle più belle disgrazie augurabili ad ogni uomo che ama il cibo e il vino. Non le donne, ho detto cibo e vino :D

  • Avatarvelavale26 Luglio 2010

    complimenti come sempre

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *