Passione Gourmet Benvenuta a Terre Alfieri DOCG - Passione Gourmet

Benvenuta a Terre Alfieri DOCG

30-03-2021
di Erika Mantovan

Il Monferrato ha una nuova Docg

Filippo Mobrici, Presidente del Consorzio della Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, presenta una nuova denominazione che arricchisce così il panorama monferrino proponendo, sotto un unico cappello, Terre Alfieri DOCG, versioni inedite di Nebbiolo e Arneis.

Una scommessa che, ad oggi, vede coinvolte una decina di cantine, i 62 ettari vitati e produttivi (36 ad Arneis e 25 Nebbiolo) portano a una produzione di 311mila bottiglie di cui 89mila a base Nebbiolo.

Una piccola chicca insomma che tra sabbie e arenarie si inserisce nell’offerta Piemontese sia per i rossi che per i bianchi. Numeri che non spaventano le altre produzioni trainanti dell’uva nebbiolo ma che certamente stimolano e continuano a far parlare della regione viticola.

Una sfida che si sviluppa in 11 comuni fra i quali sette in provincia di Asti (Antignano, Celle Enomondo, Cisterna, Revigliasco, San Damiano, San Martino Alfieri e Tigliole) e quattro in quella cuneese (Castellinaldo, Govone, Magliano Alfieri e Priocca) in cui sono le sabbie e residui fossili a caratterizzare le produzioni enoiche. Entrambe le denominazioni possono fregiarsi della versione Superiore, sono sei i mesi di affinamento per il Terre Alfieri Arneis mentre 12 i mesi di invecchiamento, dei quali almeno 6 in botte di legno; o Riserva (con 24 mesi di invecchiamento, dei quali almeno 12 in botte di legno), la versione che punta all’apice qualitativo.

Per analisi e confronti con gli altri Nebbioli del Piemonte e scenari futuri, Kerin O’Keefe (Wine Enthusiast), chiamata a racontare queste denominazioni, è ancora presto ma sicuramente sono il frutto e la piacevolezza al palato a contraddistinguere il gusto della Terre Alfieri DOCG.

La promozione del Terre Alfieri, una Docg fortemente voluta dai produttori, si affianca a quella della Barbera d’Asti che nell’ultimo anno a causa della pandemia ha visto un milione in meno di bottiglie in meno. Nel mercato le denominazioni hanno comunque tenuto premiando i canali online.