Passione Gourmet Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano (LE) - di Carlo Cappelletti

Farmacia dei sani

Ristorante
piazza del popolo 14, Ruffano (LE)
Chef Valentina Rizzo
Recensito da Carlo Cappelletti

Valutazione

14/20

Pregi

  • Favorevole rapporto qualità prezzo.
  • Il livello dei dolci.

Difetti

  • La carta dei vini migliorabile.
Visitato il 12-2016

La tradizione, un po’ come la mano del “Principe” di Mario Brega, a volte può essere piuma e a volte ferro e, se nel primo caso si può usare per spiccare il volo, nel secondo rischia di mandare a picco anche le più alte aspirazioni. Nel Salento, territorio baciato da un successo turistico e di popolarità che, inizialmente ritenuto un fuoco di paglia, dura ormai da un decennio, giocare con la tradizione è camminare su un terreno minato. Ciò è in primo luogo dovuto al legame fra il successo della regione e aspetti strettamente connessi con il folklore locale (come il successo della Notte della Taranta e della moltitudine di eventi musicali e non ad essa collegati) e, in secondo luogo e al contempo come effetto di quanto sopra, a una certa retorica ormai localmente consolidata che non vede di buon occhio qualunque tentativo di discostarsi dalle solide matrici culturali di questa terra, fino a pochi lustri fa così isolata dal resto dello stivale.

Mantenersi in equilibrio non già fra i frusti concetti di tradizione e innovazione ma, ancor più radicalmente, fra qui e ora, è impresa titanica a Lecce e lo è ancor più in un borgo come Ruffano, aggrappato su una delle poche e basse alture dello spicchio più meridionale del Tacco, ma è ciò che i fratelli Rizzo sono riusciti a realizzare in quel piccolo scrigno che è la Farmacia dei Sani. Valentina, la bimba di casa, tatuaggi esibiti, mani che sembrano trattenere l’energia e sguardo che quasi si scusa per l’inconveniente di essere assai brava ai fornelli, governa da dietro le quinte la cucina che in principio fu di mamma Ada, scomparsa due anni fa. In sala, i fratelli Roberto e Fabio si occupano con premurosa leggerezza di una clientela che, anche se in turno infrasettimanale, troviamo numerosa in una serata d’inverno.

In carta, fra un aperitivo fortemente geolocalizzato, una crema di fave e cicorie e uno gnumareddo che fa capolino fra i secondi, ecco la cacio e pepe con bottarga e alga nori o un prezioso baccalà confit con salsa di pomodori d’inverno scoppiati e salsa pilpil a ritarare la bussola di questa tavola. Niente che possa stravolgere la vita del gourmet ma tanto, tantissimo per un luogo che si presenta come poco più che una trattoria di paese.

Fra qualche ridondanza di note lattiche e un paio di passeggiate in bilico su sapidità ai limiti del lecito, riscontriamo molti più alti che bassi. In un locale che presenta solo la carta, l’abbozzo di menu degustazione richiesto per provare più piatti ha complessivamente retto il colpo e mantenuto alto l’interesse fino al termine, con la sorpresa finale di una mano assai felice in pasticceria. Tu chiamalo, se vuoi, picco glicemico.
Carta dei vini condensata in una pagina con troppo o troppo poco Salento, a seconda dei punti di vista: non esaustiva ma complessivamente monotona, ha però il merito di ricarichi di dolcezza estrema, a far pendant con molte delle etichette in carta e in linea con un rapporto qualità prezzo generale a forte rischio di abbonamento.

L’antipasto salentino: pittula con patata dolce, polpetta di melanzana su ricotta di pecora, caciocavallo podolico in crosta di sesamo (quasi impercettibile) e capocollo di Martina Franca.
antipasto, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
L’eccellente focaccia al rosmarino e il cestino del pane.
focaccia, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
L’ottimo olio Muraglia.
olio, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Cipolla gratinata e crema di parmigiano 36 mesi. Inevitabilmente oldaniana nell’effetto, ha in realtà la sua forza nell’equilibrio fra parte bruciata e parte dolce. Il Parmigiano, va da sé, dona a tale equilibrio una lunghezza gustativa di proporzioni wagneriane.
cipolla, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Baccalà confit salsa di pomodori d’inverno scoppiati e pilpil.
baccalà, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Spaghettoni con colatura di alici limone e pistacchi, con qualche mania di protagonismo della colatura.
spaghettoni, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Mezzemaniche cacio & pepe, bottarga di muggine e alga nori. Qui, sorprendentemente, non si riscontrano i problemi di sapidità del piatto precedente. Ottimo piatto, con sorprendente equilibrio fra iodio e animalità. La scelta del pepe di Sichuan toglie forse un po’ di “kick”.
mezzemaniche, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Ravioli di manzo, scamorza fondente e ristretto. Piatto eccessivamente primario, grossolano nella concezione rispetto al resto delle preparazioni provate.
ravioli, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Ramen di spaghettini con verdure selvatiche e costina di maiale. Divertente interpretazione salentina di uno dei piatti più in voga. Forse con queste varietà vegetali il miso lavorerebbe meglio dell’abbondante salsa di soia qui presente, ma il piatto “lavora” bene anche così.
ramen, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Gnunmareddi affumicati, carciofi arrostiti e zabaione alla senape. Qui l’accostamento originale permette il superamento del mero piatto tradizionale: chapeau.
gnunmareddi, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Frolla, lemon curd e meringa italiana. Molto bene.
meringa, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Anarchia di cioccolato: scenografica presentazione a cura di Valentina Rizzo. Certo l’originalità della forma non abita qui ma il risultato è, francamente, un dolce al cioccolato vario, interessante e terribilmente buono.
cioccolato, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano
Il vino della serata.
vino, Farmacia dei sani, chef Valentina Rizzo, Ruffano

1 Commento.

  • Pino28 Agosto 2018

    Ma sono assagini?

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *