Passione Gourmet Moma un indirizzo affidabile nel cuore della Dolce Vita - Passione Gourmet

Moma

Ristorante
via di S. Basilio 42/43, Roma
Chef Andrea Pasqualucci, Federico Cucchiarelli
Recensito da Claudio Persichella

Valutazione

13/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

  • Nel cuore di Roma un indirizzo affidabile.

Difetti

  • La distanza tra i tavoli un po’ troppo ravvicinata.
Visitato il 12-2018

Una combinazione ben congegnata nel cuore della Capitale

Spesso accade siano proprio le variabili più imponderabili, o le più casuali, a consegnare un progetto a un’imperitura popolarità. Nel caso del Moma, nato nel 2002 dall’estro di Gastone e Franco Pierini, nomi noti nel mondo della ristorazione romana, la combinazione vincente scaturisce dai prezzi, più che ragionevoli nel cuore turistico della capitale, da una cucina d’impronta felicemente generalista e dal nome che, richiamandosi al celebre museo newyorchese, attrae buona parte di coloro che si avvicendano verso via Vittorio Veneto dove si trova, non a caso, anche l’ambasciata americana.

Impronta generalista, si diceva, perché quella di Andrea Pasqualucci affiancato da un paio di mesi da Federico Cucchiarelli, ex patron di Cambiamenti, piccolo bistrot all’Appio Latino che s’era costruito una buona reputazione, vuole soddisfare una vasta fascia di clientela con piatti che assecondano le tendenze culinarie contemporanee con rivisitazioni rispettose e ben congegnate e, comunque, nel segno della continuità coi due predecessori, artefici anche della stella Michelin, Alessandro Cannata e Francesca Fucci.

Cucina che punta sulla solidità, anche in termini di impianto calorico

Oggi è comunque la solidità la caratteristica saliente di un menu che, comunque, lascia intravedere, e auspicare, la possibilità di una maggiore definizione e nitidezza del gusto: difficile, del resto, ignorare la deriva verso il dolce che investe soprattutto la parte degli antipasti, come avviene con le rape che ammantano la Tartare di manzo, lardo nero dei Nebrodi e liquirizia e nei Cachi, muffato, rucola e noci. Allo stesso modo, l’impianto calorico generale non è affatto contenuto se pensiamo alla combinazione del Risotto coi funghi, nocciole e prezzemolo coi Tortelli, stracchino stagionato, zucca e tartufo nero e che si conclude con la Guancia di manzo con fondo alle visciole, cipolla rossa e topinambur e con la Pancia di vitello e carciofi saltati con crema di patate. Più ispirato il capitolo dei dolci, di cui abbiamo apprezzato il Sorbetto di frutti di bosco allo zenzero e crumble di mandorle e Tuberi e radici, con fava di cacao, salsa di topinambour, chips di scorzonera, sorbetto di mela verde e rafano, cavolo viola e limone.

La Galleria Fotografica:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *