Passione Gourmet Parizzi, Parma . di Giovanni Gagliardi - Passione Gourmet

Parizzi, Parma . di Giovanni Gagliardi

Ristorante
Recensito da

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 08-2019

Img_2736

Questa valutazione, di archivio, è stata aggiornata da una più recente pubblicazione che trovate qui

Recensione ristorante.

Il nome Parizzi rappresenta un importante pezzo di storia della ristorazione parmigiana; storia che parte nel lontano 1956 quando Pietro Parizzi aprì in Via Repubblica al n. 71 la “Cucina casalinga”, gastronomia con cucina da asporto e pochi tavoli.
Nel 1968 il figlio Ugo con la moglie Lella aprì il ristorante Parizzi (uno dei primi della città) con oltre 100 coperti. Dal 2001, la storia continua con in sella al timone il giovane Marco Parizzi e la moglie Cristina, eccellente sommelier.
Nel 2005, il rinnovamento ha toccato anche la sala che è stata completamente ristrutturata.


Con grande curiosità ed interesse ci siamo, quindi, avvicinati a questo pezzo di storia della cucina emiliana che oggi si presenta rinnovato nella forme e nella sostanza grazie a Marco e Cristina.
Il locale, arredato in stile minimalista, ci è piaciuto molto, lo abbiamo trovato molto elegante ed allo stesso tempo sobrio.
Dalla lettura della carta emerge chiaramente il nuovo corso del Parizzi.
Abbandonata ormai da tempo la rassicurante strada della cucina tradizionale emiliana strettamente collegata al territorio, Marco propone una cucina più moderna e aperta alle novità, anche se – lo sottolineiamo con piacere – non mancano in carta piatti tipici parmigiani quali tortelli di erbetta o anolini. Così come è possibile degustare prosciutto di Parma e parmigiano in diverse stagionature.
Un omaggio alle radici che, secondo un grande scrittore, se “profonde, non gelano”
Caloroso il servizio e carta dei vini notevole per assortimento internazionale e profondità di annate.

L’inizio è promettente: insalata di filetto di maiale affumicato su misticanza e asparagi. Notevole la carica aromatica delle erbe, vere protagoniste del piatto. Grande freschezza e piacevolezza dell’insieme.

Img_2743

Fiori di zucca cotti a vapore ripieni di zucchine e tartufo nero. Piatto semplice, materico, assai gustoso, esaltato da uno scorzone di ottima qualità e notevole persistenza aromatica.

Img_2743

Lombo di coniglio arrostito nella pancetta con funghi di stagione. Qui, l’unica sbavatura del pranzo: la cottura del coniglio, rosa un po’ troppo….

Img_2743

Ma ci si riprende subito con degli straordinari Cappellacci ripieni di anitra e borraggine con salsa al vino rosso e tartufo nero. La mano in cucina è buona e si sente: piatto golosissimo, ripieno di grande equilibrio e succulenza. Davvero ottimi.

Img_2743

L’eccellenza del cuoco anche nella ottima Faraona in crosta di frutta secca con patate, cipollotti e champignon; eleganza e golosità, piatto perfettamente eseguito.

Img_2743

La mano di Marco Parizzi si dimostra felice anche sui dolci. Deliziosamente estivo il Sandwich di albicocche caldo con gelato al latte di mandorle e salsa al cacao.

Img_2743

In conclusione, possiamo dire di aver trovato una bella realtà, un cuoco che padroneggia le tecniche e che a nostro giudizio ha ulteriori margini di miglioramento.
Da tenere d’occhio.
Noi ci torneremo.

Ad Majora

Img_2743

il pregio : La piacevolezza complessiva.

il difetto : La cottura del coniglio.

Parizzi – Parma
Strada Repubblica, 71
Tel. 0521.285952
Chiuso il lunedì
Prezzi: 65/80 euro v.e.

http://www.ristoranteparizzi.it/

Visitato nel Giugno 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Giovanni Gagliardi

8 Commenti.

  • andrea13 Luglio 2010

    @ farnco francese è da molto che non frequenti la città vero? :-)

  • breg12 Luglio 2010

    che deg professionista...ALMA con Rossella Romani?

  • breg12 Luglio 2010

    mi sa che sono io che devo arrivare al tuo di livello....deg professionista?

  • Uva e Un Quarto12 Luglio 2010

    Studio caro Breg per arrivare al tuo livello!

  • franco francese12 Luglio 2010

    ma il ristorante classico dei parmigiani rimane la Greppia...

  • breg12 Luglio 2010

    Sei a Colorno per lavoro Uva?

  • Uva e Un Quarto12 Luglio 2010

    Hai ragione Breg, ci sono stato di recente vista la mia costante presenza in quel di Colorno, e sono stato molto bene! Un saluto

  • breg12 Luglio 2010

    Gnam e slurp cioè cucina di "panza" e poche pippe mentali....

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *