Passione Gourmet Osteria della Brughiera – Chef Paolo Benigni , Villa d’Almè (BG) di Monica Nobili - Passione Gourmet

Osteria della Brughiera – Chef Paolo Benigni , Villa d’Almè (BG) di Monica Nobili

Ristorante
Recensito da

Valutazione

14/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 09-2020

Img_2736

Recensione ristorante.

Un minuscolo borgo nel verde fondovalle, una casa rurale magnificamente ristrutturata: l’aia trasformata in curatissimo giardino con tanto di romantica pergola, scalini in pietra, pavimenti in cotto e dentro una sinfonia di cromastismi caldi e terrosi, il tutto impreziosito da una notevole raccolta di opera d’arte contemporanea, fanno di questo ristorante certo una delle location più suggestive dell’intera bergamasca. L’accoglienza è curata dal patron Stefano Arrigoni e dal maitre dall’attenzione e professionalità d’alta scuola.

Img_2736

Già dalla lettura del menù si evince che l’intento dello chef Paolo Benigni è quello di offrire alla propria clientela una cucina “rassicurante” sia per le preparazioni che gli abbinamenti degli ingredienti, con una certa propensione verso piatti sufficientemente ricchi da soddisfare anche i più consistenti appetiti.
La carta dei vini è sinceramente impressionante per il numero e la scelta di alto livello sia di italiani che di francesi nonché per la profondità di annate. Ci orientiamo su di un Meursault 2006 Domaine Coche-Dury, al naso elegante di pietra focaia e delicata cera d’api, che si esprime in bocca con aromi di sambuco, menta dolce e linfa e, malgrado una certa linearità, intriga per la buona persistenza in particolare della nota mentolata.

Img_2736

Dopo un delicato amuse-bouche costituito da mousse di mandorle con calamaro cotto fuori e crudo dentro, convincono gli involtini di tonno rosso, stracciatella di burrata e capperi, grazie ad una buona materia prima e ad un equilibrio nella gestione anche degli elementi secondari quali l’aceto balsamico ed il pepe rosa.

Img_2736

La zuppetta di pomodori fiorentini con fave e piselli freschi, seppioline grigliate e cime di rape, si fa ricordare per la sapidità e qualità dei legumi, ma potrebbe essere ampiamente migliorata da una più spiccata esaltazione dell’acidità del pomodoro che avrebbe permesso di svecchiare il piatto.

Img_2736

Divertente la proposta della mozzarella in carrozza, ottima nella sua esecuzione in stretta osservanza della tradizione, ma assolutamente ingiustificata nel suo rapporto/qualità prezzo.

Img_2736

Una costante proposta fra i secondi sono gli scamponi dell’Adriatico al succo di agrumi, dal convinto aroma ittico, forse dovuto alla presenza di ceviche nella specchiatura.

Img_2736

Img_2736

Altra preparazione spesso presente nella carta è la cervella di vitella dorata al burro, faglioli e vinagrette alla senape, decisamente troppo cotta ed un po’ sbilanciata sull’acidità dalla vinagrette.

Img_2736

Anche i dolci rispecchiano l’approccio tradizionale e significativamente calorico, ma come sottrarsi a tutto ciò?
La meringata ai marroni soddisfa appieno le aspettative con una panna dalla consistenza contadina e da castagne abbondantemente glassate, così come lo zuccotto con chantilly all’arancia rispetta la consegna di un pan di Spagna perfettamente compatto ed asciutto e di un ripieno voluttuoso.

Img_2736

Img_2736

Img_2736

il pregio : La cantina.

il difetto : I tempi di servizio troppo lunghi.

Osteria della Brughiera.
Stefano Arrigoni
Chef Paolo Benigni
Via Brughiera, 49
Villa d’almè – BG
tel. ( +39 ) 035 638008
chiuso lunedì e martedì a pranzo
menù degustazione 85 alla carta 80/95

http://www.osteriadellabrughiera.it

Visitato nel mese di Maggio 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Monica Nobili

4 Commenti.

  • Avatargiancarlo maffi25 Giugno 2010

    perfino troppo generosa la valutazione. conosco bene questo luogo e la " cricca " toscana semiparentale che sta dietro a questo e altri ristoranti di bergamo. se la tirano da morire e i miei ormai ex concittadini si sono sempre fatti abbindolare da piccoli ed inutili preziosismi qui presenti . luogo piu' da cine che altro, solitamente abbastanza pieno di gnocchette decorose ma incavallate da tacchi 20 importabili . insomma un ristorante a la page ,si diceva una volta, per chi vuole farsi vedere e desidera almeno risparmiare gli euro per andare a milano, in altri posti piuttosto finti come questo.

  • Avatarazazel25 Giugno 2010

    e lo dica pure Maffi..."la vita è bella" è una cagata pazzesca!! ah no non è pure lui parente??? ;-)

  • Avatarvincenzo20 Giugno 2011

    ATTENZIONE, io moglie e bambina, antipasti smilzi, tre fritti misti, caffè, ATTENZIONE non beviamo vino! € 183,00. ingiustificati!!!! pazzesco

  • AvatarStefano Agazzi28 Settembre 2013

    Ho sempre mangiato molto bene in questo ristorante, l'atmosfera è molto calda accogliente a differenza di molti ristoranti di alto livello. I prezzi sono alti ma adeguati alla qualità del cibo e allo standard di ristoranti con stella Michelin. Commenti precedenti mi sembrano un po' provinciali.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *