Passione Gourmet YOSHI , Joel Robuchon & Takeo Yamazaki . Montecarlo - Il Guardiano del Faro - Passione Gourmet

YOSHI , Joel Robuchon & Takeo Yamazaki . Montecarlo – Il Guardiano del Faro

Recensito da Presidente

Valutazione

Pregi

Difetti

Visitato il 10-2020

Senza Valutazione.

Img_2736

Ho sempre preferito la compagnia di ragazze molto più giovani di me.
E qualcuno penserà : sai che novità, pure io lo farei.
No, non è così semplice.
Non è facile fare il professore.
Soprattutto quando non lo senti quel ruolo.
Io preferisco imparare, la contraddizione è evidente e non l’ho mai risolta.
Per me fino all’altro giorno Yoshi era solo il ricordo di un gioco Nintendo condiviso su un divano con una giovanissima universitaria.
Il docilissimo draghetto che aiutava Super Mario a uscire da ogni livello di difficoltà.
Se decidi di scendere di età ti può toccare anche di tentare di risolvere quesiti non proprio universitari.

Per me la cucina giapponese non è affatto semplice da capire , spesso N’Intendo,
A me piace capire le cose, ma non è detto che questo sia sempre possibile.
Che cappero ne so della loro cultura?
Non sono mai andato in Giappone.
Il mio apice sul tema gastronomico è stato l’indimenticabile Suntory milanese .

Certo, sashimi, sushi, teppan yaki, tempura…
Come al primo corso di tedesco dove sapevo solo dire Porsche, Telefunken e Bundes Liga .
Con il tempo questi termini e questi modi di intendere la cucina si sono diffusi e abbiamo imparato in molti a riconoscere quando un , o una tempura è ben fatta oppure no.
Così come quando un pesce o un crostaceo sono impeccabili di freschezza.
Ma il modo, il perché, il come, il quando, il con che cosa ?
Se non hai molti riferimenti come fai a valutare con giudizio?

Questo non toglie che raramente mi sono così divertito, su quel lungo divano, in mezzo ad un vario mondo cosmopolita che solo Montecarlo può concentrare in venti metri quadri.

Ancora una volta su un divano, a giocare con Yoshi.

Qui Yoshi perde le sembianze di cucciolo di drago , diventa simpatico orsetto e fa bella mostra di se all’ingresso con il ruolo di mascotte di questa allegra banda di giovani impiegati europei e asiatici .

Ma non è quello dell’immagine di apertura, quello è Teddy.

Non serve entrare nella splendida hall del Metropole Palace, Yoshi è defilato, timido, riservato e simpatico.

img_2739

img_2739

A tavola.

Img_2743

Salvietta bollente e profumata.

Img_2743

Ecco, per cominciare già non saprei dire se questa è una cosa classica giapponese o se Robuchon se lo sia inventato e poi si sia messo li con le sue manine e abbia marinato questi cetrioli, acidi, dolci , piccanti e con crunch finale di sale grosso. Strepitosi!

Img_2743

Kir Royale framboise, di traverso, in omaggio al maestro del trasversale.

Img_2743

Bento Box Menù. Sono parecchie le proposte ma ho scelto questo perchè mi piaceva il nome.

Img_2743

Qui ci sono radici giapponesi , germogli di soja e la sua salsa : si è buono.

Img_2743

Sali e condimenti da usare a piacere.

Img_2743

Tempura di verdure. Buone calde, tiepide, fredde.
Fantastica fragranza e qualità dei vegetali superba. Gambero a guarnire.

Img_2743

Bento Box, i primi scomparti a temperatura ambiente, l’ultimo chiuso a mantenere la temperatura.

Img_2743

Sashimi, wasabi, zenzero, gelatina acida, germogli e radici.

Img_2743

Fruits de mer, ma anche aglio, pomodoro, limone e sensazioni piccanti.

Img_2743

Rape bianche, granchio e frittata, così così, nonostante la salsetta ruffiana.

Img_2743

Semplicemente ottime verdure vivacemente spadellate: asparago, taccola, pannocchia, rapa bianca, fagiolini verdi ecc…

Img_2743

Niente tè.
Niente sakè.
Pibarnon rosè! In Provenza siamo .

Img_2743

Tempura ancora buonissimo , anche mezzora dopo.

Img_2743

Qui sostanzialmente c’è del salmone crudo, le sue uova, ancora una fettina di frittata e di sotto del riso bollito.

Img_2743

Questo black cod Alaska marinato e cotto è strepitoso per consistenza ma molto dolce al palato.

Img_2743

Il pollo, sembra lavorato similmente ed il risultato pure.

Img_2743

Questa zuppa di miso sa di affumicato, riconosco lemon grass e polpo. Il resto è sfocato.

Img_2743

Le otto ciotole del menù, manca un immagine in dettaglio (foto inguardabile), credo si chiami Tsukemono : ortaggi in salamoia o sottaceto molto grintosi e croccanti.

Img_2743

Belìn che lampadario!

Img_2743

Il piacevolissimo dessert di yuzu, cannella, mela e croccante di sesamo.

Img_2743

E il suo abbinamento, che sembra all’Amaretto di Saronno.

Img_2743

Img_2743

Img_2743

il pregio : Tutti sul divano a giocare con Yoshi.

il difetto : I prezzi dei vini.

Yoshi
Hotel Metropole Palace
4, Avenue de la Madone
Montecarlo – Principato di Monaco
tel + 377 93151313
Numero coperti : 30
Chiuso :Lunedi
Prezzi: alla carta 80 – 400 euro
Menù degustazione : 29 – 49 – 90 – 120

http://www.metropole.com/

Visitato nel mese di Marzo 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

gdf

Img_2743

24 Commenti.

  • AvatarFabrizio22 Marzo 2010

    Nella prima foto sotto quella del menù, la radice che tu dici è quella di fior di loto rosa.

  • Avatarvelavale22 Marzo 2010

    non ho capito ti è piaciuto?

  • AvatarFabrizio22 Marzo 2010

    ci sono delle volte che i voti è preferibile non darli. la domanda giusta sarebbe: perchè non ha dato un voto?

  • AvatarKriss22 Marzo 2010

    Vorrei essere sul divano con yoshi, che carino!

  • Avatarmassisol22 Marzo 2010

    faccio come doveroso i complimenti a Roberto... bella non credi l'idea di usare (osando se vuoi) il limone a "tocchi"?

  • AvatarKriss22 Marzo 2010

    N'Intendo è chiaramente Sararlico.

  • AvatarIl Guardiano del Faro23 Marzo 2010

    Ci ho messo dentro parecchia melma cerebrale qua dentro . Ne parliamo domani? massi lo vedo messo a livello, si, intendo o Nintendo ma prendi il limone a tocchi, e strizzalo dentro l'Hendricks ;-)

  • Avatarnicola cavallaro23 Marzo 2010

    Ciao Robi come mai niente voto... anche se conoscendoti pochino credo di aver capito.

  • Avatarbreg23 Marzo 2010

    Secondo me nelle intenzioni di GdF meglio giocare sul divano ....senza Yoshi :)

  • AvatarIl Guardiano del Faro23 Marzo 2010

    Come si può leggere tra le righe non mi sento di classificare un locale che propone una tipologia di cucina che non conosco abbastanza. Forse dopo una decina di giapponesi di alto livello potrei farlo ma per ora no ;-) Erano parecchi anni che non mi sedevo da un vero giapponese. Per ora mi limito a raccontare delle sensazioni, che tutto sommato in questo caso sono positive. Probabilmente sarebbe una valutazione blu, perchè credo che questa sia la loro tradizione, e ci tornerò sicuramente , ma per mangiare alla carta . Le cose più buone a mio gusto sono state le verdure, in tempura , marinate , saltate o crude. L'aspetto vegetale del menù è stato straordinario a mio gusto. Poi ci sarebbe anche da pensare sul modo in cui le cose ti vengono portate. Della dozzina di preparazioni che ho assaggiato, almeno 9 sono arrivate al tavolo contemporaneamente. Questo può spaesare o portare confusione, ma cambiando modo di vedere le cose questo può invece essere inteso come maniera giocosa di mescolare mille cose per vedere che sapori complessivi ne escono. Si fa un po' di Con-Fusion ma è divertente.

  • AvatarIl Guardiano del Faro23 Marzo 2010

    Caro Breg, dopo i quaranta non bisogna esagerare, mai andare oltre i 25... :D

  • Avatarbillythekid23 Marzo 2010

    Le divagazioni "femminili-anagrafiche" del GDF (che, pur avendo meno di quarant'anni, condivido incondizionatamente) son quasi interessanti quanto le sue recensioni (di cui tutti qui conosciamo la forza)...

  • AvatarGiovanni Lagnese23 Marzo 2010

    Anch'io condivido, pur avendo una quindicina d'anni meno di te, billythekid. Giovanni

  • Avatarnicola cavallaro23 Marzo 2010

    Quello che per te è con-fusion in realtà dovrebbe seguire uno schema prestabilito, ossia quello della convivialità che nelle cene in oriente. L'asciugamano arrotolato :prima di iniziare a mangiare i commensali ricevono gli "oshibori" ossia i piccoli asciugamani inumiditi che servono sia da lavamani che da tovaglioli. Vengono serviti caldi in inverno e freschi d'estate. Le portate tutte insieme: Tutte le portate vengono servite allo stesso tempo dato che ,non esiste la divisione occidentale in pantipasti primi etc i ecc. Si inizia con un brodo o una zuppa e via via tutti gli altri piatti dando mangiandoli a seconda del loro sapori così vegetali prima pesce poi carne, partendo sempre e cmq dal riso bianco. Le zuppe si bevono dalle ciotole, gli ingredienti solidi si prendono con le stesse, non è maleducazione nel loro modo di vedere portare le piccole zuppiere verso la bocca aiutandosi con la mano destra tenendo i bastoncini per prendere il cibo. Mentre non si usano le bacchette non si appoggiano sul tavolo ma negli apposuti sostegni (hashioki), con le stesse non è maleducazione indicare le cose, e pensano porti sfortuna incrociarle. Non ci si versa da bere da soli, ma è il padrone di casa a farlo, lui non si serve ma viene servito da uno dei suoi commensali dopo aver versato a tutti. E cosi via .... E' un mondo con aspetti molto diversi, a volte curiosi ma di grandissimo interesse. Un particolare interessante è che è vietatissimo soffiare il naso a tavola.

  • Avatarbillythekid23 Marzo 2010

    @giovanni lagnese Io ho 35 anni. Quindi sei un ventenne! Se è così, sono stupefatto (leggendoti uno si fa l'idea di una certa esperienza).

  • AvatarGiovanni Lagnese23 Marzo 2010

    Allora sono una decina in meno. Pensavo fossi "sotto" i quaranta. Giovanni

  • Avatarbillythekid23 Marzo 2010

    @giovanni lagnese Che ragazzo strano che sei. Sono meravigliato! Pensavo fossi un cinquantenne ...

  • AvatarGiovanni Lagnese23 Marzo 2010

    Io pensavo tu fossi un centocinquantenne! Giovanni

  • AvatarIl Guardiano del Faro23 Marzo 2010

    Ottima consulenza quella di Nicola! Allora adesso posso scendere nei dettagli e se hai voglia mi dirai quindi quanto c'è di rigidamente tradizionale e quanto sia stato occidentalizzato in questa sequenza. Fortunatamente non avevo il raffreddore! :-) La mise en place da tavolo la vedi, in seguito è arrivata la salvietta di spugna caldissima, ho dovuto attendere qualche minuto per poterla usare sulle mani. Prima ho avuto l'amuse bouche con l'aperitivo ( i cetrioli), poi è arrivata singolarmente la ciotola con quello che mi è stato presentato come "salsifis japonais et soja" . Quindi è partito l'attacco: prima i sali e i condimenti caldi e freddi. Di seguito la tempura, a ruota i tre box e successivamente la ciotola con la zuppa. In cinque minuti questa serie. Riportato via tutto questo, è arrivato il dessert, seguito poi dalle mignardies. Solo qui mi è stato portato d'ufficio un cucchiaino, per il resto sono riuscito a cavarmela con i bastoncini. In realtà qualcuno attorno a me usava un cucchiaio nero anche con la zuppa, ho provato anch'io ma era così poco pratico che era veramente meglio andarci direttamente dentro con il naso, anche per accentuare l'effetto fumè. Nel complesso, qualcosa credo sia stato quindi occidentalizzato. Dimmelo tu che lo so bene, conosci sicuramente molto bene quella cultura, anche più di alcune cucine europee. Ecco, tu potreste essere un buon tester . Se ci vai e ci dici: Si, questo è veramente un grande ristorante giapponese ! E così ci leviamo qualsiasi dubbio ;-)

  • Avatarbillythekid23 Marzo 2010

    @giovanni lagnese Comunque, anche se mi dai del tonto, mi sei simpatico e mi colpisci molto.

  • AvatarGiovanni Lagnese23 Marzo 2010

    Io, invece, se non ci fosse il deterrente della giustizia, eliminerei fisicamente parecchia della gente che disprezzo. Giovanni

  • Avatarnicola cavallaro23 Marzo 2010

    A guardare piatti e preparazioni, leggendo il menu sembra che voglia essere inteso come un family style restaurant, me lo fa pensare la presentazione che pur di grande effetto in Giappone sarebbe estremamente più curata. E il fatto che ci siano dei piatti come il chirashi che in genere si usa mettere nei pranzi/cene in famiglia. Per quanto riguarda il "giapponesità" dei piatti alcune vivende come il ceviche di chiara origine sudamericana fanno pensare a un Giapponese non tanto europeizzato bensì americanizzato. Vedi l'ultima apertura di Jean Jorges dopo un lungo periodo in oriente lo Spice Market di New York.

  • AvatarGiancarlo24 Marzo 2010

    GDF, conosco una ragazza di Meda che potrebbe aprire una rubrica dedicata al Jap su PassioneGourmet....anche Cauzzi la conosce :-)))))

  • Avatarcatia saletti25 Marzo 2010

    bada che in giappone per...lavoro perche si deve capire non ci viene

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *