Passione Gourmet L'Eremo San Michele, Luca Giacomo Meccheri. Galbiate (LC) By Monica e Fabrizio Nobili - Passione Gourmet

L’Eremo San Michele, Luca Giacomo Meccheri. Galbiate (LC) By Monica e Fabrizio Nobili

Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 06-2022

Senza valutazione

Img_2736

Recensione ristorante.

Vi era molta curiosità verso questa novità, rappresentata da un giovane chef che può vantare esperienze presso mostri sacri della cucina d’avanguardia e non quali Adrià, Blumenthal, Ducasse e Pinchiorri, in qualità di executive chef a Tokyo.

Il luogo scelto da Luca Giacomo Meccheri per l’avvio di questa sua nuova avventura è dei più ameni. Si tratta infatti di una dimora rustica, ben ristrutturata, sulle pendici del Monte Barro, dove la vista spazia tra il Resegone ed il Lago di Lecco che via via stringendosi ritorna ad essere il fiume Adda.
Una località tanto affascinante quanto poco individuabile anche dal navigatore satellitare, alla fine della stretta stradina persa fra il bosco e gli accessi a poche altre villette.

L’apparecchiatura dei tavoli è estremamente semplice, in stile bistrot, con le tovagliette in lino ed i sottopiatti di rada corda intrecciata. Una buona scelta dei bicchieri e delle bottiglie sparse per il locale non possono che invogliare al buon bere.

Il menù ferragostano è imprevedibilmente composto da una serie di piatti di impronta marinara, a cominciare da un amouse-bouche di calamaretti fritti ben eseguito.
Si prosegue con dei gamberoni al vapore, vinagrette di susine e misticanza; sfortunatamente i crostacei sono un po’ gommosi e denunciano chiaramente una provenienza molto lontana, mentre la vinaigrette avrebbe dovuto essere meno invadente.

Quale primo vengono proposti dei tagliolini fatti in casa con astice, in cui è facile individuare l’uso del burro ed ancor più dell’aglio, la cui presenza è stata molto evidente, soprattutto al naso.

Proseguiamo con un branzino, pesto e zucchine. Il filetto del pesce è piacevole grazie alla scelta intelligente di una marinatura nell’olio e di una cottura a bassa temperatura, il pesto leggero carica simpaticamente di sapore e sposta l’olfatto sul profumo vegetale.

Per finire, dopo un pre-dessert costituito da un semplice shot di panna e fragole fresche frullate, ecco il brownies con salsa al cioccolato bianco e composta di arance, che gradevolmente riesce a rinfrescare un piatto, altrimenti tutt’altro che estivo.
Dalla carta dei vini , Champagne Bouzy Grand Cru George Vesselle 2003 equilibrato e fresco malgrado la prevalenza di questo potente Pinot Noir..

La scelta di pranzare “à la terrasse” è stata premiate per la vista e la leggera brezza di cui si è potuto beneficiare, un po’ meno per le numerose mosche.

Fra i piatti scelti alla carta da altri tavoli, ve ne sono alcuni di un certo interesse, che ci proponiamo di valutare con un’ulteriore visita, sia per poter meglio spiegare la presenza di ingredienti “apparentemente nobili” come certe varietà di pesce e crostacei a prezzi abbordabili e, più in generale, per comprendere appieno la filosofia di cucina che si vorrà esprimere in questo Eremo.

Altri piatti dall’Eremo :

Calamari fritti.

img_2739

Tagliolini all’astice…

Img_2736

Branzino al pesto con zucchine.

Img_2743

Brownies con salsa al cioccolato bianco e composta di arance.

Img_2743

il pregio : Il coraggio di collocarsi in un contesto così decentrato.

il difetto : Segnaletica stradale da incrementare urgentemente.

L’Eremo di San Michele
Località Alpe
Galbiate (Lc)
tel. 0341 353869
Numero di coperti: 40
Giorno di chiusura: Martedì
Prezzi: alla carta 40 / 50 euro
Menù degustazione : 40 euro

Visitato nell’ Agosto 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

Monica e Fabrizio Nobili

3 Commenti.

  • Avatarfilippo31 Agosto 2009

    ciao, forse e' una domanda stupida , ho deciso di farla lo stesso. Come e' valutata la cucina ?? non vedo punteggi . Grazie

  • Alberto CauzziPresidente31 Agosto 2009

    Come evidenziato nella recensione, Monica e Fabrizio si sono riservati di tornare per dare una valutazione più coscienziosa rispetto a quella che hanno potuto esprimere nei confronti di un menù degustazione di Ferragosto. Anche se tra le righe par di capire che l'attesa non sia stata all'altezza del risultato , così come del curriculum dello chef.

  • Avatarfabrizio31 Agosto 2009

    Confermo quello scritto dal Presidente. Lo ritengo un posto valido e consigliabile a chi non ha grosse pretese. il panorama è bello, il servizio cordiale ed i prezzi corretti. Faremo un aggiornamento magari quando farà freddo.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *