Passione Gourmet Dal Corsaro Cagliari Sardegna - Passione Gourmet

Dal Corsaro

Ristorante
Viale Regina Margherita, 28, 09124 Cagliari
Chef Stefano Deidda
Recensito da Claudio Persichella (Norbert)

Valutazione

14/20

Pregi

  • Cucina moderna ed elegante, dai sentiti legami territoriali.

Difetti

  • In qualche passaggio, rimane la sensazione che il cuoco potrebbe osare maggiormente.
Visitato il 09-2017

Un ristorante storico cittadino sviluppa un nuovo appeal, più moderno ed elegante

Nel corso principale di Cagliari una famiglia per circa cinquant’anni, senza soluzione di continuità, ha rappresentato uno dei principali punti di riferimento gastronomici cittadini con una degna riproposizione di cucina del territorio.
Da qualche anno la terza generazione, rappresentata da Stefano Deidda, partendo dal consolidato ruolo acquisito nel tempo dal ristorante, ha praticato una significativa innovazione stilistica il cui perno essenziale ruota intorno all’utilizzo del tutto moderno di materie prime non più puramente destinate ad assecondare ricette sicure e affidabili ma ad assurgere al ruolo di protagoniste.
Lo chef ha perseguito questo processo di affinamento attraverso tecniche apprese in molti insigni indirizzi, italiani e non, e al salutare e formativo apprendistato effettuato all’ALMA di Colorno.
Il ristorante, piuttosto lineare e assai classico, è stato diviso in due parti, quasi di pari dimensioni, grazie alla presenza, pressoché d’ordinanza per qualsiasi impresa gastronomica che si rispetti, del bistrot “The Fork” titolare di piatti più semplici e veloci.

Nella sala ammiraglia Stefano Deidda è autore di una cucina pulita, franca, efficace che ha intercettato molto bene i codici gastronomici conosciuti, facendoli suoi, presentando gli ingredienti interpretandone le caratteristiche, senza artifici di sorta, con il risultato di preservare le loro peculiarità.
La sensazione finale è quella di trovarsi davanti a piatti molto validi pur se talvolta eccessivamente semplificati, privi di quelle complessità che avrebbero sviluppato maggiormente le potenzialità che le premesse permettevano di intravedere.

Ecco allora un polpo con crema all’aglio inappuntabile ma che lascia una netta sensazione di scolasticità come l’interlocutoria misticanza con malto e lievito che risente anche di un coté eccessivamente dolce rappresentato dalla rapa.
Ottimi il maialino affumicato alla betulla e lo sgombro croccante a dimostrazione di trovarci in una tavola dove i fondamentali sono molto ben conosciuti e che non dubitiamo saprà portare avanti il percorso evolutivo intrapreso dallo chef.

La galleria fotografica:

2 Commenti.

  • Claudio Persichella (Norbert)Claudio Persichella (Norbert)2 marzo 2018

    Pier, tenendo conto che non assegniamo i mezzi punti, direi di si. Anche se sono due cucine di impianto completamente differente. Fradis Minoris , che è in un luogo meraviglioso e ha recentemente cambiato chef, propone una cucina più genuina e schietta, che si risolve nella riproposizione della materia prima, una vera e propria trattoria di mare. Lo chef Deidda a Cagliari è autore di un lavoro più sofisticato, senz'altro più complesso in cui la materia prima è il punto di partenza per elaborazioni che ancora non hanno espresso le potenzialità di cui è dotata la cucina. Un saluto

  • Pier2 marzo 2018

    Ma restando in Sardegna, c'e' solo un punto di differenza fra questa cucina e quella del pur bellissimo Fradis Minoris?

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *