Passione Gourmet Ristorante Kuppelrain, Chef Jörg Trafoier - località Maragno, Castelbello Ciardes di Norbert - Passione Gourmet

Ristorante Kuppelrain, Chef Jörg Trafoier – località Maragno, Castelbello Ciardes di Norbert

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente di avanguardia

Pregi

Difetti

Visitato il 01-2022

390

Recensione Ristorante

Alto Adige.
Anzi sudtirol.

Il senso di appartenenza all’Italia, paese anarchico per eccellenza, è infatti qui ancora più labile che altrove e,non fosse per qualche cartello bilingue e qualche sonnacchiosa vettura dei “caramba” :-), netta è la sensazione di trovarsi già oltreconfine.
Una terra di mezzo mitteleuropea a ridosso della madre patria austriaca distribuita tra montagne e innumerevoli valli, veri e propri mondi appartati ed autoreferenziali.
L’assolata Val Venosta è una di queste e, grazie al suo microclima, la sua frutta, mele in primis, ed i suoi ortaggi sono una prelibatezza di fama nazionale. I centri che si susseguono sulla placida e tranquilla statale sono piccoli e davvero ospitali.
Si respira benessere in ogni dove, anche presso un tipico panettiere assaggiando un semplice strudel.
Capitale gastronomica della valle è Castelbello con il Kuppelrain di Jorg e Sonya Trafoier.
Il villino, o vecchio maso che sia,sorge in prossimità della stazioncina Castelbello-Maragno dove ferma il romantico trenino della valle, linea ripristinata da pochi anni.
Il giardino prospiciente l’ingresso è molto accogliente

390

e gli interni davvero luminosi e piacevoli.

390

Appena dentro subito ho notato l’indaffarato Jorg, da me scambiato inizialmente per un giovane commis di sala, che insieme alla moglie governa con sicurezza la sala di questo ristorante aperto dalla coppia nel 1988 (!!).
Alla cordiale gentilezza di Sonya Trafoier si aggiunge la sua abilità di sommelier che mi ha consigliato , attingendo da una ricca e “maneggiabile” carta dei vini, di assaggiare un grande riesling di Kallfelz: il Merler Konigslay terrassen 1999

390

La cucina è legata al territorio da cui lo chef, conoscendone i segreti, attinge generosamente raggiungendo uno stile che, pur saldamente ancorato alla tradizione, è molto alleggerito e costellato da spunti innovativi.
Così dopo aver gustato un sacrosanto speck “local”, accompagnato da burro al coriandolo, olive e rose ed olive taggiasche

390

390

ecco le delicate capesante marinate nel lime con olio ligure, riduzione di mela, melograno, calendula, fiordaliso ed un tocco di salvia

390

Sempre per restare in tema di variazioni di frutta ecco il tortino di foie con gel all’arancia e gewurtztraminer con spuma di sambuco alla salvia e gelato all’albicocca. Se il tortino è delizioso ed inappuntabile mi è sembrato invece che la spuma (deputata alla funzione sgrassante) peccasse un po’ di concentrazione

390

Convincente, e classica, anche la tartare di vitello con testina di vitello arrostita e patate guarnita da vinaigrette e crescione con panna acida e pane di segale

390

Potevano mancare i canederli? Assolutamente no ed eccoli allora in una variazione allo speck con crescione ed erba cipollina con crema di gallinacci

390

Di livello anche i tortelli di ortica, fonduta di formaggio di capra, tartufo estivo e malva

390

ma soprattutto i delicati gnocchi di rose con polipo, gallinacci e schiuma di pesce (foto di apertura). Portata molto elegante cui però il tocco iodato non è sufficiente a bilanciare i sapori decisi degli altri ingredienti.
A seguire la costoletta di maialino con gambero d’ordinanza e crema di lenticchie beluga

390

e la sella di capriolo, tortello di crauti rossi, porcini e foie, piatto un po’ troppo opulento e carico di sapori ma caratterizzato, come il precedente del resto, da qualità della carne e cottura perfette

390

Trait d’union tra le pietanze salate e dolci ecco i tagliolini al cacao, spuma di parmigiano san marienberg e tartufo nero, portata che francamente mi sentirei di definire superflua

390

Il vero pre-dessert è stato la spuma alla vaniglia con panna cotta, sorbetto alle rose e le ultime fragole della stagione tutto davvero di ottima fattura

390

cui è seguito il buon semifreddo alle mandorle e noci, fragole e salsa al cioccolato bianco, rape rosse e gelato alla menta(nel tentativo, da me non molto apprezzato, di dare un tocco di freschezza).

390

390

il pregio: La celebrazione delle risorse locali.

il difetto: L’impressione che lo chef abbia i mezzi per fare di più.

390

Ristorante Kuppelrain
Piazza stazione 16 località Maragno.Castelbello Ciardes.
Tel 0473624103
Chiuso domenica e lunedì a pranzo.
Menù degustazione tradizionale 90 euro(6 portate),80 euro(5 portate). Creativo 100 euro(6 portate),90 euro(5 portate).Alla carta circa 80-90 euro.

www.kuppelrain.com

Visitato nel mese di Settembre 2010
Visualizzazione ingrandita della mappa

Norbert

2 Commenti.

  • Avatardavide29 Settembre 2010

    un buon indirizzo per lo speck , veramente buono, ma io di maiali non ne ho mai visti in Alto Adige, dove li tengono nascosti non lo sa neanche Bigazzi

  • AvatarPuccio30 Settembre 2010

    O anche per le Saint-Jacques... a parte questi dettagli territoriali, gli piace proprio darsi delle "arie" allo chef!

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *