Passione Gourmet Baby, Aldrovandi Palace - Roma - By Alberto Cauzzi - Passione Gourmet

Baby, Aldrovandi Palace – Roma – By Alberto Cauzzi

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

14/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 07-2022

Img_2736

Recensione ristorante.

Come tanti illustri suoi colleghi anche il grande Don Alfonso non ha resistito alle sirene delle grandi catene d’Albergo accettando di dirigere, senza compromessi, le cucine dell’Aldovrandi Palace.

Certo il nome, quel prefisso Baby, dovrebbe far intendere una miniatura della reggia di Sant’Agata. Purtroppo così non è se non per un piccolo particolare, il conto. Quello si è abbastanza vicino a quello della casa madre.

Peccato, davvero. Non è un mistero che siamo fan del buon Alfonso e dei suoi rampolli, ormai proiettati a prenderne in autonomia le redini dell’impero di famiglia. L’impronta di Ernesto, che abbiamo avuto modo di apprezzare al ristorante di Sant’Agata, qui non si è proprio vista.

Una cucina di palazzo, che scimmiotta l’autentica e verace cucina del Don Alfonso, con qualche tocco intrigante ma mal eseguita e poco curata. Qualche piatto, si, degli storici cavalli di battaglia di Sant’Agata penalizzato però da una esecuzione pessima ed incolore. Imbarazzante il calamaro ripieno di provola e ricotta con fagioli spolichini, ( in apertura ) pinoli uvetta e nero di seppia. Imbarazzante la pesantezza della salsa al nero, imbarazzante la consistenza e la cottura dei fagioli, imbarazzante la gommosità del calamaro.

Tutto s-centrato.

Dal contenuto anonimo il sartù di riso in sfoglia di melanzane, buoni e ben in evidenza gli intriganti gnocchetti di segale con astice, capperi, olive ed infusione ai 5 pepi e per niente convincente il dentice in sfoglia di zucchine, schiuma di curcuma e limone confit, anonimo e decisamente poco appagante nei contrasti.

Buona anche se non esaltante la variazione di limone. Buoni i pani in accompagnamento, discreto e ben presente il servizio, carta dei vini dai ricarichi stellari, adatti forse alla facoltosa clientela dell’albergo ma tutt’altro che invitanti per gli appassionati e i clienti che giungono da fuori. Questo è il punto : forse il Baby soddisferà la facoltosa clientela americana ma non può soddisfare chi si reca in questo ristorante sperando di trovare una copia felice del Don Alfonso.

Chi parte con queste aspettative rimarrà certamente deluso, suo malgrado. In ultimo una riflessione : ci tocca confermare che a Roma, nei ristoranti più blasonati della capitale, la qualità espressa della cucina è bassa, troppo bassa rispetto ai conti ed alle aspettative. Peccato davvero.

Altri piatti in immagini:

Gnocchetti di segale con astice.

img_2739

Sartù di riso in sfoglia di melanzane.

Img_2736

Dentice in sfoglia di zucchine.

Img_2743

Variazione di limone.

Img_2743

il pregio : Pranzare in un bellissimo palazzo Umbertino di fine Ottocento.

il difetto : Il rapporto tra la qualità della cucina ed il prezzo.

Baby dell’Hotel Aldrovandi Palace
Via Aldrovrandi, 15
Tel. ( + 39 ) 06 3216126,
dining@aldrovandi.com
Sempre aperto, chiuso lunedì
Coperti 40

Prezzi: alla carta 90 – 140 euro
Menù degustazione : 115 euro

http://www.aldrovandi.com/

Visitato nell’ Agosto 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

Alberto Cauzzi

22 Commenti.

  • AvatarBaby, Aldrovandi Palace – Roma – By Alberto Cauzzi « Passione Gourmet | Ristoranti Roma28 Agosto 2009

    [...] See the rest here: Baby, Aldrovandi Palace – Roma – By Alberto Cauzzi « Passione Gourmet [...]

  • Avatargiancarlo maffi db928 Agosto 2009

    avevo deciso di intervenire solo quando le mie valutazioni fossero in contrasto netto con l'autore( è la mia natura di dolce provocatore). qui mi trovo talmente in linea con tutto che non posso fare a meno di applaudire. 4 volte quest' anno. l' ho eletto come mio albergo romano, grazie agli ottimi uffici di don alfonso in persona. una sola volta non ci ho mangiato, per via della festa di marchesi da colonna . non c'è nulla da fare nonostante gli sforzi della famiglia. una volta la settimana don alfonso od ernesto in persona ci vanno. ma niente a che vedere con le magnificenze di sant'agata. a me con la variazione di limone è sempre andata meglio e quindi gli avrei dato 14,5/20. i mezzi punti non li avete. ma non cambia nulla, purtroppo.

  • Avataralberto cauzzi28 Agosto 2009

    Grazie Giancarlo, anche se mi sarebbe piaciuto riceve applausi per un 16 :-) Mi spiace per il Baby ma questo è ... P.S. Intervieni, a discapito della tua natura, anche per arricchire di opinioni e commenti positivi, ti aspettiamo :wink:

  • Avatarorson28 Agosto 2009

    Il rammarico maggiore è che c'è stato un progressivo decadimento. da 16 forse non ci ho mangiato mai, ma agli inizi da 15 ci si mangiava tranquillamente. Mi sa che ci toccherà andare a S.Agata...;)

  • Avataralberto cauzzi28 Agosto 2009

    Sperando che anche lì non sia successo qualcosa ...

  • Avatarorson28 Agosto 2009

    Speriamo proprio di no. L'ultima volta che ci sono stato (2 anni fa) si percepiva chiaramente l'ottima riuscita del passaggio di testimone, nonchè la difficile sostenibilità dell'assenza della terza stella (se c'è un ristorante rappresentativo dell'eccellenza di materie prime, cucina e, più in generale, ristorazione italiana credo sia proprio il Don Alfonso)

  • Avatargiancarlomaffi db930 Agosto 2009

    no, a sant'agata nessun problema. oddio speriamo l'abbiano finita con tutte le menate contro vizzari, assolutamente controproducenti. ci ho fatto il pranzo d'apertura della stagione ed un altro ,con l'amico pagano con il quale abbiamo fatto una recensionona( nel senso di quantità) su dissapore( oddio si puo' dire? speriamo di si). poi anche cortese( sempre li' ) ne ha fatta un'altra con altri nuovi piatti a metà stagione. insomma è stato ben coperto, dai gourmet non professionisti. andateci anche voi, a fine stagione cosi' abbiamo il quadro completo. se mi fate sapere ci torno anch'io. vengo anch'io?: no tu no........ mi risponderete. pazienza. per me laggiu' voto 17/20, ma NON il miglior ristorante della campania...... buona domenica

  • Avataralberto cauzzi30 Agosto 2009

    Concordo sul fatto che Don Alfonso non sia un 18 pieno. Il fatto è che il 17, numero dispari, stona con lo stile di cucina degli Iaccarino. Il dispari è sgregolatezza, estro un pochino pazzo, non certo la tranquillità e la serenità di una cucina posata su basi molto solide. Per la spiegazione completa di questa teoria rivolgersi al GDF :-) Per ciò che concerne il ripasso assieme molto volentieri, davvero ...

  • Avataralberto cauzzi30 Agosto 2009

    Ah, dimenticavo, qual'è il miglior ristorante della Campania ?

  • Avatargiancarlomaffi db930 Agosto 2009

    infatti per me è 17,5/20. una guida potrebbe, a sensazione- nulla so, mettere il relais blu davanti a tutti meno che ad uno, per il 2010. per me il relais è abbacinante come luogo ma non il n. 2 per la cucina. non ne restano molti altri, mi pare. ma di quel tale, non proprio magrissimo, mi pare che quest'anno sia diventato abbastanza di moda parlarne non benissimo. ma io non sono d'accordo. propongo un lungo fine settimana in campania. sono proprio tanti. ci vorranno almeno 5 pasti!!!!! se vi va fatemelo sapere, a settembre , ovviamente. poi molti chiudono.

  • Avatarorson30 Agosto 2009

    Sul Relais Blu: spero si tratti di una sensazione priva di fondamento. Confermo la bellezza della terrazza, ma sulla cucina e il confronto con gli Iaccarino credo sia davvero improponibile. Da quel signore non magrissimo dal nome non proprio nordico mi sa che dovrei tornare per rafforzarmi nelle convinzioni o cambiare idea, è passato troppo tempo

  • Avatargiancarlo maffi db930 Agosto 2009

    si, ma quali sono le tue convinzioni? 18 o 15- 16 ,per intenderci?

  • Avatarorson30 Agosto 2009

    Per me è stato sempre 15,5-16. Manco da quasi 3 anni, però.

  • Avataralberto cauzzi30 Agosto 2009

    Tutto il team di Passionegourmet che è passato da Gennaro Esposito lo giudica un buon cuoco, tra il 15 e 16, con una espressione di cucina interessante ma a cui manca finezza e sopratutto costanza. Questo per Cauzzi, Fiorillo, Orson, Norbert ... credo che questa estate ci sia passato il buon Gagliardi, sentiremo il suo parere. Opinione direi quasi unanime ... può per carità essere sbagliata. Vediamo se Gagliardi sarà fuori dal coro. Una precisazione : non seguiamo mode o influenze di alcun tipo, il nostro giudizio può essere leggitimamente contestato ma è il nostro, non abbiamo bisogno di fare scoop per far parlare di noi :wink: Aggiungo che quando la nostra opinione viene smentita da una o più prove positive successive ne siamo felici e non abbiamo alcun problema a rivedere il nostro giudizio. Di questo andiamo molto fieri.

  • Avatargiancarlo maffi db931 Agosto 2009

    va bene, ognuno ha le proprie opinioni. le vostre sono molteplici e con esperienze consistenti. ma non c'è mica bisogno di risentirsi:-)) da 3 anni a questa parte le cose mi sembrano un tantino cambiate, da gennaro. e poi oggi fare scoop su di lui vuol dire parlarne male ,non certo il contrario.

  • AvatarAlberto Cauzzi31 Agosto 2009

    Anche tu sei bello permalosino però ! Il fare scoop non era ovviamente riferito a te, le prove da Gennaro si riferiscono all'ultimo anno. Un Saluto

  • Avatargiancarlo maffi db931 Agosto 2009

    purtroppo scrivere sui blog genera sempre incomprensioni. mai pensato che ti riferissi a me. ed io mi riferivo ad orson che dice di non andarci da 3 anni. comunque è vero che sono permaloso . sembra tipico dei gourmet. malattia semi- professionale? :-)) e, comunque, qual'è il miglior ristorante della campania, per voi?

  • AvatarAlberto Cauzzi31 Agosto 2009

    Vero, il web non aiuta e siam tutti permalosi :-) Vabbè, quando ci si vede da Gennarino per un pranzo riparatore ? :-) A presto db9 ... a proposito, di rientro da Ferrara sabato sono stato affiancato da una Rapide targata GB in test di durata, bella :wink:

  • Avatarorson31 Agosto 2009

    Per me, miglior ristorante della Campania Don Alfonso a mani basse. E' vero, però, Giancarlo, 3 anni sono tanti, tocca riparare, come dice Alberto. Fate voi la data, io non sono lontanissimo;)

  • Claudio Persichellanorbert31 Agosto 2009

    Anch'io sono assente da un po'e mi farebbe piacere unirmi. Manca però in tutte queste discussioni sui due litiganti il terzo che "gode" che e' la Caravella di Amalfi,un ristorante che,a parte don Alfonso,non ha nulla da invidiare a nessuno e di cui non si parla quasi mai.

  • Avatargiancarlo maffi db931 Agosto 2009

    la RAPIDE resta sempre una A.M., ma non mi piace l'idea delle 4 porte. resto affezionato alla mia db9, solo ufficialmente una 2+2. in realtà una 2+1( un gatto pero' ed anche magro). sto organizzando una puntata nel salernitano con il mio compagno di merende vincenzo pagano. stasera ne parlo con lui che è qui in versilia. stasera siamo al "trillo", sopra massa, pergolato carinissimo e buon cibo con vini prodotti dalla famiglia bertazzoli. pr per londra il grande conte federico galimberti di san giorgio( loro cliente addirittura il sempre principe carlo) altra bella persona conosciuta sul blog. faremo sapere.

  • Avatargiancarlo maffi db931 Agosto 2009

    io vorrei andare anche a vallesaccarda, pero'.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *